Una forte riduzione delle esportazioni di petrolio: quali sono le conseguenze positive per la Russia


Circa due mesi fa, la tradizionale pubblicazione dei risultati mensili dell'industria mineraria russa è stata posticipata per la prima volta. Poco dopo, il "trasferimento" si è trasformato in un divieto permanente. L'Ufficio Centrale di Spedizione del Complesso Combustibili ed Energia (CDU del Complesso Combustibili ed Energia, una struttura del Ministero dell'Energia) ha cessato di fornire al pubblico dati precisi sulla produzione e l'export di petrolio.


Ciò è stato fatto per evitare di esercitare pressioni sulle aziende dell'industria russa suscettibili di manipolazione. Tuttavia, dato questo stato di cose, le agenzie di stampa occidentali hanno iniziato a mostrare ancora maggiore attenzione a questo settore, come se si aspettassero di scoprire qualcosa di tendenzioso. Esaminando i dati sulla flotta mercantile forniti da siti aperti che tracciano il carico marittimo, Bloomberg ha concluso che le esportazioni di petrolio dai porti orientali della Russia sono diminuite drasticamente.

Secondo la pubblicazione, nel periodo tra la fine di aprile e la prima decade di maggio, è stata inviata all'estero una sola petroliera, mentre all'estero sono previsti almeno sei voli di petroliere. Il carico era con olio di marca Sokol prodotto da Exxon Neftegas nei campi del progetto Sakhalin-1. Per il resto dei voli di linea, queste compagnie di tracciamento non sono state registrate, molto probabilmente sono state cancellate.

Ovviamente, questo sta accadendo in connessione con le sanzioni occidentali, che complicano la conduzione degli affari per l'intera catena: per le società di trasporto, così come per le imprese minerarie straniere che hanno progetti comuni nella Federazione Russa. Il calo della produzione e, di conseguenza, delle esportazioni ha colpito non solo la Exxon, ma anche altre, comprese le società nazionali. La produzione si riduce a causa di una diminuzione e di una certa ridistribuzione della "geografia" delle esportazioni.

Naturalmente, non ci si deve aspettare e temere una completa cessazione sia della produzione che dell'esportazione. Un tale sviluppo di eventi è impossibile a causa dell'ampia domanda interna e della presenza di una base di elaborazione sviluppata. Inoltre, la saturazione del mercato russo con un eccesso di prodotti petroliferi nazionali influirà sul prezzo finale di prodotti, benzina e altri combustibili. Diminuiranno all'aumentare dell'offerta.

Per quanto riguarda la riduzione o la cessazione del flusso di "petrodollari" al bilancio della Federazione Russa, poi, come hanno notato in precedenza gli stessi esperti di Bloomberg, i ricavi delle esportazioni cresceranno ancora, poiché vengono vendute meno materie prime, ma a un costo molto più elevato.

In futuro, solo il divieto di fornitura di nuovi occidentali tecnologia per l'industria nazionale, che potrebbe rallentare l'introduzione di nuove capacità produttive in sostituzione dei campi esauriti. Naturalmente, ciò accadrà solo se la sostituzione tecnologica delle importazioni non sarà stabilita nel prossimo futuro.
  • Foto usate: pixabay.com
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 15 può 2022 09: 20
    +3
    Non tutto è così semplice con il petrolio, non ci sono dati affidabili.

    1. Ci sono state segnalazioni secondo cui le petroliere russe stanno disattivando i sistemi di posizionamento e quindi i dati di tracciamento non possono più essere affidabili.
    2. Il calo della produzione nei pozzi petroliferi è più facile da regolare che nei pozzi di gas. La domanda interna è ampia, ma non è in grado di digerire tutta la produzione.
    3. Non è stata ancora osservata la riduzione di prezzo per l'intera linea di prodotti legati al petrolio. A proposito, non c'è diminuzione di quei beni che sono stati acquistati in valuta estera. Il tasso di cambio è sceso, ma non c'è prezzo.
    4. Il petrolio russo viene venduto con un grande sconto. L'India è diventata il principale acquirente. Ma compra a 80 dollari al barile. E ora sta negoziando per un prezzo di 70 dollari. Quindi non c'è motivo di aspettarsi super profitti dal petrolio.

    Sommario. Non ha senso vendere olio a prezzo scontato. Se non ti piace, non comprarlo. Poi ci saranno i super profitti. E devono essere immediatamente trasferiti allo sviluppo del complesso petrolchimico. Questo non è un processo veloce. Ma l'unico vero.
    1. Rimonta Офлайн Rimonta
      Rimonta (palude) 15 può 2022 10: 20
      0
      Citazione: Bakht
      Il tasso di cambio è sceso, ma non c'è prezzo.

      Il tasso di cambio tiene traccia della differenza di inflazione del dollaro e del rublo.

      Citazione: Bakht
      non vi è alcuna diminuzione di quei beni che sono stati acquistati per la valuta.

      Anche il rublo si sta gonfiando, anche se molto meno del dollaro.
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 15 può 2022 13: 50
        +3
        Il tasso di cambio tiene traccia della differenza di inflazione del dollaro e del rublo.

        ??

        I prezzi interni delle merci non dipendono dai prezzi mondiali espressi in dollari o euro. In ogni caso, un ordine del genere è stato dato dalla FAS due mesi fa.
        L'inflazione è il deprezzamento del denaro. In questo caso, vediamo il rafforzamento del rublo. Ma non tagli di prezzo.
        Secondo le decisioni prese dalla Banca centrale russa e le istruzioni del governo, la Banca centrale ha ora smesso di monitorare l'obiettivo dell'inflazione ed è passata a fornire al rublo beni reali. Questa è domanda e offerta. A rigor di termini, ciò significa che il tasso di cambio all'interno del paese non dovrebbe interessare affatto a nessuno. Se il prodotto viene prodotto per mille rubli (costo), deve essere venduto per gli stessi mille (più la commissione del produttore). E questa commissione non dovrebbe essere eccessiva al 20-30% o addirittura al 100%. Il 5-6% di profitto è sufficiente per il produttore.
        Un modello interessante era nell'URSS sotto Stalin. Qual è la politica degli "zero corridoi". Ritengo che l'IVA sia particolarmente devastante. A proposito, questa tassa è stata introdotta in Francia a metà del 20° secolo.
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 16 può 2022 11: 21
    +1
    Il reddito della Federazione Russa derivante dall'esportazione di petrolio e prodotti petroliferi nell'UE è stimato a circa il 30% e se entro la fine dell'anno viene introdotto un embargo, non solo l'UE ma anche altri consumatori solidali con l'UE , quindi non sono visibili aspetti positivi in ​​questo.
    Se qualcuno vede un positivo nel riorientamento delle forniture verso Cina e India, approfittando poi della mancanza di alternative, richiederà sconti significativi, che andranno comunque ad incidere sulle entrate di bilancio, e non sarà inoltre possibile compensare il budget perdite riorientando al mercato interno.