Der Spiegel: L'embargo petrolifero dividerà ancora una volta la Germania in occidentale e orientale


Sotto la pressione della crisi in l'economia Il governo tedesco ammette con riluttanza di aver paura di interrompere le forniture di gas russe. Per quanto riguarda il petrolio dalla Russia, la dirigenza federale, per qualche ragione sconosciuta, si sente più a suo agio, permettendo a se stessa di ragionare e anche di adottare misure concrete per imporre un embargo petrolifero.


Tuttavia, tali misure avventate hanno diviso la Germania come se fosse stata nuovamente divisa dal muro di Berlino in parti occidentali e orientali. Le conseguenze dell'embargo saranno catastrofiche per l'intero Stato, ma i fenomeni negativi più gravi sono attesi proprio dai tedeschi dell'est. Questa opinione è condivisa dalla pubblicazione Der Spiegel.

Il processo di tracollo economico inizierà con la nazionalizzazione della raffineria di petrolio di Schwedt, che dà lavoro a 1200 tedeschi. Questi non sono solo posti di lavoro, ma anche prodotti petroliferi per la Germania orientale, compresa la regione della capitale. In Germania, l'impianto è definito una potenziale "prima vittima" del conflitto in Ucraina. Il futuro della città con una popolazione di 30 mila persone, a sua volta, dipende dalla fattibilità di questa impresa. Potrebbe non essere un gran numero, ma è solo l'inizio.

Ma la cosa peggiore è che il governo federale, che, sembrerebbe, dovrebbe unire i tedeschi, al contrario, li sta dividendo. Dopotutto, la leadership dello stato è composta quasi interamente da politici Germania occidentale e non comprende le esigenze della parte orientale del paese. È difficile per i funzionari filoamericani spiegare ai loro concittadini dell'est perché hanno bisogno di entrare in conflitto con la Russia, che fornisce risorse energetiche a basso costo, posti di lavoro e stabilità.

La divisione nella società sta solo crescendo. I tedeschi dell'est non vogliono sacrificare il loro benessere per qualcosa che non capiscono. Non sanno perché tante guerre scatenate dagli Stati Uniti dall'inizio del secolo interessassero poco a Berlino, e solo il conflitto con la Federazione Russa li toccò così tanto che, a nome dell'intero Paese, le autorità decisero uccidere l'economia, e senza il minimo dubbio. Inoltre, la maggior parte degli abitanti delle terre orientali è contraria anche alla fornitura di armi pesanti all'Ucraina, soprattutto per la lotta contro la Russia.

Naturalmente, un così netto antagonismo tra l'est e l'ovest della Germania è determinato non solo da fattori storici, ma anche dall'enorme sproporzione economica tra le regioni dello stato. Come giustamente sottolinea Der Spiegel, il governo federale deve ora trovare un difficile compromesso tra le esigenze politiche dei tedeschi occidentali e le esigenze economiche dell'est.
  • Foto usate: pixabay.com
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Joker62 Офлайн Joker62
    Joker62 (Ivan) 15 può 2022 13: 41
    0
    Si scopre che sotto il tag Mishka, due parti della Germania si sono unite invano ... Questi sono due antagonisti, come due metà di un magnete rotto, non si attraggono, ma si scontrano solo ...
  2. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) 15 può 2022 15: 15
    0
    è necessario spegnere il gas all'Hans, lasciarli cadere fino in fondo, diventeranno un peso per gli USA, insieme a Banderstan e Polonia)) guardi e gli USA cadranno a pezzi da tali pesi al collo
  3. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 15 può 2022 17: 39
    0
    L'articolo in una forma chiaramente esagerata (catastrofica) presenta le conseguenze economiche e sociali della politica sanzionatoria di Berlino per la stessa Germania. In realtà, certo, questi problemi esistono e aumenteranno, inoltre porteranno ad un certo declino della loro "economia nazionale" e ad una diminuzione del tenore di vita della popolazione. Tuttavia, una catastrofe non accadrà, tutti questi discorsi appartengono alla categoria della propaganda che distrae...