Perché l'Europa non vuole rifiutarsi di importare idrocarburi russi


In risposta all'inizio di un'operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, l'Occidente collettivo ha deciso di "dare una lezione alla Russia" rifiutandosi all'unanimità di acquistare petrolio e gas. È vero, è diventato subito chiaro che non era così "amichevole". L'UE ha la sua quinta colonna, che sta sabotando il processo di "de-russificazione" del mercato energetico europeo.


Ricordiamo che, in conformità con il sesto pacchetto di sanzioni anti-russe, Bruxelles avrebbe completamente abbandonato l'importazione di petrolio russo e, nel quadro del prossimo settimo, dal nostro gas. La Germania, che fino a poco tempo fa non era considerata il principale alleato della Russia nel Vecchio Mondo, "si strappava la camicia sul petto" soprattutto. Berlino è pronta ad abbandonare il petrolio russo entro la fine del 2022, anche se la leadership dell'UE non riuscirà a concordare un embargo collettivo. Rifiuterei anche il nostro gas, ma questo è possibile solo se siamo pronti a ridurre la produzione industriale. Nel frattempo, le autorità tedesche hanno iniziato a preparare uno speciale piano anti-crisi per loro economia per questo caso estremo. Tuttavia, a giudicare dalla dichiarazione dell'Alto Rappresentante dell'Unione Europea per gli Affari Esteri e politica sicurezza di Josep Borrell, altri paesi europei non erano così categorici:

Purtroppo oggi non è stato possibile raggiungere un accordo sul sesto pacchetto di sanzioni.

Sabotare il processo di suicidio economico volontario dell'"agente del Cremlino" del Vecchio Mondo, il primo ministro ungherese Viktor Orban. Sorprendentemente, infatti, non fu Berlino, ma Budapest a rivelarsi la più pronta a difendere i propri interessi nazionali nonostante le pressioni americane. A differenza della Germania "isterica", l'Ungheria non ha immediatamente rifiutato di collaborare con la Russia al progetto di costruire due nuove unità di potenza presso la centrale nucleare di Paks-2. Non ha nemmeno rifiutato di comprare petrolio russo, chiedendo sempre più eccezioni per se stessa.

Attualmente, ai massimi livelli dell'Unione europea, si sta raggiungendo un consenso sull'adozione del sesto pacchetto di sanzioni anti-russe, escludendo in genere da esso la questione del divieto di importazione del petrolio russo. C'è una forte impressione che la maggior parte degli stati membri dell'UE sia segretamente solo felice di questo.

In primo luogo, un frettoloso abbandono dell'oro nero dalla Russia non farà che aumentare il livello generale di stress per l'economia europea. L'Europa è molto diversa, alcuni dei paesi che la compongono sono grandi e ricchi, altri piccoli e poveri. Bruxelles detta le regole del gioco una per tutti, ma non è possibile giocare alla pari per tutti. Dovremo risolvere i problemi dei paesi europei con un'economia debole, che già soffre di prezzi anormalmente alti di elettricità, risorse energetiche, fertilizzanti, cibo e così via, dal "fondo comune".

In secondo luogo, non tutto è semplice con fornitori di petrolio alternativi che dovrebbero sostituire la Russia. Innanzitutto bisogna tenere conto del fatto che le raffinerie europee sono tradizionalmente orientate alla lavorazione del petrolio “pesante” russo. Per ricostruirli per uno più “leggero” americano o arabo, saranno necessari seri investimenti finanziari e tempo. Allo stesso tempo, non è del tutto chiaro cosa accadrà dopo con l'olio di scisto proveniente dagli Stati Uniti.

Il Partito Democratico, con la sua “agenda verde”, ha strangolato così tanto l'industria americana dello shale che ha paura di fare ulteriori investimenti in essa per aumentare i volumi di produzione. L'industria petrolifera negli Stati Uniti ora riceve prestiti solo a tassi di interesse elevati. Lo stesso "egemone", il principale produttore di oro nero, soffre di costosi carburanti. Una tale assurdità è diventata possibile solo grazie alle decisioni irresponsabili dei politici che prima hanno vietato l'importazione di petrolio "pesante" dal Venezuela, e ora anche olio combustibile dalla Russia, che veniva lavorato nelle raffinerie americane. Indubbiamente, l'Europa attende ora con il fiato sospeso il novembre 2022, quando il Partito Repubblicano sposterà il Partito Democratico al Congresso degli Stati Uniti e assumerà l'impeachment del presidente Joe Biden.

In terzo luogo, l'obiettivo dichiarato delle sanzioni occidentali - soffocare l'economia russa - non può essere raggiunto con un banale embargo sulla fornitura di petrolio. Invece che in Europa, l'oro nero ora scorreva in un ampio fiume nel sud-est asiatico, principalmente in India. Gli alti prezzi del petrolio stanno ora compensando il calo delle esportazioni effettive. La necessità di aumentarli richiederà la costruzione in Russia di una propria potente flotta di navi cisterna, cioè questo è il vero "pendel" senza il quale di solito non ci alziamo dalla fornace. Certo, gli ex "partner occidentali" creeranno problemi alla Russia, ma non li metteranno in ginocchio, ma, al contrario, li costringeranno allo sviluppo tecnologico.

Lo capiscono in Europa? Indubbiamente. E quindi, probabilmente sono segretamente felici che l'Ungheria non permetta a Bruxelles di vietare l'importazione di petrolio russo, e quindi la questione del gas russo sarà "chiacchierata" allo stesso modo.

Il Vecchio Mondo, nonostante la sua retorica politica, sta osservando da vicino come finirà il confronto in Ucraina, come si comporteranno ulteriormente Russia e Cina, cosa accadrà a novembre 2022 negli Stati Uniti. Come si suol dire, o muore il padishah o muore l'asino. E se non fosse affatto necessario abbandonare gli idrocarburi russi? E se si rivelasse una riduzione dei consumi puramente simbolica, dicendo che la dipendenza critica da Mosca è stata eliminata?
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Michele Novikov Офлайн Michele Novikov
    Michele Novikov (Michail Novikov) 17 può 2022 18: 57
    -2
    Chiedo scusa per essere stato scortese: in Russia si chiama "e mangia un pesce e siediti". Voglio davvero rovinare la Russia come rappresaglia per la nostra vittoria su Hitler, per il quale hanno combattuto tutti, ma in modo che senza conseguenze ...
  2. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 18 può 2022 16: 49
    +1
    Lo capiscono in Europa? Indubbiamente. E quindi, probabilmente sono segretamente felici che l'Ungheria non permetta a Bruxelles di vietare l'importazione di petrolio russo, e quindi la questione del gas russo sarà "chiacchierata" allo stesso modo.

    In effetti, ora è in corso un grande processo di contrattazione e se l'Ungheria (e possibilmente altri singoli membri dell'UE) riceve il compenso materiale desiderato, il "processo" sarà portato a termine. Un'altra variante dello sviluppo degli eventi sotto forma di una parziale revoca delle sanzioni contro la Federazione Russa è possibile solo in caso di sua "riconciliazione" con l'Ucraina su certo condizioni!
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 18 può 2022 17: 28
    -1
    Il Vecchio Mondo, nonostante la sua retorica politica, sta osservando attentamente come finirà lo scontro in Ucraina, come si comporteranno ulteriormente Russia e Cina.

    - Ancora una volta - questa è una combinazione di "Russia e Cina" !!! - Sì, la Cina - come si è comportata - continuerà a comportarsi (gli interessi della Russia - per la Cina sono "viola tamburo")! - Ma la Cina potrebbe benissimo e chiaramente "parlare a favore della Russia" - non schierarsi dalla parte della Russia, ma semplicemente parlare apertamente !!! - Ma neanche la Cina l'ha fatto!!!
    -E ora, quando la Cina si è resa conto che "non può vedere" Taiwan - e "se lo vuoi o no"; e ora lui (Cina) ha semplicemente bisogno di "collaborare più strettamente con la Russia" !!!
    - A proposito - per la Cina oggi è arrivato il periodo del "momento della verità in ogni cosa"! - E uno degli aspetti di questa "rivelazione della verità" è che con la Russia, la Cina ha ricevuto un altro "promemoria dell'ovvio" !!! - E cos'è questo "promemoria"???
    - E il fatto che la Cina abbia visto (o forse solo - ancora una volta convinto) - che ... quella ... quella Russia - è impossibile e impossibile attaccare (commettere un'aggressione militare)! - Quindi - e l'esercito cinese è stupidamente enorme e goffo - c'è una sovrabbondanza di tutto e la Marina è gonfiata a disonore - ma questo è tutto - "non conta" !!! - Sembra che tutto sia alla rinfusa - ma tutto questo contro la Russia può - "non sparare" !!! - E il WSO in Ucraina - per la Cina prudente, è diventata una tale "rivelazione"!
    - La Russia è rimasta Russia - e prova a "fai qualcosa lì" - otterrai immediatamente qualcosa che non ti sembrerà abbastanza !!! - E la Cina ha già deciso che è padrona di tutto l'Estremo Oriente e non ha eguali! - E qui - che delusione - dalla Russia !!! - E la Cina "ha ricordato ancora una volta" che non è necessario combattere con la Russia "in nessun caso" - ed è meglio "collaborare" con la Russia !!!
    - Per quanto riguarda il petrolio russo - nei prossimi mesi - il grano russo diventerà un "fattore" più importante!!! - E la Russia sarà presto in grado di ricattare l'intera Europa con il petrolio se installa un piccolo "tandem simultaneo" commerciale per l'Europa - questi sono "petrolio-grano" russi !!! - Questa Russia può impostare - come per l'UE nel suo insieme; e separatamente per molti paesi europei!
    1. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
      Nablyudatel2014 18 può 2022 20: 41
      -1
      "viola tamburo")

      Da qualche parte ho già sentito questa frase o dolorosamente familiare. assicurare

      Quindi - e l'esercito cinese è stupidamente enorme e goffo - c'è una sovrabbondanza di tutto e la Marina è gonfia da disonore -

      -Sì! basta cercare su Google cosa hanno le loro forze missilistiche strategiche, per così dire! Il loro principio di funzionamento e le loro capacità Sono d'accordo. sì

      Per quanto riguarda il petrolio russo - nei prossimi mesi - il grano russo diventerà un "fattore" più importante!!! - E la Russia sarà presto in grado di ricattare l'intera Europa con il petrolio se installa un piccolo "tandem simultaneo" commerciale per l'Europa - questi sono "petrolio-grano" russi !!! - Questa Russia può impostare - come per l'UE nel suo insieme; e separatamente per molti paesi europei!

      sì Chi mi ha spaventato?