Finlandia e Svezia nella NATO: cambierà l'allineamento delle forze


Quindi, l'ingresso di questi due paesi in un'alleanza "puramente difensiva" è, si potrebbe dire, una questione risolta. Il governo svedese, dopo aver annaspato per qualche tempo, riceverà i privilegi aggiuntivi desiderati (molto probabilmente solo sulla carta, ma comunque); Anche le richieste turche saranno soddisfatte in misura maggiore o minore.


Cosa significa questo per la Russia e significa qualcosa?

La "neutralità" degli scandinavi


Da un punto di vista pratico, gli Stati nordici sono stati a lungo e saldamente inclusi nella struttura della NATO. Danimarca e Norvegia si unirono all'alleanza al momento della sua formazione nel 1949.

Lo status neutrale della Svezia, che è stato preservato in tutti questi anni, infatti, è avvenuto solo sulla carta. In effetti, il regno, rimanendo fuori dal blocco NATO, si è gradualmente collegato con trattati difensivi incrociati con i suoi vicini più prossimi e con gli Stati Uniti. Già nel XNUMX° secolo, al di sopra di questo sistema era posto anche il “forum difensivo” NorDefCo, una sorta di “Intesa del Nord”, che comprende, oltre ai paesi del continente, anche l'Islanda.

Una storia leggermente diversa è con la Finlandia, che nel dopoguerra è rimasta abbastanza strettamente legata all'Unione Sovietica sia economicamente che militarmente. Inoltre, pur mantenendo la neutralità "di carta", la Finlandia organizzò le sue truppe secondo il modello "socialista", simile a quello jugoslavo, ed era un importante operatore di armi e attrezzature militari sovietiche. attrezzatura (inoltre, furono acquistati in URSS e non dagli alleati del Patto di Varsavia).

Tuttavia, dopo il crollo di quest'ultimo, la Finlandia ha rapidamente cancellato l'immagine di "quasi socialista" e ha iniziato il riavvicinamento con i "partner occidentali". L'acquisto di caccia americani F/A-18 nel 1992 è diventato una sorta di "matrimonio" con la NATO.Il paese si è anche unito alla cabala tecnico-militare dei vicini NorDefCo.

E poiché questi paesi hanno “rafforzato le loro difese” in ogni modo possibile, anche quando la RSFSR di ieri era letteralmente in agonia, il nuovo rafforzamento della Russia, tanto più, non è passato inosservato ai nordici. Gli eventi del 2014 hanno ulteriormente stimolato i preparativi militari dei paesi scandinavi sia all'interno dell'Intesa settentrionale che all'interno della NATO. Così, nel 2019, nella stessa Svezia, è stata ripristinata, seppur con note restrizioni, la leva per il servizio militare, annullata nel 2010, ricevendo un ulteriore incentivo.

Non dimenticare che Svezia e Finlandia (in misura minore) sono importanti fornitori di prodotti militari. I cannoni antiaerei della compagnia svedese "Bofors" divennero ampiamente famosi durante la seconda guerra mondiale, ma l'assortimento del complesso militare-industriale degli "scandinavi neutrali" non si limita solo a loro.

Di proprietà semistatale, strettamente imparentate tra loro e con il "British Airspace" britannico, le aziende svedesi e finlandesi sono in grado di produrre quasi l'intera gamma di prodotti militari: armi leggere (incluso il famigerato NLAW), sistemi di artiglieria, missili guidati di varie classi (incluso anti-nave), veicoli militari e veicoli corazzati leggeri, aerei da combattimento e persino navi. Inoltre, si tratta di prodotti di livello avanzato che interessano anche alle forze armate statunitensi. Sono i sistemi svedese e finlandese che costituiscono la base delle armi della "divisione nord" della NATO.

Per inciso, è probabile che il fattore armi abbia svolto un ruolo importante nell'iniziativa turca. È noto che Erdogan sta cercando con tutte le sue forze di ampliare i mercati del suo complesso militare-industriale, e questo aspetto molto probabilmente sarà oggetto di contrattazione con i curatori dei Giovani Donatori del nord.

Così, dichiarando al vertice dell'anniversario della CSTO che l'ingresso di Svezia e Finlandia nell'Alleanza Nord atlantica non minaccia la Russia, Putin non ha realmente distorto la realtà: questo passaggio non aggiungerà davvero minacce fondamentalmente nuove. Tutte le minacce provenienti dalla direzione nord sono evidenti da tempo.

sonaglio politico


Si presume che, dati i passaggi introduttivi sopra descritti, forzare l'espansione della NATO in questo momento abbia, prima di tutto, politico e finalità informative. Inoltre, la priorità non è nemmeno la pressione sulla leadership politico-militare russa, così ben consapevole di tutte le delizie del "buon vicinato" con gli scandinavi, e nemmeno sulla società russa, ma sull'uomo occidentale nella strada.

Per questo, lo spauracchio della "minaccia russa", molto popolare qualche mese fa, ha notevolmente perso la sua rilevanza. La frenetica "rabbia" ucraina con le sue fantastiche richieste, il rapido aumento dei prezzi di tutto e di tutto e gli appelli ufficiali quasi caricaturali di "stringere la cintura e nascondere i portasapone", dietro i quali molto cupo economico prospettive e guerra "fino all'ultimo europeo". Sostegno al corso anti-russo e ai suoi promotori: gli scagnozzi americani in Europa stanno rapidamente cadendo, mettendo tutto a rischio.

È qui che tornano utili i bei ragazzi finlandesi e svedesi con il loro desiderio “inaspettato” di entrare a far parte della NATO il prima possibile: “Guardate, cittadini del Mondo Libero, i vicini più prossimi della Russia Mordor si sentono in pericolo, la minaccia russa non è un mito!" Svolge anche il suo ruolo di immagine molto più rispettabile degli scandinavi, che sono notevolmente superiori agli occhi del resto d'Europa, delle "tigri baltiche" e dell'Ucraina.

È vero, va tenuto presente che nelle stesse Svezia e Finlandia, l'élite filoamericana annega soprattutto per aver aderito all'alleanza. La popolazione, che è minacciata dallo stesso futuro "luminoso" del resto del continente, sta provando a dimostrare i vantaggi della fratellanza NATO anche ... con una nuova marca di birra con una croce del Nord Atlantico a fianco di the can (inizia a somigliare a un altro paese molto europeo, vero?)

Ma in senso puramente militare, l'aggiunta del blocco da parte di svedesi e finlandesi amplierà sicuramente le sue capacità, soprattutto se teniamo presente la prospettiva di una grande guerra in Europa. Innanzitutto, i nuovi membri, soprattutto quelli economicamente ricchi, sono un finanziamento aggiuntivo, che è ancora importante in tempo di pace.

In secondo luogo, la NATO riceverà due ottimi eserciti (almeno "secondo i tavoli"), già dotati di standard organizzativi e tecnici comuni e con grandi componenti di riserva. In questo senso, Svezia e Finlandia sono quasi una Polonia in più, e per certi aspetti anche un po' di più (e in mare, molto di più). Oltre alle forze militari stesse, le capacità di riparazione e munizioni dell'industria scandinava saranno di grande aiuto in caso di un vero conflitto.

Il principale punto di applicazione di questi nuovi sforzi probabilmente non sarà affatto il nord-ovest, e ancor di più non l'estremo nord della Russia "continentale", ma Kaliningrad. Il continuo accerchiamento dell'"Occidente collettivo", ora anche militare, e la reale minaccia di un blocco totale non contribuiranno alla sicurezza della regione. È importante che in questo modo si amplino seriamente le possibilità di pressione informativa e clandestina sull'enclave: si dice che la Russia è da qualche parte lì, ma la “scelta europea” è qui, è ovunque. L'ipotetica perdita di Kaliningrad, soprattutto secondo lo scenario "ibrido", può colpire la Russia in modo molto più doloroso della perdita della stessa Transnistria.

In generale, la carta finno-svedese è, ovviamente, una seria carta vincente dell'Occidente, ma non solo e non tanto puramente militare. E per respingere efficacemente questa mossa, anche la leadership del nostro Paese avrà bisogno non solo di soluzioni tecnico-militari.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 18 può 2022 14: 37
    -1
    Così, dichiarando al vertice dell'anniversario della CSTO che l'ingresso di Svezia e Finlandia nell'Alleanza Nord atlantica non minaccia la Russia, Putin non ha realmente stravolto la realtà: questo passaggio, in linea di principio, non aggiungerà nuove minacce.

    Non sono l'unico a non essere d'accordo con questa valutazione.
    O ci siamo sbagliati (e, soprattutto, lo stesso Putin) quando l'avanzata della NATO verso i nostri confini è diventata la questione centrale del nostro ultimatum a dicembre? Quando ha distorto la realtà?
    Penso - lo stesso ora.
    L'ammissione accelerata di Svezia e Finlandia alla NATO è un passo nella frettolosa preparazione del blocco per un confronto aperto con noi.
    In quale altro modo ?!
    Le parole di Putin sono probabilmente percepite da tutti come sono in realtà: questa è una continuazione dell'attacco alla sicurezza della Russia, con cui non può interferire in alcun modo. Non ci proverà nemmeno: questo è il motivo per cui alcuni "partner" occidentali sono scoraggiati dalla nostra reazione.
    La Russia rinvia ancora una volta un problema che è evidente a tutti per il futuro (già nel prossimo futuro). Il guaio è che in futuro questo problema si svilupperà con altri accumulati lì, lo stesso.
    Riuscirà la Russia a raggiungerli tutti in tempi difficili, e questo in particolare?
  2. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 18 può 2022 14: 50
    +1
    Putin non ha davvero distorto la realtà: questo passaggio, in linea di principio, non aggiungerà nessuna – fondamentalmente – nuova minaccia

    La "nuova minaccia" dell'Occidente da parte dei sostenitori della "libertà di navigazione nello stretto di Kerch" è già stata espressa: "Chiudi il Mar Baltico per la Federazione Russa"!
  3. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 18 può 2022 16: 42
    +3
    Il principale punto di applicazione di questi nuovi sforzi probabilmente non sarà affatto il nord-ovest, e ancor di più non l'estremo nord della Russia "continentale", ma Kaliningrad.

    L'ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO accresce la minaccia per l'intero "grande" nord-ovest della Russia...
  4. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 18 può 2022 17: 40
    +2
    Amers ha un obiettivo molto specifico, il dispiegamento di missili SD direttamente ai confini della Federazione Russa e non da qualche parte in Polonia. Certo, non si chiameranno così, ci sarà qualcosa come un sito di difesa missilistica, ma questo non cambia l'essenza. Pertanto, l'ingresso della Finlandia nella NATO è una minaccia diretta e chiara per la Russia.
  5. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 18 può 2022 18: 14
    -1
    Finlandia e Svezia nella NATO: cambierà l'allineamento delle forze

    Sì. E questi paesi devono comprendere la portata della loro responsabilità nei confronti del destino dell'umanità.
  6. Noi chukhnu idrogeno, idrogeno!