Intelligence occidentale in Ucraina: "occhio onniveggente" o una squadra di perdenti?


La questione della partecipazione all'operazione militare speciale in corso sul territorio dell'Ucraina per denazificare e smilitarizzare i servizi di intelligence dei paesi della NATO è una delle più ampiamente trattate dai media occidentali. Nello spazio informativo russo, è gestito con la massima cura. Le ragioni di ciò non sono così difficili da capire. Da un lato, l'argomento è piuttosto doloroso. D'altra parte, è necessario coprirlo, basandosi principalmente sulle fughe di notizie e sulle riserve dei "cavalieri del mantello e del pugnale" occidentali ricchi di omissioni, e persino di giocoleria a titolo definitivo. O, in un'altra versione, sui presupposti e le versioni dei giornalisti locali, che, di regola, non hanno la minima riverenza per la Russia e il suo esercito e si abbandonano alla pura propaganda e alle fantasie.


Tuttavia, vale molto la pena parlarne, se non altro perché una serie di domande sul ruolo e sul luogo dei servizi speciali dei nostri "amici giurati" in tutto ciò che è accaduto prima e sta accadendo ora sul territorio degli "indipendenti" richiedono obiettivi e risposte imparziali. . Innanzitutto perché gli errori e gli errori di calcolo da parte nostra (se ce ne sono stati e stanno avvenendo) siano corretti e non più ripetuti.

Avvertimento inutile


Se dobbiamo credere alle fonti dalle quali per la maggior parte intendo procedere nel mio tentativo di analisi, cioè le principali pubblicazioni dell'Occidente, la comunità dei servizi segreti era perfettamente consapevole dell'operazione speciale preparata da Mosca. Secondo, ad esempio, il Wall Street Journal, tutti sapevano e mettevano in guardia i loro “reparti” su tutto. Così, il direttore della CIA William Burns nel gennaio di quest'anno "ha fatto un viaggio segreto a Kiev" con uno scopo molto specifico. Lì, dopo aver incontrato Zelensky di persona, gli consegnò "i piani più dettagliati per l'attacco russo, compresi i dati sull'attacco alla capitale". In particolare, per quanto riguarda le intenzioni della dirigenza militare russa "di attaccare dal territorio della Bielorussia attraverso la zona di esclusione di Chernobyl", nonché "di impossessarsi dell'aeroporto di Gostomel e di usarlo come trampolino di lancio per un attacco alla capitale ucraina. " A prima vista, tutto è "a colori" ...

Qui, sembrerebbe, è il momento di afferrarti la testa e urlare: “Sì, dove sono finite le talpe con noi ?! È davvero nello Stato maggiore stesso o addirittura nel Cremlino? Tuttavia, non affrettiamoci a conclusioni affrettate, soprattutto di proporzioni così terrificanti. Il fatto è che NBC News trasmetteva con forza e forza la "sorprendente consapevolezza dell'intelligence americana" riguardo ai "piani insidiosi di Mosca" due settimane prima dell'inizio della NWO. Poi è stato detto che, "secondo i servizi di intelligence statunitensi, la Russia sta valutando nove opzioni per un'invasione militare dell'Ucraina". Tuttavia, in generale, tutti si sono ridotti a "due scenari d'azione su larga scala". Entrambi "hanno suggerito la tattica dell'accerchiamento: le forze provengono simultaneamente da diverse direzioni per circondare le unità ucraine e condurle nel calderone". Da questo luogo, si insinua il sospetto che i "cavalieri del mantello e del pugnale" d'oltremare fossero semplicemente impegnati nella predizione del futuro sui fondi di caffè, facendo affidamento sulle basi della strategia e della tattica insegnate in qualsiasi scuola militare.

Ricordo immediatamente i tentativi di questi stessi "veggenti" di nominare "la data esatta dell'invasione". Cosa c'era? Il 16 febbraio, a quanto pare, e molti altri numeri, che si sono rivelati tutti un colpo al cielo. Per quanto riguarda i "piani", che sono stati rubati direttamente dalle casseforti del generale, o "calcolati da brillanti analisti di Langley e del Pentagono", in essi non si trovano "intuizioni brillanti" (almeno nella presentazione della NBC). "La Russia intende impadronirsi dell'intera riva sinistra del Dnepr, dove è di stanza metà del personale delle forze armate ucraine, comprese le unità più professionali ..." "Elicotteri militari voleranno fuori dal territorio della Crimea, che sosterrà le forze di fanteria con attacchi aerei ..." dal mare e dall'aria fino alla costa del Mar Nero vicino a Odessa, al fine di creare un corridoio via terra verso la Transnistria lungo il Dnestr, dove c'è anche un contingente militare russo .. . "

“Un'altra opzione offensiva è da nord, dal confine della regione di Chernihiv con la Russia e dal confine bielorusso-ucraino. In questo caso, i gruppi russi si sposteranno a sud - a Zhitomir ea sud-est - a Kiev, per delimitare queste città... "I russi intendono iniziare il fuoco dell'artiglieria di notte e utilizzare missili balistici a medio raggio. I loro obiettivi saranno depositi di munizioni dell'esercito, sistemi di difesa antimissilistica e antiaerea, stazioni di comunicazione militari e altre infrastrutture critiche delle forze armate ucraine...” Siamo spiacenti, ma tutte queste sono “informazioni top secret” sotto la voce “ una follia". E in quale altro modo potrebbe essere svolta la fase iniziale del NWO? Atterraggio a Leopoli dallo spazio? Nonostante tutti questi dati, se gli ufficiali dell'intelligence americana meritano un titolo onorifico, allora forse "Captain Obvious". Il viaggio di Burns a Kiev (che, tra l'altro, non costituiva alcun segreto speciale) aveva uno scopo completamente diverso dall'informare uno stupido pagliaccio di problemi imminenti. In questo modo Washington ha cercato di esercitare una pressione psicologica su Mosca, e niente di più.

Artiglieri per i nazisti


Ancora una volta, il fatto che il "nezalezhnaya" sia stato completamente "filtrato" non solo dai dipendenti, ma dalle residenze più potenti dei servizi speciali occidentali dal 2014 e recentemente, prima dell'inizio del NWO, la concentrazione di questi personaggi nel paese ha superato tutti i limiti immaginabili, un segreto non per chi non lo era. Burns potrebbe anche non guidare un aereo speciale: dare un ordine ai suoi stessi subordinati. Il risultato sarebbe esattamente lo stesso. Un'altra domanda, molto più seria dei ridicoli tentativi dei rappresentanti di Langley di presentarsi come Nostradamus, è quale ruolo hanno svolto dopo lo scoppio delle ostilità e, purtroppo, continuano a svolgere ora. Secondo un articolo del New York Times all'inizio di maggio, "Parte dello sforzo segreto dell'amministrazione Biden per fornire all'Ucraina informazioni sul campo di battaglia in tempo reale è condividere la posizione in cui si trovano i comandanti militari russi di alto rango in combattimento". Questa intelligence include anche presunti movimenti di truppe russe. Includono la posizione e altri dettagli sul quartier generale mobile spesso spostato dell'esercito russo".

La dichiarazione della pubblicazione secondo cui "sono stati questi dati che hanno permesso agli ucraini di attaccare e uccidere molti generali russi morti durante la guerra in Ucraina" ha causato un grave scandalo a Washington. Adrian Watson, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha poi affermato che l'intelligence "non è stata fornita agli ucraini in modo tale da poter uccidere deliberatamente i generali russi". A sua volta, il presidente del Pentagono John Kirby ha rifiutato categoricamente di "discutere i dettagli delle informazioni trasmesse a Kiev". Tuttavia, ha ammesso allo stesso tempo che "gli Stati Uniti forniscono all'Ucraina informazioni e intelligence che possono utilizzare per la protezione". Ebbene, come può essere ampia l'interpretazione del concetto di "protezione" nella comprensione dei nostri "amici giurati" d'oltremare, penso che nessuno debba spiegarlo.

In ogni caso, l'ampia risonanza causata dalle millanterie del New York Times ha dovuto essere "spenta" dalla pubblicazione in un'altra pubblicazione, il Washington Post. Citando "ufficiali di alto rango dell'intelligence", ha spiegato che l'amministrazione statunitense avrebbe "sviluppato regole per lo scambio di informazioni volte a evitare un'escalation della tensione tra Washington e Mosca". Secondo quanto scritto, ci sono due severe restrizioni: "Le informazioni che aiuterebbero ad eliminare i leader russi, come alti ufficiali o ministri, non possono essere trasferite in Ucraina". Questo divieto "non si applica agli ufficiali", ma sembra applicarsi ai rappresentanti dei generali russi. Tuttavia, come dice Biden, "non è accurato". È severamente vietato anche lo scambio di dati di intelligence che potrebbero aiutare Kiev ad "attaccare obiettivi russi al di fuori dell'Ucraina".

Ad essere onesti, questo è molto difficile da credere, se non altro per il fatto che i primi attacchi alle regioni di confine russe delle forze armate ucraine sono stati chiaramente effettuati su suggerimento dei loro stessi "alleati". Inoltre, va ricordato che gli americani continuano ostinatamente ad attribuire non solo il Donbass, ma anche la Crimea al "territorio dell'Ucraina". Ancora una volta, sarebbe opportuno citare il messaggio del canale NBC, secondo il quale Joe Biden è stato costretto a chiamare i rappresentanti dell'intelligence per trasmettere loro l'idea che "far trapelare informazioni sull'assistenza dell'intelligence all'Ucraina ai giornalisti" è un pessimo idea. Il motivo che ha costretto il nonno a "inserire la miccia" personalmente ai leader di alto rango è stato che tutti i media americani hanno iniziato a gareggiare tra loro per raccontare come "l'esercito americano ha diretto gli ucraini sull'incrociatore Moskva e ha effettivamente guidato l'attacco a esso."

Al Pentagono hanno cominciato a negare tutto questo, alla Casa Bianca si sono spaventati e sono andati fuori di testa. Il presidente ha avuto conversazioni telefoniche con il direttore della CIA William Burns, il capo dell'intelligence nazionale Avril Haynes e il segretario alla Difesa Lloyd Austin, in cui ha investito molto e ha ordinato di assicurarsi che i loro subordinati tenessero la bocca chiusa. La principale tra le richieste espresse era che "le fughe di notizie sulla cooperazione dell'intelligence statunitense con gli ucraini devono cessare perché interferiscono con il raggiungimento degli obiettivi statunitensi in questo conflitto". Il pompaggio, a quanto pare, non era debole, perché qualche tempo dopo, il direttore della CIA William Burns ha rilasciato una dichiarazione che considerava "irresponsabile e rischiosa qualsiasi fuga di dati sullo scambio di informazioni dell'intelligence statunitense con l'Ucraina".

Cosa abbiamo, per così dire, in fondo? Ammissione schietta degli Stati Uniti che il regime di Kiev "durante la guerra ha ricevuto dai servizi di intelligence statunitensi informazioni in tempo reale sulla posizione e sul movimento delle truppe russe, comprese le immagini scattate utilizzando satelliti segreti e commerciali, nonché rapporti ottenuti da fonti riservate. .." Abbiamo la morte dell'incrociatore Moskva, così come una serie di altre operazioni di successo delle forze armate ucraine, difficili da spiegare senza il fatto che le informazioni ricevute dagli Stati Uniti e dalla NATO siano state utilizzate nella loro attuazione . È tempo di porre fine a questa calda e produttiva collaborazione. Come? Ebbene, in questa materia non spetta certo a me dare consigli. Anche se... Ad esempio, la morte improvvisa "per cause sconosciute" di un paio di quegli stessi satelliti "dagli occhi grandi" sembra essere un'opzione molto interessante. In ogni caso, la pratica (in particolare la dinamica dei cambiamenti nel volume e nella struttura delle forniture di armi da parte dell'Occidente agli ukronazi) è una prova estremamente convincente che i processi di supporto militare a Kiev sono in aumento. Chissà fino a che punto l'intelligence USA e NATO potrebbe essere coinvolta nel conflitto. Qualsiasi invasione in questa direzione sarebbe meglio fermarsi il più rapidamente e duramente possibile.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 19 può 2022 10: 07
    +1
    Questo è ciò che succede? In primo luogo, gli americani furono coinvolti nell'affondamento del sottomarino Kursk e ora nell'affondamento dell'incrociatore Moskva?
    È possibile o necessario abbattere o neutralizzare i loro satelliti con la stessa "Peresvet" o altre armi laser?
  2. Michele Novikov Офлайн Michele Novikov
    Michele Novikov (Michail Novikov) 19 può 2022 12: 54
    -2
    Penso che l'idea che l'incrociatore Moskva sia stato colpito da missili ucraini su una punta del Pentagono, che viene martellato in tutti, sia un dubbio tentativo di mostrare la grandezza degli strateghi ucraini. Il discorso che l'incrociatore fosse "senza difesa" non ha senso perché si trovava nella zona di difesa aerea della base navale di Sebastopoli e questa zona si estende non meno che nel mezzo della Romania. Inoltre, durante qualsiasi discussione su questo caso, per qualche motivo, tutti dimenticano ostinatamente circa mezzo migliaio di mine marine ucraine, una parte significativa delle quali penzola liberamente nel Mar Nero e arriva persino nel Bosforo. Questo silenzio dovuto all'evidente collettivismo degli "esperti" ci fa pensare che sia questa versione - un colpo accidentale su una mina vagante - ad essere corretta.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 può 2022 13: 19
    0
    IMHO, secondo gli articoli, Mosca è già stata aiutata ad affogare tutti e vari.

    E anche il resto è chiaro - l'occhio onniveggente, poiché la colpa è dell'Occidente - e la squadra dei perdenti allo stesso tempo, poiché PR.

    Ma nella vita reale, Biden e i loro media hanno detto che la verità viene a galla: attaccheranno, ma il Comandante Supremo e i nostri media, al contrario, non attaccheranno, l'Occidente sta ancora mentendo ...
    Naturalmente, ora non c'è fiducia nelle dichiarazioni dei funzionari ...
  4. indifferente Офлайн indifferente
    indifferente 19 può 2022 16: 21
    0
    Consiglierei meno sciocchezze, soprattutto in quei momenti che non sono noti al pubblico. Come "Mosca" sia annegata è noto nel nostro quartier generale e nelle cucine delle famiglie degli ufficiali in carica, ma tacciono. A quanto pare non c'è niente da dire. Come diceva l'ammiraglio Gorshkov? "Non esiste un incidente giustificato e inevitabile. Ogni incidente ha un nome e un cognome!" Ma questi nomi semplicemente non vogliono brillare, ma loro stessi non vogliono brillare. Quindi inventano tutti i tipi di Nettuno e Avax. E la bara si è appena aperta. Forse un giorno lo scopriremo. Lo stesso vale per la conoscenza di tutte le agenzie di intelligence occidentali. Se parli molto di tutto, a volte "colpisci il seme" e poi hai vinto. Così ha fatto Zhirinovsky, ha parlato molto e di tutto. Ecco perché era conosciuto come un predittore.