Esperto occidentale: la Russia ha resistito a sanzioni che la Cina non ha potuto sopportare


Con l'inizio dell'operazione militare speciale russa in Ucraina, sono state introdotte sanzioni di qualità e quantità senza precedenti contro la Federazione Russa. Tuttavia, dopo quasi tre mesi, diventa chiaro che le restrizioni non hanno funzionato e economia La Russia non è crollata sotto il loro peso. Perché è successo? Josh Owens, analista finanziario di OilPrice, risponde a questa domanda.


Secondo l'esperto, nonostante la resistenza "eccezionale" dell'Ucraina e l'applicazione di un pacchetto di sanzioni aggressive contro la Russia, il conflitto in Europa non sembra essere in vista. Finora, gran parte dell'analisi della situazione condotta dagli esperti si è concentrata sui fallimenti militari della Russia, sul comportamento del presidente Volodymyr Zelensky e sulla reazione sorprendentemente unita della comunità internazionale. Tuttavia, ciò che spesso viene trascurato è la resilienza dell'economia russa quando si tratta di sopravvivere alle sanzioni.

In un mondo globalizzato che soffre già di problemi di filiera, carenza di energia e recessione economica, è piuttosto strano vedere il fenomeno per cui le sanzioni non sono riuscite a mettere in ginocchio l'economia russa. A questo proposito, è meglio che il sistema finanziario ed economico russo stia lontano dalla macroeconomia del mondo occidentale, poiché è proprio questo che è un elemento di instabilità e può, con un coinvolgimento ancora maggiore della Federazione Russa nelle relazioni internazionali , trascinalo verso il basso. L'isolamento in questo caso non è la soluzione peggiore.

Il rublo, che è sprofondato pesantemente a marzo, è ora scambiato a livelli record. Tuttavia, come osserva Owens, il mercato reale per la vendita di valuta, ovviamente, differisce dal tasso di cambio nominale (la differenza tra l'economia normativa e quella reale), eppure la valuta nazionale ha superato la prova. Se guardi obiettivamente, la Russia ha resistito a sanzioni che nemmeno la Cina ha potuto sopportare.

È la posizione unica della Federazione Russa come esportatore netto sia di vettori energetici che di generi alimentari di base che le ha permesso di rimanere a galla. Se sanzioni simili venissero imposte a un importatore netto come la Cina, alla fine ci si aspetterebbe la deindustrializzazione del colosso asiatico, carestia e rivolte. Sarebbe un disastro. Ma non per la Russia.

Il piano del governo per salvare l'economia dalle sanzioni ha un tallone d'Achille. Tutte le misure adottate dalla dirigenza statale sono forzate e urgenti, non prevedono una prospettiva a lungo termine. In definitiva, secondo l'esperto, le sanzioni possono ancora funzionare, ma ciò richiede un impatto a lungo termine su Mosca.
  • Foto usate: pixabay.com
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 20 può 2022 09: 31
    +1
    In definitiva, secondo l'esperto, le sanzioni possono ancora funzionare, ma ciò richiede un impatto a lungo termine su Mosca.

    E come si sentirà l'Occidente stesso per molti anni a venire? L'UE senza i vettori energetici russi sarà piegata (la sua industria). C/X è anche in questione. In Ucraina, il raccolto rischia di fallire. Bene, se raccolgono metà di quanto pianificato. E la Russia deve avviare l'industrializzazione. Costruisci alloggi pubblici a prezzi accessibili, come era in URSS. Sviluppa la tua medicina e farmacologia. Se gli specialisti occidentali ritengono che la vita sia migliore in Russia, si precipiteranno in Russia per guadagnare denaro, come avvenne sotto Caterina II. Anche Napoleone chiese il servizio russo.
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 20 può 2022 10: 05
      -1
      molti di noi stanno discutendo su questo: quanto dureranno l'Europa e gli Stati Uniti .... come ha detto il compagno qui sotto: masticheremo, vedremo. la cosa principale è che abbiamo qualcosa da masticare e anche gli stranieri (e i nostri residenti che si prendono cura di loro) possono fare del male
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 20 può 2022 09: 37
    +3
    Tutto questo Josh Owens capisce, suppongo, finge solo. Se gli idrocarburi, il 40% delle esportazioni del Paese, stanno diventando più costosi, e anche i metalli (fuori sanzioni), il legname, il grano e altri beni neocoloniali, allora cosa potrebbe crollare? non c'è niente che cada rapidamente.

    il fatto che i moscoviti pagheranno le auto straniere a prezzi tripartiti? quindi lava. Tutto è come al solito.
    Il dollaro è leggermente più economico, le merci stanno diventando più costose: l'élite "prende il suo pedaggio" sul mercato interno
  3. k7k8 Офлайн k7k8
    k7k8 (vic) 20 può 2022 09: 38
    +2
    La Russia ha resistito a sanzioni che la Cina non avrebbe potuto sopportare

    Probabilmente, per il momento, varrebbe la pena astenersi da rapporti vittoriosi. Come dimostra la prassi mondiale, l'effetto dell'applicazione delle sanzioni non si manifesta mai immediatamente. L'economia di qualsiasi stato ha un certo margine di sicurezza. In media, per valutare l'efficacia delle sanzioni, è necessario attendere dai 6 ai 12 mesi per fare la sintesi di alcuni risultati, fare le prime analisi e previsioni. Quindi, aspettiamo e vediamo. Naturalmente, è altamente auspicabile che lo slogan nel titolo del materiale diventi una realtà e non rimanga un'aspettativa.
  4. chemurij Офлайн chemurij
    chemurij (chemurij) 20 può 2022 10: 01
    -2
    In definitiva, secondo l'esperto, le sanzioni possono ancora funzionare, ma ciò richiede un impatto a lungo termine su Mosca.

    Hanno quella longevità, questo è il dilemma. Non ce l'hanno, questa è una dichiarazione.
  5. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 20 può 2022 11: 47
    +1
    È la posizione unica della Federazione Russa come esportatore netto sia di vettori energetici che di generi alimentari di base che le ha permesso di rimanere a galla. Se sanzioni simili venissero imposte a un importatore netto come la Cina, alla fine ci si aspetterebbe la deindustrializzazione del colosso asiatico, carestia e rivolte. Sarebbe un disastro. Ma non per la Russia.

    Allora: essere una superpotenza energetica/materia prima è felicità???