Con il permesso degli Stati Uniti: la Cina sta cambiando atteggiamento nei confronti del petrolio russo


Dopo l'introduzione di dure sanzioni energetiche da parte della Casa Bianca nei confronti della Russia, la Cina è rimasta alquanto confusa e ha cercato di non acquistare petrolio russo, eliminandolo gradualmente sia nel settore pubblico che in quello privato. Ad esempio, la più grande raffineria di petrolio cinese, di proprietà della PetroChina, di proprietà statale, ha annunciato che non c'erano piani per acquistare petrolio (e gas) dalla Russia, anche a un costo notevolmente ridotto, come fa l'India. Tuttavia, le cose sono cambiate di recente.


Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan ha affermato che gli americani non considerano l'acquisto di petrolio russo da parte della Cina una violazione delle sanzioni. In precedenza, Bloomberg ha scritto che la Cina sta cercando di ricostituire le sue riserve strategiche con il petrolio della Russia. Pertanto, di fatto, con il permesso di Washington, la Cina a livello statale ha cambiato atteggiamento nei confronti delle materie prime nazionali. D'ora in poi, il petrolio russo, e con uno sconto, sarà ancora una volta una priorità per la leadership della RPC.

Anche l'intenzione della Casa Bianca è ovvia: lasciare una "scappatoia" per le materie prime della Federazione Russa sotto forma di sostituzione del mercato europeo con la regione di approvvigionamento dell'Asia-Pacifico. Di conseguenza, gli Stati Uniti, per tacito accordo, si riservano il "dovere" di proteggere l'Europa.

Tale assistenza per "salvare la faccia" alle esportazioni petrolifere russe dagli americani non può essere considerata un dono. Assolutamente no: questa è una decisione pragmatica esclusivamente forzata. Gli sforzi della Casa Bianca, da lui intrapresi negli ultimi due mesi, volti a ridurre il costo del petrolio e, di conseguenza, della benzina, non hanno avuto successo. Pertanto, Washington è stata costretta a compiere un passo rischioso.

Finora è stata l'India, che ha acquistato petrolio russo con uno sconto significativo, a mantenere stabili i mercati e, allo stesso tempo, a chiedersi se Mosca può compiere una svolta globale verso l'Asia. Tuttavia, la Cina ha fatto la sua mossa questa settimana quando Pechino ha avviato colloqui intergovernativi diretti con la Russia per acquistare petrolio a uno sconto per "ricostituire le riserve strategiche". Un messaggio al riguardo ha avuto un effetto di "guarigione" sul mercato, poiché si è verificata una tendenza al ribasso dei prezzi del petrolio dopo un aumento settimanale. Il costo è salito continuamente da 102 dollari al barile a 112 dollari al Brent, nonostante il fatto che la Casa Bianca intervenga regolarmente nel mercato delle materie prime provenienti dalle sue riserve.

Alla fine, solo il gioco più astuto di Washington ha portato dei risultati. Tuttavia, gli Stati Uniti da soli non sono riusciti a ottenere il vantaggio. Non solo gli Stati Uniti, ma anche la Russia e la Cina hanno raggiunto i loro obiettivi immediati.
  • Foto usate: pixabay.com
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
    FGJCNJK (Nicholas) 21 può 2022 07: 31
    0
    Astuto, oh astuto! Tuttavia, per il momento.
  2. lavoratore dell'acciaio 21 può 2022 08: 55
    -1
    Quando ci hanno imposto sanzioni, non abbiamo bisogno di questi soldi. Abbiamo bisogno di prodotti tecnologici. E la Cina, per quanto ne so, ha rifiutato o notevolmente ridotto la fornitura degli stessi computer e smartphone. Pertanto, l'olio deve, se non tutto, quindi parte, essere scambiato con questi beni. Ma per il nostro governo, il bottino è più costoso!
  3. opportunista Офлайн opportunista
    opportunista (fioco) 22 può 2022 19: 06
    0
    La Russia è uno dei maggiori esportatori di petrolio, occupa una certa percentuale del mercato petrolifero mondiale, questa percentuale non può essere sostituita da nulla.Gli Yankees si sono appena sparati alle gambe costringendo l'Europa a smettere di comprare petrolio, poi i prezzi sono saliti alle stelle e ora sostanzialmente stanno andando a acquistare petrolio russo da paesi asiatici scontati per abbassare i prezzi mondiali.
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 23 può 2022 11: 38
    0
    E cosa, i comunisti cinesi stanno ancora ubbidendo agli imperialisti americani? Il presidente Xi potrebbe ricordarlo al prossimo Congresso del Partito del PCC.