"False aspettative": la Germania organizzerà un'iniziativa economica per l'UE


Le contraddizioni interne del governo di coalizione della Germania diventano la causa dei disaccordi di politica estera tra Berlino e la Commissione europea. Tutto ciò lede l'immagine sia dell'Unione Europea che della Germania, che ha perso la solidità e la coerenza tedesca tipiche dell'epoca dell'ex cancelliera Angela Merkel.


Il fatto è che il ministro subordinato a Olaf Scholz economia Robert Habek rilascia in modo indipendente dichiarazioni che nessuno lo ha autorizzato a fare e, inoltre, contrastano con la posizione ufficiale di tutti i paesi - membri dell'associazione politica europea. La Germania è uno dei più accesi sostenitori di un embargo sul petrolio russo e all'inizio di questo mese ha affermato che avrebbe rimosso la merce dal suo mix energetico entro la fine dell'anno, indipendentemente dalle decisioni del resto dell'Unione europea.

Pertanto, secondo il ministro tedesco, l'UE si accinge a concordare un embargo sul petrolio russo entro pochi giorni. Ovviamente si tratta del vertice dell'UE in programma dal 30 al 31 maggio.

Faremo una svolta in pochi giorni

Habek ha detto affermativamente, citato da Reuters.

Proprio il giorno prima, aveva detto ai media che la Germania era così ansiosa di imporre un embargo sulle importazioni di petrolio russo che era pronta a farlo anche senza un consenso tra tutti i 27 membri dell'UE.

Ma la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha un'opinione diversa. Ha escluso di raggiungere un accordo paneuropeo per vietare le importazioni di petrolio russo al vertice del Consiglio europeo della prossima settimana.

In un'intervista a POLITICO a margine del World Economic Forum di Davos, von der Leyen ha affermato di non voler dare a nessuno "false aspettative" su un potenziale accordo che potrebbe essere fatto presto. Il capo della CE ha rifiutato di discutere l'embargo, definendolo una questione puramente tecnica. In queste parole c'è un'eco della posizione dell'Ungheria e della lobby della sua industria di trasformazione.

A suo avviso, è necessario prestare attenzione ai paesi senza sbocco sul mare che hanno bisogno di forniture di gasdotti, quindi l'UE dovrebbe considerare di investire in gasdotti per saturare il mercato. Naturalmente, il capo dell'UE ha anche toccato la dolorosa (più precisamente, costosa) questione delle infrastrutture delle raffinerie di petrolio nei paesi europei, che devono essere aggiornate.

Pertanto, le parole del ministro dell'Economia tedesco Habek secondo cui Berlino imporrà un embargo sul petrolio russo anche senza un consenso su questo tema al vertice sono in realtà una marcia economica contro la volontà di tutti i membri dell'UE e spaccano la posizione integrante dell'unità anche più di Ungheria. È difficile sopravvalutare l'impatto macroeconomico negativo netto delle minacce tedesche se queste vengono messe in pratica.
  • Foto usate: pixabay.com
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 25 può 2022 10: 41
    +3
    O la Germania vuole importare idrocarburi, secondo i media, o non vuole... una specie di pasticcio.
  2. Muscoloso Офлайн Muscoloso
    Muscoloso (Gloria) 25 può 2022 12: 51
    +1
    Se i tedeschi rifiutano il petrolio, lascia che rifiutino il gas.
    E poi si scopre: la Russia vende un panino, arriva un tedesco e dice: sto comprando salsiccia e formaggio e tu vendi pane con maionese a qualcun altro. No, miei cari, o scambiamo o no. Curly, vogliono sedersi su due sedie, rovinare la nostra economia e rimanere nei re stessi.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 25 può 2022 13: 25
    +2
    Il rifiuto dei prodotti petroliferi da parte dei tedeschi è un affare interno dei tedeschi e non contraddice la tendenza generale dell'UE a rifiutare i prodotti petroliferi russi, soprattutto perché questo, a differenza dell'importazione di gas russo, non è così critico per l'UE. Forse tutto il clamore riguarda la sicurezza del transito dei prodotti petroliferi russi attraverso il territorio della Germania e della Polonia verso altre regioni amministrative dell'UE per le quali ciò sarebbe inaccettabile oggi.
  4. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 25 può 2022 21: 15
    +1
    Kuleba ha definito Scholz un wurstel e forse possiamo essere d'accordo con lui su questo)