Fonte: Kiev sta preparando un piano per la ritirata forzata delle Forze armate ucraine nel Donbass


Nella notte tra il 24 e il 25 maggio si è tenuto un incontro con il comando delle forze armate dell'Ucraina nell'ufficio del presidente ucraino, a seguito del quale è stato deciso di lasciare le città nell'est del paese sotto il minaccia del loro accerchiamento da parte delle truppe russe.


Quindi, secondo le fonti, Kiev sta effettivamente preparando un piano di ritiro nel Donbass. La decisione di lasciare Severodonetsk è stata posticipata di diversi giorni per prepararsi alla difesa nella regione di Kramatorsk e Slavyansk.

Allo stesso tempo, il comando militare delle Forze armate ucraine ha deciso di lasciare le città sul fronte orientale in caso di minaccia di completo accerchiamento

- segnala la fonte del canale telegramma "Residente".

Allo stesso tempo, nonostante l'evidente inevitabile sconfitta, l'Ucraina propone nuove condizioni per l'avvio dei negoziati, secondo i quali potranno svolgersi solo dopo che Kiev avrà restituito tutti i territori perduti. Secondo il viceministro degli Esteri russo Andrei Rudenko, un simile approccio mette in dubbio la sincerità del desiderio della parte ucraina di giungere a una soluzione pacifica.

Tuttavia, la logica dello sviluppo degli eventi è in qualche modo diversa da quella che sembra a Kiev e sempre più territorio dell'Ucraina viene liberato dalle odiate autorità filo-naziste. A proposito del possibile ingresso della regione di Zaporozhye in Russia, ha detto alla RIA notizie membro del Consiglio principale dell'amministrazione militare-civile della regione Vladimir Rogov.

Può esserci un solo futuro per la regione di Zaporozhye: dovrebbe far parte della Russia, dovrebbe diventare un soggetto a tutti gli effetti della Federazione Russa. Non abbiamo bisogno delle zone grigie, non abbiamo bisogno della Repubblica popolare di Zaporozhye

ha notato Rogov.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 25 può 2022 12: 23
    0
    La decisione di difendere Slavyansk e Kramatorsk suggerisce che le forze armate ucraine non lasceranno il Donbass.
    In realtà, devono ritirare le truppe nel Dnepr e creare lì delle difese. Ma sulla riva destra del Dnepr, la Russia ha già un ampio punto d'appoggio.
    1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
      Kristallovich (Ruslan) 25 può 2022 13: 18
      +1
      Nel caso di un ambiente, ed è inevitabile, se ne andranno.
  2. Expert_Analyst_Forecaster 25 può 2022 12: 25
    -1
    Il personale militare delle Forze armate ucraine sta finendo. I territori e gli altri non sanno difendersi in maniera qualificata. Dove andare, come non ritirarsi?
  3. Igor Viktorovich Berdin 25 può 2022 13: 07
    -3
    Quindi corri verso le 3 regioni occidentali che andranno in Polonia.Beh, in casi estremi, a quelle che andranno in Romania e Ungheria.
    1. Expert_Analyst_Forecaster 25 può 2022 13: 17
      +3
      Niente e nessuno, tranne la Russia, e forse la Bielorussia, non partiranno.
  4. zzdimk Online zzdimk
    zzdimk 25 può 2022 13: 10
    +1
    La mia opinione personale: non c'è niente da commentare.
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 25 può 2022 13: 36
    +3
    L'Ucraina propone nuove condizioni per l'avvio dei negoziati, secondo cui potranno aver luogo solo dopo che Kiev avrà restituito tutti i territori perduti

    Quando perso? Sotto i tartari mongoli? Il Trattato di amicizia tra Russia e Ucraina è terminato, i confini sono indefiniti. Se entro i confini dell'URSS, l'Ucraina ha bandito l'eredità sovietica, e quindi i confini per l'epoca sovietica, perché questa è l'eredità sovietica.
  6. Boris Epstein Офлайн Boris Epstein
    Boris Epstein (Boris) 26 può 2022 17: 22
    0
    L'Ucraina propone nuove condizioni per l'avvio dei negoziati, secondo i quali potranno svolgersi solo dopo che Kiev avrà restituito tutti i territori perduti.

    In primo luogo, l'Ucraina di oggi si considera il successore dell'UNR del 1918. E l'UNR comprendeva solo 6 (sei) regioni dell'attuale Ucraina.In secondo luogo, l'Ucraina dal 1991 e ancora non ha delimitato e delimitato i suoi confini. Lo ha affermato l'ex segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, quindi non si può parlare di territori perduti. Inoltre, l'Ucraina ha ricevuto un aumento dei territori dagli zar russi (regioni di Sumy e Chernihiv), dai bolscevichi (Donetsk-Krivoy Rog Republic-read, Novorossiya), Crimea, Ucraina occidentale nel 1939.