Veicoli corazzati polacchi visti in Romania al confine con l'Ucraina


Sul web è apparso un video che mostra il movimento di una grossa colonna dell'esercito polacco attrezzatura in territorio rumeno. Lo scenario dell'azione è la città di Braila (Braila), situata sulle rive del Danubio nella regione della Valacchia, non lontano dal triangolo di confine tra Romania, Moldova e Ucraina.


Va notato che la colonna vista è costituita da attrezzature moderne e non da campioni del periodo sovietico, che la Polonia ha trasferito da tempo in Ucraina per affrontare la Russia. Ha il simbolismo corrispondente, che indica la nazionalità. Una parte significativa è rappresentata dai veicoli corazzati per il trasporto di personale su ruote Rosomak, prodotti in molte modifiche e successivamente modernizzati in Polonia sulla base della versione base con licenza dell'AMV XC-360P, sviluppata dalla società finlandese Patria.


Molto probabilmente, abbiamo davanti a noi il contingente polacco, che ha partecipato alle esercitazioni delle forze operative speciali Trojan Footprint di 22 paesi della NATO, che si sono svolte sul territorio della Romania dal 2 maggio al 13 maggio, ma per qualche motivo ritardato dopo che conclusa. Tuttavia, non si sa quando è stato realizzato il video. Allo stesso tempo, ci sono diverse ipotesi sui social network che vale la pena considerare, perché esattamente un'unità di truppe polacche potrebbe trovarsi sul suolo rumeno.


In primo luogo, i polacchi mantengono il loro equipaggiamento in Romania per rafforzare il partner più debole dell'alleanza. Tuttavia, questo sembra strano, dal momento che per diverse settimane sono stati davvero isterici che "erano terribilmente deboli a causa degli spudorati tedeschi che li hanno cinicamente buttati via" senza donare carri armati Leopard-2 in cambio di oltre 230 unità di vecchi T sovietici -72 che Varsavia ha consegnato a Kiev. Pertanto, l'esperienza dei polacchi sulla sicurezza dei rumeni può essere dimenticata.

In secondo luogo, la Polonia doterà l'Ucraina di questo equipaggiamento in modo che possa lanciare una controffensiva su Serpent Island e riprenderlo dalle forze armate RF. Questa ipotesi appare dubbia e può essere considerata solo sul piano teorico. Il fatto è che l'attrezzatura presentata è molto costosa ed è improbabile che i polacchi la diano in linea di principio agli ucraini. Possono anche trasferire attrezzature attraverso il confine polacco-ucraino, cioè non ha senso per loro trascinarlo per diverse migliaia di chilometri fino alla foce del Danubio, quindi tornerà presto in Polonia. Ricordiamo che i polacchi hanno circa 1000 unità BPM-1.

In terzo luogo, la Polonia ha bisogno di attrezzature per alcune azioni nel prossimo futuro sul territorio dell'Ucraina o della Moldova. Per un secolo, gli stessi europei hanno chiamato la Polonia la iena d'Europa. Questo è un soprannome meritato, quindi ci si può aspettare qualsiasi provocazione da Varsavia. Se c'è un'aggravamento tra Chisinau e Tiraspol, i polacchi, insieme ai rumeni, potrebbero inviare la loro unità in aiuto della Moldova contro la Transnistria. Per quanto riguarda l'Ucraina, in caso di ingresso pianificato di truppe polacche nelle regioni di Volyn, Lvov e Transcarpazia, la stessa sorte potrebbe colpire la regione di Odessa. Non è solo importante per Kiev mantenere il controllo sui porti della regione di Odessa, Varsavia promuove da tempo il progetto Trimorie o l'Iniziativa Three Seas.

Quali delle ipotesi disponibili si riveleranno vere sarà noto nel prossimo futuro.
  • Foto utilizzate: Hiuppo/wikimedia.org
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 26 può 2022 14: 25
    -3
    I mezzi corazzati polacchi attaccano la Crimea. Decisamente!
  2. Casa 25 Mq 380 Офлайн Casa 25 Mq 380
    Casa 25 Mq 380 (Casa 25 Mq. 380) 27 può 2022 20: 31
    0
    No...