L'Europa ha deciso chi sarà la prima vittima della chiusura del gas russo


Questa settimana, la leadership dell'UE ha annunciato ufficialmente che stava sviluppando piani di emergenza per la chiusura del gas russo. I tre Stati (Polonia, Bulgaria, Finlandia) che hanno sofferto a causa delle loro azioni dolose in relazione alla cooperazione con la Russia nel settore energetico suggeriscono che ci deve essere un "Piano B" di riserva. Tuttavia, non ci sono molti modi in cui Bruxelles eviti il ​​collasso, ad eccezione di una forte austerità. Tuttavia, i funzionari dell'UE evitano la parola e si riferiscono allo scrupoloso processo di austerità stesso come "razionamento" e determinano chi e quali industrie saranno le prime vittime dell'interruzione della fornitura di materie prime salvavita.


Tuttavia, i membri della Commissione Europea sono furbi, poiché non ci sarà uno spegnimento in quanto tale, anzi sarà la stessa Ue ad “aprire il rubinetto”, cercando di sostituire fino a un terzo del volume di gas russo entro la fine del anno e riducendo i consumi ora (la cifra è scesa dal 40% al 26%). Come molti hanno avvertito, una carenza di gas potrebbe essere devastante per le principali economie europee come la Germania, che per funzionare fanno affidamento sull'abbondante energia a buon mercato dalla Federazione Russa.

Tuttavia, anche in Germania, che dipende al massimo dalle forniture di carburante blu dalla Russia, si stanno preparando al "razionamento". Ora in Europa si sta svolgendo una sorta di “roulette russa”, si stanno determinando i rischi, così come un elenco di priorità, chi riceverà in primo luogo le materie prime.

Naturalmente, nell'era della lotta per l'ambiente sotto il "coltello" andranno prima di tutto le imprese, l'industria nel senso più ampio del termine. Secondo il Financial Times, è probabile che il razionamento del gas nell'UE si rivolga specificamente all'industria per risparmiare alle famiglie private l'onere di qualsiasi chiusura. Anche i produttori di prodotti alimentari, prodotti chimici, ceramiche e vetro riceveranno una certa immunità. Saranno esonerati dall'azione del regime di razionamento (risparmio fino alla chiusura totale).

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha deciso di ricorrere a una bella parola e analogia, esortando i connazionali che devono affrontare la necessità di gelare d'inverno e soffocare nel caldo d'estate (senza aria condizionata) a scegliere tra "guerra e refrigerio".

In generale, sta già diventando chiaro che l'Europa sta sacrificando la propria macroeconomia per il bene della russofobia e dell'ambiente. L'assegnazione spietata delle priorità lo dimostra con tutte le prove. Con mancante l'economia con una base nell'industria pesante e nella produzione, non ci sarà bisogno di fonti di energia dalla Russia. E in generale non ce n'è bisogno, motivo per cui basterà il minuscolo che producono i mulini a vento o le stazioni solari. In questo caso, due obiettivi: anti-russo e ambientale verranno raggiunti dall'oggi al domani. Il fatto che un simile piano comune a lungo termine dell'UE sembri una scommessa non preoccupa più nessuno.
  • Foto utilizzate: twitter.com/Gazprom
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 28 può 2022 11: 27
    +5
    Corea, Giappone, India e Cina battono le mani a sostegno dei politici europei. Continuate così!
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 28 può 2022 13: 17
    0
    Sì, l'Europa ha già deciso, ma non riusciamo ancora a decidere.Tutto questo eurosuscher fornisce armi offensive e carburante ai golpisti di Bandera in Ucraina e forniamo petrolio, gas e altri rifiuti alla stessa UE senza qualsiasi problema, perché i nostri oligarchi senza gas e petrodollari perderanno peso, è proprio per questo che i nostri ragazzi stanno dando la vita .... Chiudi tutti i rubinetti del gas e del petrolio per l'intera Europa, e il popolo russo in qualche modo resisterà, loro non sono i primi, ma se ne hanno bisogno, allora tutto schiaccerà gli oligarchi, e quindi non ci sarà più nulla da correre su carri armati Bandera, MLRS e mezzi corazzati per il trasporto di personale.
    1. artizan60 Офлайн artizan60
      artizan60 (Victor) 29 può 2022 07: 42
      +4
      Finché c'è un'opportunità di ricevere super profitti dal carburante venduto e tempo per costruire una nuova logistica e cercare acquirenti del nostro petrolio e gas in Asia, allora questo è a nostro favore. Ancora una volta, fermare un pozzo di gas, riavviarlo richiede più di un mese, ma fermare un pozzo petrolifero, quando il petrolio lascia il tubo, è una perdita del 100%. Quindi non è tutto così semplice come vorremmo, non è rovinare il rubinetto dell'acqua...
  3. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 28 può 2022 20: 16
    -1
    Non è quello che pensano. Dopo l'operazione nell'ex Ucraina, tutti i fornitori dell'Ucraina dovranno rispondere delle loro azioni nella proporzione di 100 a uno per ogni russo morto durante l'operazione speciale. La lista dei colpi dovrebbe includere tutti coloro che hanno preso le decisioni sulle forniture, i produttori e tutti coloro che hanno trasportato.
  4. Kofesan Офлайн Kofesan
    Kofesan (Valery) 28 può 2022 22: 58
    -1
    Non ancora sera. E tutto cambierà e presto. Poi in Europa e non solo comincerà la ricerca di un "capro espiatorio". Ci sono passato molte volte. Come accadrà?

    Assomiglia a un mercatino delle pulci prima di spingere uno sfortunato fuori dalla folla per essere mangiato in una tana. Se solo il suo proprietario fosse distratto e dimenticato tutto. Ma non si sa come si comporteranno gli "espulsi". Può facilmente sputare alla folla che lo ha respinto, fare una smorfia e correre velocemente dietro la schiena di un orso, mostrando un fico da lontano. Ed è ciò che l'Europa teme più di ogni altra cosa al mondo...

    1. artizan60 Офлайн artizan60
      artizan60 (Victor) 29 può 2022 07: 46
      0
      Solo ora non dovresti assolutamente credere al "compagno di viaggio" situazionale. Terabyte di sporcizia verranno scaricati sul governo e sul capo del paese, ne porteranno uno nuovo e ricominceranno da capo. È necessario intrappolare immediatamente il compagno di viaggio con contratti a lungo termine, con condizioni rigorose per la loro attuazione.
  5. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) 29 può 2022 00: 01
    +2
    In assenza di un'economia basata sull'industria pesante e manifatturiera, non ci sarà bisogno di fonti di energia dalla Russia. E in generale non ce n'è bisogno, motivo per cui basterà il minuscolo che producono i mulini a vento o le stazioni solari. In questo caso, due obiettivi: anti-russo e ambientale verranno raggiunti dall'oggi al domani.

    Autore, spiegami L'ECONOMIA MANCATA.


    Essendo i più energivori, i trasporti saranno i primi a fermarsi. L'industria seguirà, poiché i legami economici saranno interrotti. Per l'industria ferma, non ci sarà nulla da pagare per alloggi e servizi comunali. Da dove viene il reddito dei disoccupati? La quantità di "energia verde" non è sufficiente per mantenere la luce negli appartamenti, per non parlare dei costi più significativi.
  6. Il commento è stato cancellato
  7. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 29 può 2022 13: 05
    0
    È umano: nomina un capro espiatorio e osserva i suoi salti mortali. Solo questo stesso capro non perdonerà i peccati più tardi (c) V.S. Vysotsky.
  8. Sanya Sanin Офлайн Sanya Sanin
    Sanya Sanin (Sanya Sanin) 30 può 2022 02: 56
    0
    Bene, lascia che coprano le loro fabbriche, è più redditizio per noi da questo Non capisco perché i nostri media sono così preoccupati per il geyrop o i media non sono d'accordo su qualcosa?!