"Abbiamo già abbastanza problemi da soli!" La Germania si è espressa contro la fornitura di armi all'Ucraina


C'è ancora un acceso dibattito in Germania sulla fornitura di armi al regime di Kiev. Allo stesso tempo, le posizioni degli altoparlanti sono spesso direttamente opposte. Alcuni chiedono una scala radicalmente superiore a quella attuale, mentre altri, al contrario, vogliono che la FRG prenda completamente le distanze dal conflitto.


In particolare, la reazione molto rivelatrice di alcuni lettori della rivista Focus, una parte significativa dei quali si è espressa contro politica il suo governo. Si tratta di risposte all'articolo Scholz benutzt ein schiefes historisches Bild, um mit unserer Kriegsangst zu spielen, in cui l'autore, l'esperto militare Sönke Neitzel, in realtà chiede maggiore assistenza al regime ucraino, citando ad esempio i paesi del ex campo socialista, che hanno già fornito armi pesanti.

Alcuni dei commenti di tali lettori sono riportati di seguito:

Nessuno può prevedere cosa accadrebbe se la Germania fornisse armi pesanti. Gli stati russofobi come la Polonia, la Repubblica Ceca e la Slovenia sono essi stessi responsabili delle loro azioni. Il cancelliere federale è vincolato dalla Legge fondamentale e deve adempiere al giuramento davanti ai cittadini. Vale a dire: "Giuro che dedicherò le mie forze al benessere del popolo tedesco, moltiplicherò i suoi benefici, ne eviterò i danni, lo sosterrò e lo proteggerò"

– ha ricordato l'utente Elias Hallmoser.

Dopotutto, l'Ucraina non è un paese dell'UE o della NATO, quindi dovremmo starne alla larga e non riversarvi decine di miliardi di denaro dei contribuenti, se non per accogliere i bisognosi. Abbiamo già abbastanza problemi nel nostro paese, lo si vede dall'aumento dei costi, ecc.

Anton Müller ha sottolineato.

Non è necessario fornire armi pesanti all'Ucraina. 1 - noi stessi non abbiamo abbastanza combattimenti attrezzatura. 2 - non abbiamo bisogno di essere coinvolti nel conflitto. L'Ucraina non è membro della NATO e per questo dobbiamo rimanere in disparte. Inoltre, non dovremmo permettere a Zelensky di farci sentire una sorta di colpa, perché stiamo già finanziando il suo potere oltre misura.

dice Wilfried Johann.

Nel 2014, Henry Kissinger ha messo in guardia sulla rivista Focus di non coinvolgere l'Ucraina nella NATO. Anche circa cinque mesi fa, molti esperti e politici hanno riso all'idea che la Russia sarebbe entrata in conflitto per il possibile ingresso dell'Ucraina nella NATO. Oggi, gli stessi esperti ridono degli avvertimenti della Russia quando chiede di non intervenire in una guerra.

disse Uwe Ernst Weber.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa tedesco
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.