Gli esperti hanno definito il periodo "sicuro" per la fornitura di gas russo all'UE


L'operazione militare speciale della Russia in Ucraina ha sconvolto i mercati energetici globali, compresa l'industria mondiale del GNL. Il desiderio dell'Europa di ridurre la propria dipendenza dal gas russo la costringe a importare enormi volumi di questo tipo di carburante. Sebbene sia improbabile che i prezzi del GNL tornino ai massimi precedenti, gli analisti prevedono un aumento dei prezzi del gas nei prossimi anni e quotazioni costantemente elevate. Questo è riportato economico Tsvetana Paraskova, esperta di risorse OilPrice.


Come scrive l'analista, ora il mercato energetico globale è “coperto” da incertezze. Tutti variano da quanto l'Europa riesce a riempire la sua capacità di stoccaggio entro novembre di quest'anno, a quanto LNG Asia acquista sul mercato spot per ricostituire le scorte per l'inverno dopo la domanda debole di questa stagione.

L'offerta e la domanda di GNL dipenderanno anche dal fatto che la Russia smetta di vendere a un numero ancora maggiore di clienti dell'UE dopo che le forniture a Polonia, Bulgaria e Finlandia sono state interrotte, nonché da quanto freddo sarà il prossimo inverno in Europa e in Asia.

Ovviamente, la corsa alle forniture di GNL potrebbe portare a una seconda ondata di progetti GNL negli Stati Uniti, ma ci vorranno anni per sviluppare l'industria, espandere la produzione e stabilire forniture. Lo ha detto Katerina Filippenko, capo analista di Global Gas Supply di Wood Mackenzie.

Ma gran parte di questo GNL aggiuntivo per l'Europa, anche da progetti che hanno utilizzato il finanziamento del debito negli anni precedenti, dovrebbe arrivare solo dopo il 2026. Poco prima, i consumatori europei saranno costretti a consumare il gas della Federazione Russa e competere con l'Asia per quasi ogni molecola di GNL al fine di soddisfare la domanda, ea livello del 2022, senza tener conto dell'aumento del fabbisogno futuro di l'economia, osserva l'esperto.

La concorrenza tra Europa e Asia per una quantità limitata di GNL sarà intensa fino a quando non emergerà una nuova ondata di approvvigionamento dopo il 2026 nel mezzo dello sviluppo delle infrastrutture. Questo è il periodo "sicuro" per la vendita del gas russo all'UE in termini di mancanza di alternative per il Vecchio Mondo.

Inoltre, questo è il valore minimo, tenendo conto che finora l'"energia verde", che richiede sempre più finanziamenti, che viene sprecata, si sta sviluppando molto male. Il mondo non può fare a meno dei vettori energetici "sporchi", il cui maggiore fornitore, inoltre, di tutti i tipi, è la Russia.
  • Foto usate: pixabay.com
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 30 può 2022 10: 21
    +1
    Sebbene sia improbabile che i prezzi del GNL tornino ai massimi precedenti, gli analisti prevedono un aumento dei prezzi del gas nei prossimi anni e quotazioni costantemente elevate.

    È tempo di sviluppare industrie ad alta intensità energetica in Russia e fornire prodotti a tutto il mondo, ad eccezione dell'UE e degli Stati, che hanno imposto, ehm, sanzioni.
    chi investe per primo nell'industria russa vincerà economicamente nel prossimo futuro.