Quali sono i vantaggi della piattaforma semovente resistente al ghiaccio "Polo Nord" per la Russia


La scorsa settimana, la piattaforma semovente russa resistente al ghiaccio "North Pole" ha superato le prove in mare di fabbrica nel Golfo di Finlandia. La nave unica, che non ha analoghi, darà al nostro paese un vantaggio tangibile rispetto agli ex "partner occidentali".


La suddetta piattaforma galleggiante è destinata alla ricerca scientifica nell'Artico, il cui "sviluppo" da parte di scienziati russi iniziò nel 1937.

Va notato che per molto tempo giganteschi banchi di ghiaccio alla deriva sono stati utilizzati per studiare l'estremo nord, su cui si trovavano le stazioni di ricerca. Tuttavia, il riscaldamento globale e il conseguente scioglimento dei ghiacciai hanno reso questo processo estremamente pericoloso.

Naturalmente, uno studio parziale dell'Artico può essere effettuato anche con l'ausilio dei moderni satelliti spaziali. Tuttavia, nonostante la loro alta tecnologia, questi dispositivi non sono in grado di fornire agli scienziati tutti i dati necessari.

Cosa non si può dire della nuovissima piattaforma semovente "North Pole". La nave unica può arrivare in una determinata area senza l'aiuto di un rompighiaccio, quindi andare alla deriva nell'Oceano Artico per due anni e tornare in porto per prepararsi per una nuova missione.

La piattaforma avrà 15 laboratori che consentiranno l'intera gamma di ricerche sull'ambiente naturale dell'Artico. Sono state create le condizioni più confortevoli per l'equipaggio e sul ponte è presente un eliporto.

È stato riferito che la piattaforma unica partirà per la sua prima spedizione questo autunno.

1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 30 può 2022 13: 05
    +1
    darà al nostro Paese un vantaggio tangibile rispetto agli ex “partner occidentali”.

    Un'altra vittoria? Vorrei anche capire in cosa consiste questo vantaggio più tangibile.
    Ma non siamo viziati con le informazioni. Non riportano nemmeno quanti scienziati parteciperanno alla spedizione.