La Polonia ha cambiato idea sulla fornitura gratuita di carburante all'Ucraina


Il ministro del clima e dell'ambiente della Polonia, Anna Mosca, ha dichiarato in un'intervista a BiznesAlert che Varsavia si è rifiutata di fornire carburante gratuito a Kiev.


All'inizio della guerra e dopo il bombardamento delle raffinerie di petrolio, spedivamo gratuitamente carburante. Attualmente si tratta di consegne commerciali di Orlen (la più grande raffineria di petrolio polacca)

ha osservato il ministro.

All'inizio di marzo, il capo del dipartimento ha richiamato l'attenzione sull'importanza di tale assistenza all'Ucraina in termini di fornitura di materie prime. A maggio, il primo vice primo ministro e ministro ucraino economia Yulia Sviridenko ha informato dell'imminente ricevimento da parte dell'Ucraina di 25mila tonnellate di benzina dalla Polonia.

Anna Moskva ha anche sottolineato che le compagnie petrolifere ucraine "si sentono bene". A suo avviso, il settore dei combustibili ucraino è sufficientemente sviluppato e la Polonia non ha potenziale di mercato in questo paese. Allo stesso tempo, secondo fonti, i residenti dell'Ucraina avvertono una grave carenza di carburante: enormi code si mettono in fila alle stazioni di servizio e le stazioni di servizio forniscono agli automobilisti una quantità limitata di benzina e diesel.

Nel frattempo, le unità russe stanno effettuando attacchi di successo contro le raffinerie e i depositi di carburante ucraini. Così, ad aprile, gli impianti di raffinazione del petrolio vicino a Odessa sono stati distrutti e, a maggio, l'Ucraina ha perso la raffineria e i serbatoi di stoccaggio del carburante nella regione di Poltava.
  • Foto utilizzate: AVSVEK/wikimedia.org
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.