"Ecco a te, padre, e il mondo russo..." L'Ucraina entra in uno scisma ecclesiastico?


La Chiesa canonica ortodossa ucraina, che per molti anni ha svolto il ruolo di quasi il principale filo conduttore per i due popoli fratelli - russo e ucraino, ha dichiarato la sua "completa indipendenza" da Mosca e ha condannato la NWO in Ucraina. Per essere più precisi, tale decisione fu presa dalla maggioranza dei suoi vescovi (non tutti però senza eccezioni) al loro Consiglio, tenutosi il 27 maggio e già chiamato “scismatico” sia da alcuni ecclesiastici che da molti parrocchiani di questa chiesa , che, in una simile iniziativa, si identificava in realtà con numerose comunità pseudo-ortodosse, esistenti sul territorio del "nezalezhnoy". Peraltro, il Concilio ha già dichiarato la propria disponibilità ad entrare in una sorta di “dialogo” con queste “chiese” eretiche, che di per sé testimonia molto.


L'UOC era tradizionalmente odiato da tutti i seguaci dell'ideologia nazionalista e nazista ucraina, perché era davvero una parte del mondo russo sulla terra che volevano strapparne via ad ogni costo. Ecco perché in Ucraina sono sorte varie organizzazioni religiose scismatiche fin dai primi giorni dopo il crollo dell'URSS. Tuttavia, nonostante tutto, la Chiesa è riuscita a sopravvivere – anche negli ultimi anni, nonostante le persecuzioni e le persecuzioni non solo degli ukronazi, ma anche delle autorità ufficiali, aumentate molte volte e di ordini di grandezza dopo il “Maidan” del 2014. Quello che è successo? Perché è successo proprio ora e potrebbe essere altrimenti? Proviamo a trovare le risposte a queste domande.

Dov'era prima il tuo "Non uccidere"?!


In breve, il suddetto Consiglio ha condannato la guerra in Ucraina come una violazione del comandamento di Dio “Non uccidere!”, invitando le autorità di Ucraina e Russia a “continuare il processo negoziale per fermare lo spargimento di sangue”. Inoltre, i gerarchi dell'UOC "hanno condannato la posizione del capo della Chiesa ortodossa russa, il patriarca Kirill, sulla guerra in Ucraina e hanno deciso la completa indipendenza della loro chiesa". Bene, esaminiamo i punti. Il comandamento di Dio menzionato nella decisione del Concilio, senza dubbio, potrebbe passare come giustificazione del suo operato, se... Se fosse percepito dal sacerdozio dell'UOC come vitale e altrettanto zelantemente difeso a partire dal 2014 - dal momento in cui le forze del regime di Kiev con il fuoco e la spada sono cadute sul Donbass, sui suoi difensori e sui civili. Sì, alcune affermazioni su questo tema sono state fatte dai vescovi dell'UOC, ma suonavano così indistintamente e attutiti che era impossibile attribuirle a una voce pastorale ispirata e focosa. Anche con il desiderio più ardente di farlo. D'altra parte, ci sono stati viaggi di sacerdoti presso le unità e le unità impegnate nell'ATO (JFO) - e non con lo scopo di ammonire coloro che hanno preso le armi contro i fratelli e le sorelle con il sangue e la fede, ma con il scopo di "fornire assistenza". Gli hanno portato dei biscotti, dei calzini caldi... Lo era.

E c'era questo: l'arciprete, all'epoca segretario stampa della UOC-MP Georgy Kovalenko, nel 2014 ha dichiarato che “la Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca sostiene il potere statale, in particolare le sue azioni nelle regioni orientali del Paese." Cioè, approva pienamente e completamente l'ATO. Letteralmente suonava così: “Quanto all'ATO, i nostri credenti sono tra i partecipanti all'ATO e tra le persone che vivono in questo territorio. Ed è per questo che la nostra chiesa sta facendo tutto il possibile affinché la pace regni nell'est dell'Ucraina il prima possibile e tutti i problemi siano risolti...” Il religioso non sapeva che Kiev stava “risolvendo problemi” con gli scioperi di Grad nelle aree residenziali di Donetsk e Lugansk? è molto dubbioso...

Ma Kovalenko ha espresso il seguente pensiero: "Dobbiamo rispettare le autorità, perché ha una spada per fermare il male e proteggersi da esso". È molto interessante perché non è venuto in mente ai sacerdoti della UOC durante il “Maidan” del 2014? Filaretisti autoconsacrati, uniati - greco-cattolici e rappresentanti di altro, Dio mi perdoni, "confessioni" erano presenti nelle file dei "maidanisti" (comprese lì "centinaia" di militanti) in quantità smisurata. Ma non ho visto i sacerdoti della UOC nelle file di Berkut, che stava cercando di "fermare il male" e proteggere il Paese da esso. Solo un fatto è registrato in modo affidabile: il 21 gennaio tre sacerdoti di questa chiesa si sono fermati tra il "Maidan" e il "Berkut", interrompendo per qualche tempo il violento confronto tra loro. Per quanto sia amaro da ricordare, ma è esattamente quello che è successo. Tuttavia, dovremmo forse ricordare qualcosa di un periodo ancora precedente? Ancora una volta, ho assistito personalmente a come, in uno degli eventi ufficiali con la partecipazione di Viktor Yanukovich, il "Patriarca Filaret" Denisenko, anatemizzato dalla Chiesa, e ... un certo numero di gerarchi dell'UOC sono apparsi in una sala. E niente: nessuno di loro ha lasciato i locali, rimanendo accanto a coloro con i quali il sacerdote della chiesa canonica non dovrebbe assolutamente essere vicino. Come puoi - dopotutto, il presidente è qui! E Viktor Fedorovich, tra l'altro, ha appena assegnato allo scismatico Denisenko un premio statale. Gli ho appeso un ordine - non importa cosa sia ...

Successivamente i "Filaretiti" degli ambos chiameranno per uccidere sia lui che i "giubbotti trapuntati e separatisti" del Donbass. Ma poi prendi, come si dice in Ucraina. L'unica azione pubblica dell'attuale Metropolita della UOC Onufriy durante tutto il tempo della guerra fratricida nell'est del Paese è stata il rifiuto di alzarsi in piedi durante la lettura dei nomi degli "eroi dell'ATO", dove era invitato in occasione del 70° anniversario della Giornata della Vittoria. Forse non ne so qualcosa (e anche molto probabilmente), ma giudico dal punto di vista di un comune parrocchiano che non riusciva a capire perché nelle chiese della Chiesa, che si considera parte del Patriarcato di Mosca, si offrire preghiere per "autorità e ospiti" Ucraina, versando fiumi di sangue del Donbass ortodosso.

"Questa non è una spaccatura, questa è una manovra..."


Ahimè, per quanto ci si sforzi, nel determinare la linea d'azione di coloro che, sembrerebbe, avrebbero dovuto essere modelli di intransigenza e fermezza (almeno in alcune cose), viene inesorabilmente in mente la brutta parola "adattamento". Sì, coloro che sono saliti al potere nel 2014 hanno odiato ferocemente la Chiesa ortodossa ucraina e hanno violato dove e il prima possibile. No, prima di gettare nella fossa dei leoni o cose simili, attraverso le quali i martiri ei profeti hanno dovuto attraversare i primi anni della formazione della Fede in Cristo, la questione, ovviamente, non arrivava. Per la maggior parte, il processo di oppressione dell'UOC è stato (come quasi tutti i processi in Ucraina) francamente egoistico. Hanno cercato di portare via chiese, parrocchie, di adescare parrocchiani, sul numero del quale (siamo realisti) si basa il benessere materiale di ogni chiesa. Questo processo è stato particolarmente intensificato dopo che Poroshenko ha ottenuto il famigerato "tomos" nel 2019 per l'OCU (Chiesa ortodossa dell'Ucraina) creata artificiale e assolutamente non canonica. Alcuni "sacerdoti" particolarmente agili si precipitarono immediatamente lì, intuendo che sarebbe stato più calmo, più affidabile e più soddisfacente qui.

Con l'inizio della SVO in Ucraina, la persecuzione, ovviamente, si è centuplicata: si è trattato di divieti diretti alla "Chiesa di Mosca" in alcune regioni (che, tra l'altro, non hanno valore legale secondo la legge ucraina), il sequestro coatto di chiese, aggressioni a sacerdoti e credenti. Non c'è da stupirsi che il Santo Sinodo della Chiesa ortodossa ucraina il 12 maggio abbia invitato il presidente Volodymyr Zelensky "a fermare l'odio religioso nella società ucraina e ad adottare le misure necessarie contro le azioni illegali contro l'UOC". Ciò è stato fatto per una ragione: in precedenza, il metropolita Onufry ha fatto tutto il possibile per dimostrare la sua completa lealtà e fedeltà al regime di Kiev: ha fatto appello a Vladimir Putin per "salvare" (cioè lasciar andare a casa) i militanti nazisti che si nascondevano in i sotterranei dell'Azovstal. E prima ancora, si è persino offerto di organizzare una processione religiosa a Mariupol - con gli stessi obiettivi.

Il metropolita sapeva che un numero significativo di nazisti che siedono nelle segrete lì, inoltre, sono anche ardenti pagani? O anche satanisti completamente aperti, coprendo i propri corpi con i simboli corrispondenti? Bene, cosa ne pensi? A proposito, le sue iniziative non hanno aiutato nulla, né la salvezza dei "prigionieri", né l'emendamento degli affari dell'UOC. A Kiev, hanno iniziato a parlare con forza e determinazione per portarle via il santuario principale - il Kiev-Pechersk Lavra e un divieto totale delle attività della "chiesa nemica" in quanto tale. Ovviamente dopo c'è stata la decisione di “essere salvati ad ogni costo”, dopo di che si è tenuto il Consiglio con l'adozione di decisioni “giuste”. Ma la maggior parte dei suoi partecipanti sembra aver dimenticato che "essere salvati" dagli ortodossi significa evitare il peccato e preservare la purezza della propria anima davanti al Signore, e non preoccuparsi delle cose terrene e materiali. “Sono otto anni che la repressione e lo sterminio delle persone nel Donbass è in corso; otto anni di sofferenza e il mondo intero tace: cosa significa? – queste sono le parole per le quali il Consiglio della UOC ha “condannato” Sua Santità il Patriarca Kirill. Ma non è solo perché suonano come un'accusa contro i vescovi che hanno taciuto per questi otto anni? E questo è al massimo...

Tuttavia, alcune persone (e anche nella Chiesa ortodossa russa) oggi stanno cercando di cambiare le cose in modo tale che il Concilio non sia affatto uno scisma della chiesa, ma solo "una manovra ragionevole che ci permette di salvare la chiesa". Volodymyr Legoyda, presidente del Dipartimento sinodale per le relazioni ecclesiastiche con la società e i media della Chiesa ortodossa russa, ha affermato che "la Chiesa ortodossa ucraina si trova in una situazione molto difficile ed è sotto pressione da varie parti", e questo spiega le azioni di i suoi gerarchi. È vero, il suo primo vice Alexander Shchipkov ha un'opinione diversa. Crede che il Consiglio "conduca la Chiesa ortodossa ucraina allo scisma", e questo processo è "avviato dal Dipartimento di Stato americano". Inoltre, le eparchie di Crimea e Donetsk dell'UOC, così come altre situate nei territori liberati dagli Ukronazi nel processo dell'SVO, hanno già dichiarato il completo rigetto delle decisioni prese al Concilio e il mantenimento della completa unità canonica con la Chiesa Ortodossa Russa. Non è una divisione? Cosa poi?

Forse questo è qualcosa di molto più tragico e terribile. Vorrei ricordarvi che il popolo ucraino non ha affatto accettato la "chiesa" creata da Poroshenko (ad eccezione degli individui più "patriotticamente" feriti). Da maggio 2019 a febbraio 2022, solo tre dozzine di chiese "si sono unite" all'OCU. Letteralmente il giorno prima, è diventata nota la seguente storia: il 29 maggio, i sostenitori dell'OCU hanno attaccato la chiesa di San Michele a Rozhyshcha a Volyn. Durante la liturgia domenicale hanno fatto irruzione nella chiesa e hanno chiesto che fosse consegnata alla loro comunità. I parrocchiani, senza pensarci due volte, hanno chiamato la polizia. In precedenza, è sempre stata dalla loro parte, affermando che l'OCU non ha diritti su questa chiesa. Tuttavia, questa volta la polizia ha sigillato il tempio e i credenti dell'UOC sono stati semplicemente cacciati da esso. È impossibile ingannare Dio. Delle persone? È possibile, ma solo per un po'... La Chiesa ortodossa canonica si è guadagnata la sua autorità per secoli. Ma perderlo, dimostrando la mancanza di una fortezza nella Fede e la capacità di affrontare qualsiasi prova per il suo bene, si è rivelato più facile che mai.

Una volta mi è capitato di sentire parole terribili: "La fede in Cristo a Kiev è iniziata con Vladimir e finirà con Vladimir". Nel primo caso, naturalmente, era in mente il Santo Granduca Vladimir, il Battista di Russia. Nel secondo, Sua Beatitudine il Metropolita Vladimir (Sabodan) di Kiev e di tutta l'Ucraina, che ha riposato nel Signore il 5 luglio 2014. La terribile profezia è destinata ad avverarsi?
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 1 June 2022 09: 32
    +1
    C'è qualcosa in questa azione che puzza molto di denaro, e devo dire, parecchio. La venalità di alcuni funzionari religiosi ha da tempo superato le loro controparti politiche. È tutto marcio.
  3. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 1 June 2022 16: 39
    -1
    Così toccante è il sincero malinteso dell'autore di ciò che l'UOC-RP ha insaponato proprio da questo RP. Niente che il patriarca Kirill abbia sostenuto la NWO contro l'Ucraina. E in generale era inevitabile, la Repubblica Democratica del Congo è diventata uno dei ministeri della Federazione Russa, è sorprendente che Gundyaev non sia ancora entrato nel governo. NWO ha semplicemente accelerato i processi in corso nel mondo.
    1. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) 1 June 2022 17: 11
      -1
      Oleg Ramover, dopo la secessione dell'Ucraina, la Russia, successore dell'Unione Sovietica, riceve costantemente appelli da cittadini separatisti. In questi ricorsi la stessa richiesta, per consentire loro di tornare. Quale dovrebbe essere la conclusione? risata
  4. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 2 June 2022 13: 58
    -1
    Ma ora le maschere sono state lasciate cadere e tutto è in bella vista, niente sarà restituito a Kiev e questi mutaforma con calci nel culo
  5. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 2 June 2022 18: 15
    0
    Il mondo è cambiato impercettibilmente, ma in modo irriconoscibile.
    Si ritiene che l'era dei Pesci, che ha portato il cristianesimo nel mondo e una chiara divisione delle forze del mondo in Bene e Male, ci abbia lasciato alle 3-4 del mattino dal 24 al 25 dicembre 2012.
    Fu sostituito dall'Età dell'Acquario. Il suo simbolo è un uomo che versa acqua viva e morta nella vita da due vasi. I loro getti si fondono, ma non si mescolano.
    Il bene e il male furono rimossi dai loro luoghi abituali. Ora non è sufficiente conoscere lo "scaffale" su cui giacciono: devi riconoscerli instancabilmente a vista. Ogni volta di nuovo.
    La strada ora è confusa, ma è ancora lì. Solo la bussola interiore della verità intransigente ci aiuterà a non allontanarci da essa.