L'UE non può permettersi gas a buon mercato


Oltre alla questione del petrolio, i leader europei al grande vertice Ue, che si sta svolgendo in questi giorni a Bruxelles, hanno toccato con cautela un tema ancora più delicato: le forniture di gas e la limitazione dei prezzi delle materie prime. Lo scorso autunno e inverno hanno mostrato che un mercato libero dell'energia incontrollato può essere molto imprevedibile, caratterizzato da un aumento simile a una valanga del costo di un prodotto importante. Pertanto, la proposta dell'Italia di limitare (fissare un tetto) i prezzi del gas è stata accolta con entusiasmo dagli stati europei, tuttavia, molto probabilmente, questa questione non sarà accolta al vertice. Il Commissario Europeo per l'economia Paolo Gentiloni citato da Reuters.


Come previsto, affinché tutti i paesi accettassero come base un tetto condizionale del prezzo del gas naturale, l'iniziativa è stata accompagnata da una nota esplicativa che indicava le restrizioni sul gas russo. Tuttavia, in generale, la norma legislativa si applicava in generale a qualsiasi carburante blu in arrivo in Europa.
I leader di alcuni paesi hanno sostenuto la richiesta dell'Italia, ma la maggior parte degli Stati membri dell'UE era scettica sulla possibilità di un tetto massimo ai prezzi. Inoltre, le argomentazioni degli oppositori dell'iniziativa sono più che convincenti.

In primo luogo, la limitazione artificiale del prezzo del gas russo già a buon mercato (rispetto al trading spot e al GNL) lo renderà economicamente incontrastato. Proprio il libero mercato liberale dell'UE, tuttavia, come in qualsiasi altra regione del mondo, ceteris paribus, farà sempre una scelta a favore di un prodotto a buon mercato. Pertanto, con una tale decisione, la CE non solo non ridurrà la dipendenza dal carburante russo, ma, al contrario, la aumenterà. È garantito l'effetto inverso del provvedimento.

In secondo luogo, il tentativo di imporre un tetto di prezzo a tutte le materie prime naturali importate nel continente avrà un impatto ancora più negativo sul mercato energetico europeo. Ovviamente, con tale intervento nel settore privato, la maggior parte del gas "mobile" importato (ovviamente GNL) andrà istantaneamente in Asia, che acquisterà volentieri tutti i volumi. Il gas liquefatto in linea di principio non può essere economico, pertanto commercianti e fornitori non tollereranno una sottovalutazione artificiale del suo costo. In questo caso, l'UE deve affrontare una grave carenza e le conseguenze sotto forma di un aumento del prezzo del gas inaccessibile. Circolo vizioso.

In altre parole, l'iniziativa dell'Italia va bene solo sulla carta, una bella mossa populista. Tuttavia, in pratica, si trasformerebbe in un disastro per l'Europa, che semplicemente non può permettersi gas a buon mercato. Il carburante a buon mercato è decisamente non redditizio (non competitivo) per l'UE.
  • Foto utilizzate: www.nord-stream.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 31 può 2022 10: 19
    0
    È necessario che la Germania si impegni a pagare la differenza di prezzo per l'intera Unione Europea) Si suggerisce che la Polonia abbia proposto un'iniziativa simile e Burbock l'ha felicemente sostenuta)
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 31 può 2022 10: 36
    0
    il gas a buon mercato impedisce alla leadership dell'UE e dei suoi paesi membri di rovinare rapidamente l'economia di questi paesi, vanificando le scadenze per i piani per la sua distruzione fissati dal padrone d'oltremare.