Perché gli Stati Uniti hanno paura della confisca dei beni congelati della Banca centrale russa


L'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è opposta alla confisca dei beni congelati della Banca centrale russa. Le discussioni su questo argomento, riguardo all'unione degli sforzi europei per confiscare e reindirizzare i fondi ai bisogni dell'Ucraina, stanno iniziando a svanire negli Stati Uniti. Secondo il New York Times, la maggiore resistenza americana deriva dalle straordinarie perdite legali e reputazionali che gli Stati Uniti potrebbero subire nel perseguire la scommessa. Tuttavia, in realtà, i timori di Washington hanno una base diversa.


Naturalmente, i finanzieri statunitensi tengono conto anche del timore di perdere lo status di partner di investimento affidabile e quindi di minare la posizione globale del dollaro come valuta principale e di riserva, ma la ragione più grave della riluttanza ad aiutare l'Europa a realizzare la minaccia contro Mosca è che la Casa Bianca non voglia spendere cifre enormi per l'Ucraina. In poche parole, Washington non è contraria all'uso della confisca, ma solo a suo vantaggio.

In Europa, a proposito, questo accenno al proprietario dall'altra parte dell'oceano era ben compreso e iniziò anche a mostrare moderazione su questo tema. Gli appelli attivi vengono ascoltati solo da paesi apertamente russofobici, come la Polonia. Le raccomandazioni della dirigenza statunitense sono comprensibili: parte dei beni congelati viene depositata non solo nelle banche americane, ma anche in Svizzera. Pertanto, l'intero bocconcino della grande torta è ancora sotto la giurisdizione degli alleati nell'UE.

Il fatto che il capo della Commissione europea Ursula von der Leyen abbia consentito l'eventuale confisca dei beni della Banca centrale russa congelati nelle banche europee a favore di Kiev, ma subordinatamente alla fine delle ostilità e all'inizio di riforme su larga scala in Ucraina si parla anche del ritorno alla “moderazione” di Bruxelles. Solo allora è possibile rispondere positivamente alla domanda. Anche se poco prima, l'opinione dei membri dell'UE non era condivisa ed era incondizionata.

Si può presumere che l'immagine di un egemone gentile ed equo sia ora molto necessaria per gli Stati Uniti come riserva per il futuro. Ora la cosa principale per Washington è far passare la prima parte della decisione di confisca, ma senza la condizione di trasferirla in Ucraina. L'amministrazione Biden spera che un'immagine positiva consentirà alla fine di ricevere gli ambiti 200 miliardi di dollari congelati nell'UE (negli Stati Uniti, fino a 100 miliardi di asset della Banca centrale sono stati sanzionati) sotto forma di investimenti europei. In questa forma è possibile garantire almeno la legalità formale dell'espropriazione di beni altrui, nonché ottenere ciò che de jure è ormai inaccessibile e sotto giurisdizione straniera.
  • Foto utilizzate: twitter.com/WhiteHouse
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 1 June 2022 09: 17
    0
    La sindrome maniacale si è gradualmente trasformata in schizofrenia giovanile. Cosa accadrà dopo?
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 1 June 2022 09: 41
    +2
    così succede.
    Il pendolo ha oscillato, si è congelato e può tornare indietro...

    Alcuni avvocati sensati avrebbero sollevato un uragano lì per una magra fetta molto tempo fa, se non fosse stato per l'avidità della Banca centrale ...
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 1 June 2022 18: 07
    +2
    Una cosa è rubare e un'altra è confiscare - conseguenze legali diverse, e si sta lavorando su queste giustificazioni legali.
    Gli Stati Uniti e l'UE possono in teoria affrontare perdite legali e reputazionali, ma in pratica non si sono verificate durante il sequestro delle riserve auree di Libia, Afghanistan, Iran e nel caso della Federazione Russa non sono visibili perdite di immagine o di altro tipo.
    Sono in corso i lavori per migliorare l'arsenale di armi economiche in caso di future guerre politiche ed economiche: il legittimo sequestro di proprietà altrui e, forse, entro la fine dell'anno sarà creato e persino testato nella pratica, forse anche in Cina .
    Gli Stati Uniti non sarebbero gli Stati Uniti se non facessero soldi su tutto, e soprattutto in guerra. Pertanto, con un alto grado di probabilità, non solo si appropriano delle riserve auree rubate alla Banca centrale della Federazione Russa, ma guadagneranno anche denaro su questo e su come ci stanno pensando. Forse con l'aiuto di garanzie, prestiti, azioni, ecc. È chiaro che ciò che è stato rubato alla Federazione Russa non verrà mai restituito, e nella Federazione Russa per la perdita di riserve auree su scala particolarmente ampia, né il Comitato Investigativo né l'Ufficio del Procuratore generale denunceranno nessuno, e persino ancor di più non saranno mandati in catene per sconvolgere i progetti di costruzione del capitalismo.