La NATO potrebbe essere sostituita da un "esercito dell'Europa occidentale"


Ultimi giorni in testa al western politica fatto una serie di affermazioni molto risonanti. Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha affermato che l'UE ha bisogno di un proprio esercito unito. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, a sua volta, ha promesso di rendere l'esercito tedesco il primo in forza nel Vecchio Mondo. Qual è la ragione di tale belligeranza e come si adattano tali intenzioni alla già esistente alleanza sovranazionale del Nord Atlantico?


"Eco SVO"


Il 23 maggio 2022 il signor Borrell ha dichiarato testualmente quanto segue:

Il nuovo ambiente di sicurezza dimostra che l'UE deve assumersi maggiori responsabilità per la propria sicurezza. Per fare questo, abbiamo bisogno di forze armate europee moderne e compatibili.

Ovviamente, ciò implica una risposta europea collettiva all'"aggressione della Russia" contro l'Ucraina.
Herr Scholz ha promesso che l'esercito tedesco sarebbe più numeroso dei francesi, diventando il primo in questo indicatore in Europa:

La Germania avrà presto il più grande esercito convenzionale d'Europa all'interno della NATO.

Per riferimento: il numero delle forze armate tedesche oggi è di 185 mila persone e la Quinta Repubblica ha 207 mila persone. Ciò, tra l'altro, ha permesso a Kiev di affermare di avere "l'esercito più forte d'Europa", poiché la forza numerica delle forze armate ucraine prima dell'inizio dell'operazione speciale era di 250 militari. E dobbiamo ammettere che l'esercito ucraino sta davvero combattendo duramente. 8 anni di preparazione e di pompaggio ideologico aggressivo non sono stati vani.

Ma perché in questo momento l'Unione Europea parla delle proprie Forze Armate? Bruxelles e Berlino intendono seriamente combattere con la Russia per Kiev?

"Esercito della discordia"


L'idea di un unico esercito europeo ha una storia molto lunga. La Francia era ed è tuttora il principale istigatore. Alcuni anni fa, il presidente Macron ha rilasciato una dichiarazione molto risonante:

Dobbiamo proteggerci dalla Cina, dalla Russia e persino dagli Stati Uniti.

Tuttavia, inizialmente la Comunità di difesa europea (CED) era vista a Parigi come un contrappeso ai piani di Washington di trascinare la Germania occidentale nella NATO. Immediatamente dopo che l'URSS ha condotto con successo i test sulle armi atomiche nel 1949, gli Stati Uniti hanno sollevato la questione della necessità di riequipaggiare le truppe tedesche e includerle nell'alleanza antisovietica. Ma la Francia, che occupava una posizione di primo piano nel campo della sicurezza dell'Europa del dopoguerra e temeva il rafforzamento della Germania, ha votato contro. Parigi ha presentato il suo piano per l'integrazione della FRG in un unico esercito europeo (EOS), al quale Berlino ha accettato con grande riluttanza. Anche l'Italia era contraria, temendo la creazione di un'alleanza franco-tedesca.

Alla fine, però, vinse il concetto di un triumvirato di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, che risolvesse congiuntamente i problemi dell'uso delle armi nucleari. L'Assemblea nazionale francese nel 1954 votò contro la ratifica del trattato EOC, il blocco NATO fu riconosciuto come più prezioso e le truppe americane rimasero in Europa.

Il secondo approccio è stato adottato alla fine degli anni '50 del secolo scorso, quando l'URSS ha ricevuto i mezzi per consegnare armi nucleari negli Stati Uniti. Gli europei temevano che gli americani li avrebbero lasciati senza protezione in caso di "aggressione pazza di Putin", scusate, attacco sovietico. Francia, Germania e Italia hanno firmato un accordo segreto sulla creazione congiunta di armi nucleari, che doveva essere basata sul territorio della Quinta Repubblica. Si presumeva che la Gran Bretagna potesse aderirvi in ​​futuro, che sarebbe stato il prologo alla creazione delle forze armate europee.

Questi piani non erano destinati a realizzarsi a causa dell'ascesa al potere del presidente de Gaulle, che lanciò il progetto nucleare nazionale francese. L'Italia, invece, cadde sotto gli Stati Uniti, consentendo il dispiegamento sul proprio territorio dei missili americani Jupiter a medio raggio. Washington trasse conclusioni e propose la formazione di una flotta nucleare NATO congiunta, o Forze nucleari multilaterali. In Europa speravano di rendere il progetto MYaS esclusivamente europeo, ma il presidente de Gaulle disse che questa flotta sarebbe stata davvero subordinata al Pentagono e nel 1966 la Francia si ritirò dal blocco NATO. Contestualmente fu creato un gruppo di pianificazione nucleare, all'interno del quale i sottomarini nucleari americani con a bordo ICBM entrarono formalmente a far parte del comando europeo della NATO.

Difficoltà di transizione


Da un lato, la presenza delle proprie forze armate può trasformare l'Europa, un gigante economico, ma un nano politico, nella superpotenza n. 3 al mondo. L'UE ridurrà quindi radicalmente il grado di dipendenza dall'"egemone" rappresentato dagli Stati Uniti, restituendogli la sovranità. In effetti, il presidente francese Macron ne ha parlato in chiaro. D'altra parte, la creazione di un esercito europeo unificato può inciampare in una serie di gravi problemi.

La questione chiave nella formazione di tali forze armate unite è chi le comanderà davvero ea spese di chi saranno formate. Il collo di bottiglia è la possibilità di utilizzare armi nucleari. Dopo che il Regno Unito ha lasciato l'UE, la Francia è rimasta l'unica potenza nucleare del Vecchio Mondo. Tutti gli altri paesi dovranno o passare sotto Parigi, cosa difficilmente accettabile per Berlino, o costringere in qualche modo la Quinta Repubblica a rinunciare a parte della sua sovranità trasferendo il controllo delle forze nucleari a un centro di comando sovranazionale. Se i francesi acconsentiranno a questo è una grande domanda. L'alternativa è la creazione dell'arsenale nucleare della Germania, ma ce ne saranno troppi contrari. Il recente "passato oscuro" della Germania ci rende sospettosi del processo di revisione della storia e di militarizzazione, che in realtà è già iniziato lì.

Nonostante i problemi sopra descritti, la questione dell'acquisizione della sovranità militare da parte dell'Europa è diventata rilevante dopo l'inizio dell'operazione speciale russa per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, ed ecco perché.

esercito dell'Europa occidentale


A causa della posizione attiva a sostegno dell'Ucraina nazista di alcuni paesi dell'Europa orientale, il rischio di uno scontro militare diretto tra il blocco NATO e la potenza nucleare n. 2 al mondo non può che mettere a dura prova le élite occidentali. Nessuno vuole ricevere un attacco nucleare sul proprio territorio per il bene di una specie di Piazza. Ed è qui che si sono manifestati tutti i problemi prima nascosti dell'Europa, che è oggettivamente divisa in occidentale e orientale.

Quando si parla di "Occidente collettivo", dobbiamo essere consapevoli che non è così unificato. Si tratta di un gran numero di paesi con interessi diversi, spesso opposti, che sono uniti da un comune consenso antirusso sotto l'egida degli Stati Uniti. Washington è abbastanza pronta a sacrificare sia l'Ucraina che i paesi dell'Europa orientale, gettandoli nel crogiolo della guerra con la Russia, e le "élite" locali sono abbastanza pronte per questo, ma quelle dell'Europa occidentale no: fornendo armi, fornendo assistenza finanziaria o imporre sanzioni è benvenuto, ma combattere direttamente, no, grazie. L'adesione alla NATO per tali paesi oggi sta diventando piuttosto pericolosa, dal momento che gli americani possono facilmente firmare loro una guerra con la Russia ai sensi dell'articolo 5 della Carta dell'Alleanza Nord atlantica.

In questo contesto, è del tutto comprensibile il desiderio di Germania, Francia e Italia di prendere le distanze da quanto sta accadendo in Ucraina e dal blocco NATO nel suo insieme. Si può presumere che il cancelliere Scholz abbia deciso di costruire il potere militare non tanto per combattere in seguito con la Federazione Russa, ma per aumentare le quotazioni della FRG al momento della conclusione di un'alleanza militare con la Francia nucleare e, possibilmente, con l'Italia e l'Austria . Molto probabilmente, a causa della spaccatura interna all'UE, non è necessario parlare di creazione di un unico esercito europeo. Ci sono troppi paesi, tra i quali alcuni sono ansiosi di “uccidersi contro la Russia” su istigazione delle élite dominanti americane. Ma l'esercito dell'Europa occidentale, creato sulla base del consenso "franco-prussiano", è del tutto possibile.

Inoltre, è molto probabile.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sydor Kovpak Online Sydor Kovpak
    Sydor Kovpak 1 June 2022 12: 48
    0
    Si è reso conto che la NATO americana protegge solo i propri interessi.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 1 June 2022 13: 07
    +1
    Moncone chiaro. Come un altro risultato di Z, delineato prima dell'inizio. L'Europa aumenterà il suo esercito e, nel quadro della NATO, creerà le proprie forze di reazione rapida.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 1 June 2022 13: 34
    +1
    L'UE è uno dei tre centri mondiali ei suoi interessi politici ed economici richiedono un forte sostegno, che oggi è fornito da un alleato d'oltremare e quindi rende l'UE dipendente da essa.
    La creazione di un esercito europeo richiederà la creazione di un vero e proprio complesso militare-industriale, una riduzione dell'acquisto di sistemi d'arma stranieri, lo sviluppo del nostro e la concorrenza con un alleato d'oltremare nel mercato globale delle armi, una maggiore segretezza, etc., etc., che porta inevitabilmente ad un graduale disimpegno dal mecenate d'oltremare per diversi interessi politici ed economici
    Nel caso in cui gli interessi politici ed economici dell'UE e degli USA coincidano, sarà una forza formidabile, che non sarà eguale nel mondo.
    La creazione di un esercito europeo non è così male per la Federazione Russa e altre grandi entità statali come sembra, perché amplia il loro campo di manovra in un mondo multipolare tra Cina-USA-UE
  4. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 1 June 2022 13: 51
    -1
    Ci sono troppi stati in questo blocco. E non tutti hanno gli stessi obiettivi. La possibilità di creare una NATO orientale è stata discussa a lungo. Non è chiaro quanto sia fattibile questa idea.
    Il fatto è che sono i nuovi membri della NATO ad essere i più inadeguati. Questi sono gli Stati baltici, la Polonia. Trascinate in questa società Romania, Bulgaria, Ungheria e Repubblica Ceca con la Slovacchia e il cordone orientale, che è il più aggressivo nei confronti della Russia.
    Quindi i vecchi membri della NATO (Germania e Francia) possono dissociarsi da loro. E costruisci il tuo esercito.
    Per gli Stati Uniti, dividere la NATO in due componenti non è una cattiva idea.
  5. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 1 June 2022 14: 08
    0
    Ebraico-sassone occidentale ... negri - contro. Quindi negli Stati Uniti verranno girati in lotti. Mike, un greco, ha detto che non sarebbe tornato in Europa. Vuole vivere e ha altre due figlie.
    Mike è una persona normale, ma non vuole tornare in Grecia.
  6. Expert_Analyst_Forecaster 1 June 2022 15: 56
    -3
    Le élite di Germania, Francia e Italia capiscono di essere spinte in una guerra nucleare con la Russia. Attraverso l'adesione alla NATO. Pertanto, la loro uscita dalla NATO è abbastanza probabile. E il motivo sarà la creazione del nostro esercito europeo.
    Non si preoccuperanno particolarmente di questo esercito. L'obiettivo principale è uscire dallo sciopero russo. E lascia che i polacchi, i rumeni e altri baltici combattano sotto la guida degli Stati Uniti e della Gran Bretagna.
  7. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 1 June 2022 18: 12
    -1
    Guerrieri ... solo nessuno giocherà a giveaway con te, te ne pentirai come in Ucraina ... Razzi, bombe come in Jugoslavia ma con un riempimento vigoroso ... Non abbiamo bisogno di terra straniera e lacchè ...
  8. Expert_Analyst_Forecaster 2 June 2022 04: 24
    0
    quanto aumentare le quotazioni della FRG nel concludere un'alleanza militare con la Francia nucleare e, eventualmente, con l'Italia e l'Austria.

    Non è chiaro che tipo di citazioni si intendono.
    E la menzione dell'Austria non è affatto appropriata. L'Austria ha lo status di paese neutrale che non fa parte della NATO.