I Paesi Bassi continuano a ricevere gas russo, rifiutandosi di pagare in rubli


La società energetica olandese GasTerra ha rifiutato di pagare in rubli le materie prime consumate dalla Russia e Gazprom ha deciso di disconnettere il cliente dalle forniture di gas russe dal 1 giugno. Tuttavia, i Paesi Bassi continuano a ricevere gas dalla Russia. Lo riporta la compagnia televisiva e radiofonica locale NOS. In precedenza, l'operatore nazionale GasTerra ha rifiutato con arroganza il carburante dal nostro paese e la parte russa ha confermato il rifiuto, ma la materia prima sta ancora arrivando, la valvola del gas non è completamente chiusa.


Diverse aziende locali continuano a importare carburante attraverso canali di riesportazione o addirittura consegne dirette. Secondo una fonte olandese, il gas entra nel Paese grazie agli sforzi di Essent ed Eneco. Per quanto riguarda le forniture di riesportazione, sono prodotte dalle società tedesche Uniper e RWE, che, in linea di principio, hanno concordato uno schema di pagamento del carburante in due fasi, in altre parole hanno riserve di gas russo e lo riesportano a un paese vicino.

Il ministro olandese per il clima e l'energia Rob Jetten ha affermato di comprendere la riluttanza di GasTerra a pagare le bollette a causa di una modifica unilaterale di un accordo precedente. Il funzionario ha anche toccato indirettamente le forniture di gas alle famiglie private e ha assicurato che non sarebbero state interessate. Pertanto, ha lasciato intendere che il suo paese riceve ancora i volumi di gas necessari dalla Russia, solo attraverso altri canali.

I Paesi Bassi non sono diventati "pionieri" nella questione di rifiutare ufficialmente il gas dalla Russia e di continuare a riceverlo in modo indiretto. Il precedente è comune a tutta l'Europa. Nell'ambito del programma RePowerEU, la Commissione europea ha fissato limiti ai consumi (come soluzione temporanea per sostituire l'embargo) e la Russia ha esaurito i limiti all'esportazione verso l'Europa fissati nel nuovo programma UE nella prima metà di quest'anno. A maggio di quest'anno erano già stati pompati più di 47 miliardi di metri cubi.

I commercianti del Vecchio Mondo hanno capito da tempo che le sanzioni sono pure politica e introdotto per molto tempo, quindi hanno smesso di aspettare la grazia dall'amministrazione filoamericana dell'UE e hanno deciso di aggirare i divieti da soli, aiutando il gas russo a trovare la sua strada verso un cliente europeo. Quindi si scopre che formalmente il consumo di materie prime russe da parte dell'UE è in calo, si stanno adottando misure per diversificare gli approvvigionamenti, ma in realtà le cifre sono solo in crescita. Gli stati stanno già comprando feste e consegne l'uno dall'altro, vendendo immediatamente al loro vicino.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 3 June 2022 05: 07
    0
    Mentre studiavo all'istituto e ascoltavo lezioni di economia politica, non capivo il meccanismo di funzionamento del sociale. economia. Anche se il principio dell'economia del capitale è stato catturato. Sotto la crosta. Come funziona l'economia sotto le sanzioni è una foresta oscura. È interessante quello che direbbe Marx .. richiesta
    1. Greenchelman Офлайн Greenchelman
      Greenchelman (Grigory Tarasenko) 3 June 2022 12: 24
      -1
      Devi solo aspettare fino a metà luglio, quando compaiono i rapporti statistici per la prima metà dell'anno su tutte le questioni di interesse.
    2. Amon Офлайн Amon
      Amon (Amon Amon) 4 June 2022 01: 55
      +1
      Marx non lo sa, ma Stalin li impiccherebbe! A proposito, il popolo russo non è contrario da molto tempo!
  2. bottaio Офлайн bottaio
    bottaio (Alexander) 3 June 2022 15: 29
    +1
    Gazprom che, la legge non è scritta, hanno fatto bronzo lì? Ciao, Putin??!
  3. Amon Офлайн Amon
    Amon (Amon Amon) 4 June 2022 01: 56
    +1
    TRADITORI! E sappiamo tutti dove si siedono!