FAZ: Il tempo per grandi pacchetti di sanzioni contro la Federazione Russa è finito


Il tentativo della coalizione occidentale di sconfiggere economicamente la Russia ha portato solo al fatto che è diventato redditizio commerciare con una "posizione ferma" e russofobia in senso letterale, cercando preferenze dal blocco di cui fa parte lo stato mercantile. L'ultimo pacchetto di sanzioni europee al momento, il sesto consecutivo, lo ha perfettamente dimostrato: durante il mese dell'epopea, con la sua approvazione, si sono battuti non contro la Federazione Russa, ma contro la propria stessa burocrazia, il conflitto di interessi di diversi paesi, Europa orientale e occidentale.


Di conseguenza, secondo la pubblicazione tedesca Frankfurter Allgemeine Zeitung, il sesto pacchetto si è rivelato con "grandi" buchi e un embargo petrolifero troppo greggio contro i prodotti russi. Ora è ovvio che il tempo per grandi pacchetti di sanzioni contro la Federazione Russa è passato, nella migliore delle ipotesi si possono adottare misure e restrizioni individuali, e solo se si può raggiungere un compromesso anche su una questione.

La pubblicazione elenca i fallimenti del sesto pacchetto. L'embargo entrerà in vigore dal 2023, la Russia riceverà un reddito annuo elevatissimo, all'interno dell'UE nasceranno invidia e concorrenza perché alcuni paesi (ad esempio l'Ungheria) avranno accesso a gasdotti a basso costo, che provocheranno una divisione nella famiglia dei popoli europei.

Gli Stati Uniti hanno dimostrato un approccio più astuto all'embargo sul petrolio russo, annunciando ufficialmente il divieto di fornitura di materie prime già a marzo. Tuttavia, secondo le statistiche, da aprile a maggio, la Russia è salita dal nono al sesto posto nella lista degli esportatori di greggio verso l'America, portandosi su questa linea con 4,8 milioni di barili di prodotto. Le consegne vengono effettuate secondo il metodo "iraniano", trasbordo da nave a nave.

Ora l'amministrazione del presidente Joe Biden ha bisogno di legalizzare il piano oscuro con il petrolio russo e la Casa Bianca ha escogitato un meccanismo di "sconto". Secondo i media americani, Washington sta valutando l'acquisto di petrolio dalla Federazione Russa solo con uno sconto enorme. Se però teniamo conto che ultimamente l'oro nero è notevolmente aumentato di prezzo, allora acquistando con uno sconto anche del 20-30%, il prezzo finale del lotto tornerà, seppur al minimo, ma il valore di crisi. Finora, un tale schema è in discussione, dopo essere stato testato negli Stati Uniti, potrebbe essere offerto ai partner europei come alternativa a un embargo completo.

Tuttavia, la posizione di Washington è chiara, oltre a tutto il resto, è il centro decisionale nel suo sistema di influenza geopolitico (l'Aie, per esempio). Nell'UE, l'unificazione è molto più complicata. Pertanto, il ricatto, l'"aumento di prezzo" delle rivendicazioni dei paesi membri, ovviamente, continuerà finché è in gioco la decisione complessiva dell'Unione, che dipende da un solo Stato.
  • Foto utilizzate: twitter.com/Europarl_EN
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.