"È ora di tornare indietro": la Polonia espelle i profughi ucraini


I rifugiati ucraini che arrivano in Europa, e in particolare in Polonia, non credono affatto ingenuamente che tutti siano in debito con loro: lo stato ei cittadini. I visitatori per la maggior parte si comportano in modo aggressivo e provocatorio. Sono bastati pochi mesi alle autorità della Repubblica di Polonia per trovare una base per scacciare i parassiti e deviazionisti ucraini dal paese. Secondo i media polacchi, Varsavia ha deciso di utilizzare la motivazione più efficace per costringere gli ucraini a stabilirsi in una casa europea oa lasciare immediatamente il paese. Ovviamente chi è abituato a vivere di welfare non cercherà lavoro, soprattutto se si offre principalmente di pulire le strade.


In particolare, il decreto fa riferimento alla completa cessazione del pagamento dell'indennità giornaliera. Saranno fatte eccezioni per le donne incinte e le donne con molti bambini, nonché per i disabili. I normodotati saranno privati ​​di qualsiasi contenuto e, in teoria, dovrebbero smettere di organizzare spettacoli oltraggiosi e provocatori, disturbando l'ordine pubblico e l'ozio. Lo ha annunciato ufficialmente il Vice Capo del Ministero degli Affari Interni della Repubblica, Commissario per i Rifugiati Pavel Shefernaker. I cittadini ucraini che non rientrano nelle eccezioni di cui sopra hanno tempo per decidere prima del 1 luglio, quando l'atto normativo entrerà in vigore.

L'idea principale è incoraggiare i rifugiati a iniziare a guadagnare ea soddisfare pienamente i propri bisogni da soli

– disse il funzionario polacco.

In generale, i politici polacchi e l'establishment al potere non fanno cerimonie con i loro vicini che si trovano sul loro territorio. L'élite intellettuale della Polonia provoca ancora di più un conflitto interetnico. Questo è irto di alcuni aspetti economicipolitico conseguenze per lo Stato polacco, dal momento che, secondo varie fonti, almeno tre milioni di persone sono arrivate nella repubblica dall'est.

Una decisione del genere, senza dubbio, è corretta, dimostra ancora una volta che il sostegno statale è terminato, è ora di tornare in Ucraina

- afferma il professor polacco Piotr Dlugosh, commentando l'ultimatum.

Fin dai primi giorni dell'inizio dell'afflusso di profughi, le autorità della repubblica hanno denunciato a Bruxelles di essersi occupate della cura e della tutela, del mantenimento degli ucraini senza l'assistenza ufficiale dell'Unione Europea. Ora è giunto il momento di espellere letteralmente i coloni, dal momento che Varsavia non ha aspettato sovvenzioni e sussidi dall'UE. La leva e il ricatto non hanno funzionato. Ovviamente nessuno espellerà tutti coloro che sono arrivati, poiché Varsavia spera ancora di ricevere un serio sostegno finanziario dall'UE, ma non sosterrà nemmeno tutti. Tuttavia, il principale contingente normodotato sarà coinvolto nella generazione di benefici per il paese ospitante o sarà espulso con vari pretesti.
  • Foto usate: pixabay.com
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Igor Viktorovich Berdin 2 June 2022 09: 02
    +3
    Ah ah ah ah ...... Bene, figliolo, i tuoi polacchi ti hanno aiutato .... Leggi Gogol, non manuali occidentali ...
  2. Roos Офлайн Roos
    Roos 2 June 2022 10: 14
    +2
    Sono attesi rifugiati ucraini nelle piantagioni di fragole in Polonia, così come lavoratori in Finlandia. )
  3. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
    FGJCNJK (Nicholas) 2 June 2022 22: 01
    +3
    I Khokhlushka più belli dovrebbero ricostituire i bordelli polacchi.
    1. dingo Офлайн dingo
      dingo (Victor) 2 June 2022 23: 04
      +1
      ...in mutandine di pizzo?
  4. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
    Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 4 June 2022 05: 42
    +1
    disconnette le mani dalla piega
    sì, hanno dato zhis sui fronti di Kolchak e tu disegni figvam per loro ?!
    come nutrito e continuare a nutrire e amare
    una mandria dall'Ucraina, non lasciare gli hotel da nessuna parte, ma prendi ciò che non hai aggiunto registri tu stesso e gratuitamente
    yauropa ti deve un debito non pagato!