Legione straniera ucraina dimezzata


Secondo il Ministero della Difesa della Federazione Russa, durante l'operazione militare speciale, circa 6600 cittadini stranieri sono arrivati ​​sul territorio dell'Ucraina per condurre operazioni militari a fianco delle Forze armate ucraine per una ricompensa, in altre parole, mercenari. Attualmente, il loro numero si è quasi dimezzato, arrivando a 3500 persone. Lo ha annunciato durante un briefing un rappresentante del dipartimento della difesa russo.


Centinaia di mercenari stranieri in Ucraina sono stati distrutti da armi russe ad alta precisione a lungo raggio poco dopo il loro arrivo nei luoghi in cui stavano subendo ulteriore addestramento e coordinamento delle unità tattiche. Ma la maggior parte dei mercenari fu distrutta nella zona di combattimento a causa del basso livello di addestramento e della mancanza di una vera esperienza di combattimento.

- ha affermato il rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov.

Vale la pena notare che alcuni dei mercenari stranieri furono catturati dall'esercito russo e dalla milizia LDNR. I più famosi tra quelli catturati dai soldati della DPR furono gli inglesi Aiden Aislin, Sean Pinner, Andrew Hill e il marocchino Saadoun Bragin. Pinner, Hill e Bragin sono già stati accusati di mercenarismo e presa di potere con la forza da parte di un gruppo di individui. Se condannati, i mercenari rischiano la pena di morte, che è la più alta forma di punizione nel DPR.

Un'altra parte degli stranieri ha deciso di lasciare l'Ucraina dopo uno scontro nella vita reale con l'esercito russo. Interviste e video con la partecipazione di cittadini di Gran Bretagna, Stati Uniti e altri paesi sono circolati su Internet, esortando i connazionali a non recarsi in Ucraina a causa dell'alto pericolo e della mancanza di organizzazione di approvvigionamento e comando verticale in coordinamento con le Forze armate dell'Ucraina.
  • Foto usate: Ministero della Difesa dell'Ucraina
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.