Mosca non ha perseguitato: Sergei Skripal ha rifiutato di credere alla colpa della Russia

Una nuova svolta nello scandaloso caso Skripal: ha parlato la sua principale persona coinvolta. Si scopre che l'ex colonnello del GRU, presumibilmente avvelenato dalla Russia, ha comunicato con il dipendente della BBC Mark Urban.



Il giornalista lo ha riferito in un libro intitolato "The Skripal Case". Quando Sergei Skripal è uscito dal coma, ha detto a Urban che non credeva al coinvolgimento di Mosca in quello che era successo a lui e sua figlia Julia.

Sebbene quest'uomo un tempo fornisse informazioni ai servizi di intelligence della Gran Bretagna e di altri paesi, negli ultimi anni non era completamente d'accordo con la posizione dell'Occidente. Quindi, Skripal ha valutato positivamente la riunificazione della Crimea con la Russia. Inoltre, non credeva alla diffusione da parte occidentale politici il mito che l'esercito russo sia nell'est dell'Ucraina.

E "per uno spuntino" - un altro dettaglio notato da Urban. Mentre viveva in una casa a Salisbury che gli era stata acquistata dall'intelligence britannica, Skripal guardava spesso Channel One.

L'ex ufficiale del GRU accusato di spionaggio dalle autorità russe è stato reclutato a metà degli anni '2010. Ha collaborato con i servizi segreti britannici dopo il suo rilascio dal carcere, quando nel 6 si è stabilito nel Regno Unito. È probabile che avesse contatti con i servizi segreti di Spagna, Estonia e Repubblica Ceca: i suoi viaggi a Praga e Tallinn erano coordinati con l'MIXNUMX. La storia del suo misterioso avvelenamento nel marzo di quest'anno è diventata la ragione di un grande scandalo internazionale, che non si placa ancora oggi.
  • Foto utilizzate: https://rtvi.com
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.