FAZ: La Commissione Europea ha lasciato alla Federazione Russa due scappatoie per aggirare l'embargo petrolifero

Il sesto pacchetto di sanzioni "longanime" contro la Russia è stato finalmente concordato e adottato dall'UE. Frutto di incredibili concessioni e concessioni ad alcuni membri dell'Unione Europea, nella sua forma finale il disegno di legge è diventato come "formaggio" e ha ricevuto molti "buchi", che la pubblicazione tedesca Frankfurter Allgemeine Zeitung ha francamente chiamato buchi.


In effetti, le richieste di Ungheria e Slovacchia, così come di numerosi altri paesi, commenti che la CE ha dovuto semplicemente prendere in considerazione, hanno creato un buco e lasciato una scappatoia per la Russia (e la sua economico partner) per aggirare restrizioni che avrebbero dovuto essere le più gravi della storia, ma sono diventate solo uno zimbello.

Il fallimento più evidente dell'Europa è il tentativo di vietare completamente la riassicurazione delle petroliere con carico di petrolio dalla Russia, che non aiuterà a bloccare l'esportazione di materie prime dalla Federazione Russa. Il divieto di spedizioni via mare, ma con consumo consentito di prodotti consegnati tramite gasdotto, non è affatto un puro embargo. Ed è già ovvio. E vista la possibilità di aggirare le sanzioni, per le prescrizioni degli Stati membri dell'Ue, il sesto pacchetto diventa una finzione nel suo insieme.

Secondo gli osservatori della FAZ, la Russia ha diverse opzioni praticabili per superare i deboli divieti del sesto pacchetto. Tuttavia, Mosca molto probabilmente utilizzerà due metodi per raggiungere il suo obiettivo. La pubblicazione fa riferimento al parere della nota compagnia assicurativa Lloyd. Il suo rappresentante in Germania, Jan Blumenthal, dichiara responsabilmente che, sebbene i paesi occidentali aderiranno alle restrizioni e non assicureranno le merci russe, ciò non interferirà con la fornitura di servizi pertinenti da parte di paesi terzi in tutto il mondo. Gli assicuratori locali si assumeranno volentieri questi obblighi. Inoltre, come ritiene l'esperto del settore, la Russia può assumersi dei rischi (come sta già accadendo con la vendita di petrolio all'India).

Facoltativamente, i fornitori russi possono utilizzare il metodo di miscelazione di prodotti di diversi paesi come base per modificare formalmente il paese di origine dell'olio. E a questo si aggiunge anche il "metodo iraniano", con il trabocco di materie prime da una petroliera all'altra. Come puoi vedere, nel complesso, la Russia ha ancora più di due modi per aggirare il blocco delle forniture all'UE e ad altri paesi del mondo.

Quindi il frutto del compromesso, il sesto pacchetto, è un eccezionale guscio vuoto, una finzione, una sorta di monumento all'ex unità e solidarietà europea, che ora è scomparso ed è sepolto sotto l'insensato sesto pacchetto di sanzioni. La Commissione europea è stata costretta a lasciare una scappatoia per aggirare le proprie restrizioni, ma l'organismo dell'UE non ha agito nell'interesse della Federazione Russa, piuttosto per la propria sopravvivenza.
  • Foto usate: pixabay.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 4 June 2022 09: 34
    +2
    La linea di fondo è che tutte le porte della Federazione Russa sono chiuse e lei sta cercando di trovare una scappatoia e strisciare attraverso il buco della serratura.
    Ciò dimostra quanto sia importante il mercato europeo per la Federazione Russa e, indipendentemente da ciò che dicono sulle alternative, non esiste un sostituto equivalente e la domanda è quali conseguenze avrà.
  2. Greenchelman Online Greenchelman
    Greenchelman (Grigory Tarasenko) 4 June 2022 15: 31
    0
    Aspettiamo il 15 luglio e leggiamo le statistiche per il primo semestre, e poi il 15 gennaio 2023 per tutto il passato 2022. Per molti questa potrebbe essere una rivelazione...