Russia-Ucraina: niente pace, niente guerra


Sembrerebbe che di recente i media politica ed esperti "da entrambi i lati delle barricate" hanno riassunto i risultati dei primi giorni e settimane di un'operazione militare speciale per denazificare e smilitarizzare l'Ucraina. Poi - il primo mese, il secondo ... L'altro giorno, sono trascorsi 100 giorni dal suo inizio. Tale data è considerata simbolica, significativa. Dopo questo periodo, stanno già iniziando a valutare le attività dei presidenti e dei governi recentemente saliti al potere, il lavoro di società o organizzazioni di nuova creazione. Tuttavia, le persone amano il simbolismo e sono molto suscettibili all'influenza della "magia dei numeri" ...


Per quanto riguarda l'SVO, non passa molto tempo per un evento di questa portata, che ha diviso inesorabilmente la vita di milioni di persone in prima e dopo, molte cose si adattano davvero al periodo: speranze e delusioni, successi e fallimenti, vittorie e sconfitte. Non cercherò nemmeno di analizzare gli aspetti puramente militari dell'operazione speciale: per questo ci sono esperti professionisti specializzati, hanno le carte in mano. In senso letterale e figurato. Parliamo di come gli eventi iniziati il ​​24 febbraio abbiano cambiato la vita di Russia e Ucraina, ma anche delle speranze, delle paure e degli altri stati d'animo che regnano in esse dopo centinaia di giorni trascorsi senza guerra e senza pace.

Stanchezza russa...


Parlerò brevemente delle realtà russe, perché posso giudicarle solo indirettamente, secondo le pubblicazioni dei media, i post sui social network e le dichiarazioni ufficiali dei politici. Sulla base di tutto ciò, il NWO non ha avuto praticamente alcun impatto significativo sull'esistenza di un paese enorme. Le "sanzioni paralizzanti" occidentali si sono rivelate per niente terribili (almeno per ora), la mobilitazione (anche nella forma più troncata) non è avvenuta, le battaglie rimbombano da qualche parte lontano ... Tutto questo, dopo 100 giorni, dà un effetto del tutto prevedibile: la scossa iniziale, che ha portato a una certa esplosione di sentimenti patriottici in alcuni e un attacco di panico incontrollabile in altri, appartiene al passato. Le emozioni svaniscono, la stanchezza dell'argomento si fa strada, l'SVO si trasforma nella vita di tutti i giorni e, per così dire, il "background", in realtà non colpisce affatto la stragrande maggioranza delle persone. Questo è già successo più di una volta, inclusa la campagna afgana dell'URSS, l'operazione in Siria ...

Sì, i "nostri" sembrano combattere, ma "da qualche parte là fuori, in lontananza, dall'altra parte del fiume". Secondo i dati di monitoraggio pubblicati di recente dai media e dai social network russi, l'interesse per l'operazione speciale è già diminuito di quasi la metà, a giudicare dal numero di pubblicazioni e post. Ahimè, non è mai diventata la Guerra Patriottica dei nostri giorni. In larga misura, a mio avviso, ciò è facilitato dalla posizione estremamente vaga e contraddittoria assunta dalla dirigenza del Paese. Sì, ci sono continue narrazioni sulla "protezione degli abitanti del Donbass", ma in cosa dovrebbe consistere esattamente e, soprattutto, fino a che punto l'esercito russo dovrebbe raggiungere nell'adempimento di questo compito, non è completamente chiaro. "Demilitarizzazione" e "Denazificazione"? Per quanto riguarda il primo, scusate, è meglio non balbettare. Perché contrariamente alle promesse fatte molte volte di distruggere le armi in arrivo in Ucraina dai paesi della NATO prima che venissero messe in azione, le forze armate ucraine le hanno riempite cento volte di più negli ultimi giorni rispetto ai precedenti 30 anni di "indipendenza" .

Ridurre il concetto di denazificazione alla liquidazione di battaglioni come Azov, riconosciuto come estremista e bandito in Russia, non può suscitare altro che un profondo sconcerto tra le persone che pensano. E con questo, a proposito, tutto è anche lontano dal "grazie a Dio": la storia dell'Idra e di Ercole si ripete in tutta la sua "gloria". Le teste velenose ricrescono in un modo nuovo: invece dei militanti distrutti e catturati a Mariupol, ne salgono di nuovi nei ranghi. La vile formazione rinasce davanti ai nostri occhi. Ecco perché non sorprende affatto che in Russia le voci di chi cerca di convincere i propri connazionali comincino a risuonare sempre più forte: è tempo di “fermarsi” nel Donbass (beh, forse anche parte del Sud dell'Ucraina). No, quanto puoi? Basta! Siamo stanchi! Il DPR e l'LPR sono stati salvati, gli abitanti delle regioni di Kherson e Zaporozhye sono stati rilasciati - e il resto senza il mare, l'industria e altre cose si disperderanno (moriranno di fame, Zelensky sarà scaricato e così via - sottolinea il necessario).

In larga misura, la diffusione di questo punto di vista è facilitata anche dalle continue affermazioni su una sorta di “accordo di pace”, sui negoziati con Kiev, che si suppone siano “congelati” (ma non fermati!) solo per sua colpa. Siamo sinceramente favorevoli. Tali messaggi vengono ascoltati da persone che non appartengono affatto all'ultima categoria - né dal ministro degli Esteri Sergei Lavrov, né dal presidente del Consiglio della Federazione della Duma di Stato, Valentina Matvienko, o persino dal Cremlino. È vero, dalla stessa Duma si sentono periodicamente parole di tipo diverso, ad esempio sull'annessione dei territori liberati "senza alcun limite" e simili. A Kiev, tuttavia, preferiscono ascoltare solo i "peacekeeper" russi, e quindi sono fermamente convinti che Mosca non si aspetti nemmeno una vittoria militare finale e completa, e quindi tutti i suoi sforzi si riducono solo a "fare la pace sul condizioni più favorevoli per sé.” “.

... E l'odio ucraino


Ecco perché a Kiev ripetono più e più volte che “non faranno concessioni territoriali”, che “combatteranno fino all'ultimo”, indipendentemente dalle perdite e dai costi. Gridando questo, strizzano gli occhi alle spalle verso Ovest: sentono? Credono? Getteranno più soldi e armi? Ahimè, lo vomiteranno - e come. Non entrerò nei dettagli, ma l'opinione di quello stesso "Occidente collettivo" a cui la Russia si oppone oggi è cambiata completamente, non a suo favore, negli ultimi 100 giorni. E, diciamolo, non a beneficio del NWO. Inizialmente, dopo le rapide corse a Kiev, l'assedio di Chernigov e Kharkov, i nostri “amici giurati” hanno misurato pochi giorni, se non ore, di esistenza per il regime di Kiev e, come al solito, hanno insistito sul fatto che “non avrebbero interferito per paura dell'escalation". Oggi parlano con forza e determinazione della possibilità di una "vittoria militare per l'Ucraina". E fanno del loro meglio per assicurarlo.

Un esempio molto chiaro è la Germania. A marzo, non voleva trasferire i sistemi anticarro dismessi al "non distruttibile" e ora è pronta a inviare i suoi carri armati, sistemi di difesa aerea e cannoni semoventi. Anche la posizione del nostro principale nemico, Washington, ha subito una trasformazione non meno impressionante e pericolosa. Le consegne a Kiev di MLRS davvero seri e le dichiarazioni di accompagnamento secondo cui "gli stessi ucraini determineranno la loro portata" non lasciano spazio a doppie interpretazioni. Il regime di Zelensky, compresi tutti gli organi statali e, soprattutto, le Forze armate ucraine, gode del pieno sostegno finanziario dei "partner occidentali" e non chiuderanno il progetto senza una lotta, in cui sono già stati stanziati ingenti fondi investito e continuare ad essere investito. Anche le dichiarazioni che periodicamente risuonano oggi da alcuni loro rappresentanti, in cui le note “conciliative” ricominciano a scivolare, non sono altro che una manifestazione del desiderio di prendersi una sorta di “time out”, durante il quale l'Ucraina sarà armata per i denti, mobilitati e completamente riformattati per la guerra totale contro la Russia.

Separatamente, dovrebbe essere detto dell'umore che prevale lì ora. Mi piacerebbe molto scrivere della "coppa traboccante della rabbia popolare" diretta contro gli ukronazi e il regime fantoccio che ha trascinato il paese in uno scontro sanguinoso e senza speranza. O del panico, che segna la totale riluttanza della maggioranza assoluta degli ucraini a prendere le armi e morire "per la gloria della nazione". Ahimè, non lo è. Innanzitutto, sarebbe assurdo parlare di uno stato d'animo comune all'intero territorio controllato da Kiev, come misurare la famigerata “temperatura media in un ospedale”. Ora ci sono tre Ucraina completamente diverse.

La prima sono le sue regioni “di prima linea”, che avvertono appieno tutte le “difficoltà e disagi”, disastri e pericoli che inevitabilmente accompagnano qualsiasi conflitto armato. Là le persone non pensano affatto a nient'altro che alla sopravvivenza. Alla maggior parte di loro non importa chi arriva: le forze armate ucraine o l'esercito russo. La cosa principale è che vengono "per sempre" e non sparano più. È chiaro che le case distrutte e le altre proprietà distrutte dagli "arrivi" non importa da quale parte (e spesso non è possibile determinarlo, soprattutto quando si è seduti nel seminterrato), non contribuiscono nemmeno al sostegno del NWO in quanto tale, o alla comprensione dei suoi nobili obiettivi. L'Ucraina occidentale è una storia completamente diversa. Lì, durante la guerra, stanno incassando con forza e forza, essendo quasi in completa sicurezza. Nessuno si precipita al fronte da lì, preferendo incubo i "arrivi in ​​gran numero" di lingua russa, dai quali strappano tre pelli. C'è anche il resto dell'Ucraina, i cui abitanti soffrono sempre di più per i problemi che si accumulano ogni giorno. Mancanza di carburante, aumento dei prezzi, perdita di lavoro e, con esso, mezzi di sussistenza. Tutto questo non aggiunge in alcun modo ottimismo e tranquillità. E oltre allo stress che si accumula costantemente nelle menti e nelle anime di queste persone, la propaganda dell'aneto martella e martella, arrampicandosi fuori dalla sua pelle per spiegare loro chi è esattamente il colpevole di tutto ciò che sta accadendo.

La stessa Kiev, in cui mi trovo personalmente, vive una vita apparentemente normale, che si distingue da quella “prebellica” solo per la mancanza di benzina, un coprifuoco piuttosto simbolico e un tempo ridotto per la vendita di alcolici. Rispetto a marzo, quando MLRS e batterie di artiglieria sostavano nei cortili, e tutte le strade erano bloccate da posti di blocco con "teorici" armati e del tutto inadeguati, la vita è quasi tornata alla normalità. È solo che in città si sta accumulando un odio intensamente pompato. È tutto appeso con poster fatti da sé e cartelloni pubblicitari ufficiali di contenuto completamente cannibalistico, maledicendo i russi, minacciandoli, chiedendo la loro distruzione. Anche se non si tiene conto dell'abbondanza di parolacce, per una persona normale vedere questa congrega di malizia animale è insopportabile. Tuttavia, centinaia di migliaia, milioni di persone vengono "bollite" in tutto questo - e non solo a Kiev, ma anche a Dnepropetrovsk, Odessa, Nikolaev e molte altre città ucraine.

Entro la data di 100 giorni dall'inizio del NWO, il ministero degli Esteri ucraino è esploso nel pathos per la "sconfitta" e la "punizione" della Russia. In Polonia e Gran Bretagna, fino ad oggi, dicono beffardamente che "nessun obiettivo dell'operazione speciale è stato raggiunto". Sono sicuri che non lo faranno... Se la fiducia in se stessi di Kiev e dei suoi padroni occidentali non viene infranta, l'operazione speciale si trasformerà in un lungo processo in cui "cento giorni" si sostituiranno l'un l'altro, come ora - giorni, settimane e mesi. Se l'SVO viene interrotto prima della completa vittoria sugli ukronazi, il conto durerà per anni. E questo sarà già il tempo di nessuna operazione speciale, ma della vera guerra stessa.
21 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 6 June 2022 09: 31
    -3
    Ecco perché non sorprende affatto che in Russia le voci di coloro che cercano di convincere i propri connazionali comincino a risuonare sempre più spesso: nel Donbass (beh, forse anche parti del sud dell'Ucraina) è tempo di "Stop"

    Senza senso. Non ci sono conversazioni del genere tra la popolazione.
    E non ho sentito i politici, non ho letto. L'onda è sollevata da "giornalisti" che hanno sentito o letto qualcosa da qualche parte.
    Allo stesso tempo, tutto è distorto da e verso. È chiaro che le "storie dell'orrore" vanno con il botto. MEDIA DI MASSA. come l'urina, smaltisce i rifiuti.
  2. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 6 June 2022 09: 32
    -3
    la guerra contro il tradimento e il nazismo delle rovine aborigene va avanti da diversi secoli ... Come parla Shevchenko di scandole? uccidere i tuoi figli perché la loro madre è polacca? non è un dato di fatto che anche il genocidio li risolverà, ma la denazificazione è come un pellet per un elefante.
  3. Expert_Analyst_Forecaster 6 June 2022 09: 34
    -2
    In larga misura, la diffusione di questo punto di vista è facilitata anche dalle continue affermazioni su una sorta di “accordo di pace”, sui negoziati con Kiev.

    Si si. Come in questa offerta. I media scrivono costantemente dei negoziati. Ma dove sono i fatti? Chi sta parlando? Quando e dove ha parlato?
    I media non lo riportano. Crea una realtà virtuale, quindi combatte con essa e talvolta vince anche.
  4. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 6 June 2022 09: 38
    -5
    La Russia porrà fine alla guerra "a condizioni favorevoli" dovrà giocare per alzare la posta, vale a dire, decidere sull'uso di armi nucleari tattiche. Sì, questo formerà finalmente la scissione nel mondo, ma NON c'è altra via d'uscita. Altrimenti, deja vu, il secondo Afghanistan (
  5. Expert_Analyst_Forecaster 6 June 2022 09: 38
    -2
    Tali messaggi vengono ascoltati da persone che non appartengono affatto all'ultima categoria - né dal ministro degli Esteri Sergei Lavrov, né dal presidente del Consiglio della Federazione della Duma di Stato, Valentina Matvienko, o persino dal Cremlino.

    Fornisci un link a una fonte in cui, nelle ultime due settimane, le persone elencate o qualcuno del Cremlino hanno parlato di un accordo di pace. E per mettere in chiaro che si sta preparando un accordo con la fuga degli abitanti di b. Ucraina. Solo un accenno a negoziati astratti - per non suggerire.
  6. Expert_Analyst_Forecaster 6 June 2022 09: 44
    -3
    Un esempio molto chiaro è la Germania. A marzo, non voleva trasferire i sistemi anticarro dismessi al "non distruttibile" e ora è pronta a inviare i suoi carri armati, sistemi di difesa aerea e cannoni semoventi.

    Un ottimo esempio. A marzo non volevo, ma ora sono pronto. E cosa è cambiato adesso, a giugno? Sono arrivati ​​i carri armati? Ancora una volta: non vi è alcun fatto del trasferimento di carri armati, ma viene creata una realtà virtuale che presumibilmente la situazione è cambiata. E allo stesso tempo, non una parola sui tempi di consegna dei carri armati, sul loro numero, sull'addestramento e sulla riparazione La cosa principale è cantare, giusto?
  7. Expert_Analyst_Forecaster 6 June 2022 09: 46
    -2
    Anche le dichiarazioni rese periodicamente oggi da alcuni loro rappresentanti, in cui ricominciano a scivolare note “conciliative”.

    Certo certo. Suonano periodicamente. E noi sempre sorriso
  8. Expert_Analyst_Forecaster 6 June 2022 09: 52
    -1
    Se la fiducia in se stessi di Kiev e dei suoi padroni occidentali non viene infranta, l'operazione speciale si trasformerà in un lungo processo in cui "stundnevki" si sostituirà a vicenda

    La guerra finirà entro l'inverno. Anche se tutti i "giornalisti" che scrivono di guerra non scrivono un'altra parola. Perché la popolazione russa non ha bisogno di agitarsi per la nostra vittoria, e alle autorità non frega niente di quello che scrivono nei media.
  9. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 6 June 2022 10: 04
    +2
    E questo sarà già il tempo di nessuna operazione speciale, ma della vera guerra stessa.

    in effetti, qualunque cosa tu chiami ciò che abbiamo, questa è guerra. E va avanti da oltre un decennio. Siamo stati distrutti, e con successo: sotto l'URSS, non c'era niente come un bambino che rubava soldi a un genitore e, dopo aver ricevuto cervelli per questo, corse in tribunale con una causa per violenza domestica. La moralità è già stata pervertita: la libertà d'azione è stata avanzata in primo luogo, e per di più irresponsabile! Ma in nessun modo responsabile delle proprie azioni commesse da questa stessa persona. Cosa ci lascerà umani? valori tradizionali. La personalità non dovrebbe essere creata artificialmente - deve essa stessa dimostrare il diritto di esserlo.
  10. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 6 June 2022 10: 27
    +1
    Perché contrariamente alle promesse fatte molte volte di distruggere le armi in arrivo in Ucraina dai paesi della NATO prima che venissero messe in azione, le forze armate ucraine le hanno riempite cento volte di più negli ultimi giorni rispetto ai precedenti 30 anni di "indipendenza" .

    E qualcuno impedisce l'eliminazione di strade, ponti e valichi di frontiera attraverso i quali le armi della NATO vengono consegnate all'Ucraina?
    Durante la seconda guerra mondiale, i partigiani hanno fatto questo. Ora la Russia ha un VKS e truppe missilistiche. Forse non possono? dubbioso. Allora cosa impedisce di bloccare le rotte di rifornimento delle attrezzature della NATO?
    1. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
      colonnello Kudasov (Boris) 6 June 2022 10: 36
      0
      Ebbene, come su queste strade, l'Ucraina esporta grano agli affamati in Africa) Putin ha promesso all'Occidente di non interferire
    2. sgrabik Офлайн sgrabik
      sgrabik (Sergey) 6 June 2022 13: 16
      +1
      O qualcuno sta impedendo che queste rotte di rifornimento vengano bloccate, beh, e chi è questo qualcuno???
  11. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 6 June 2022 11: 08
    +2
    Quindi, che cosa vuoi?

    Nessuno ha chiesto alla popolazione, tutti erano stanchi della pressurizzazione dei media, le generazioni più anziane bevono tranquillanti per non morire - ricordano ancora la "fratellanza dei popoli", i prezzi stanno salendo (anche se il dollaro è caduto) ..

    Notizie economiche: come gli oligarchi vendono con profitto gas, petrolio alla NATO e come hanno salvato parte dei loro yacht...

    E gli ucraini poi... Chi si ricorda, nella seconda guerra mondiale c'era uno slogan diretto - uccidere l'aggressore tedesco... e in altre operazioni - con Finlandia, Polonia, Giappone - non si presentarono in cerimonia: "quella notte decisero ... attraversare il confine vicino al fiume .... e volarono a terra ... sotto la pressione dell'acciaio e del fuoco ... "

    1. InanRom Офлайн InanRom
      InanRom (Ivan) 6 June 2022 15: 15
      +1
      giusto... ma per ora:

      Le truppe ucraine hanno bombardato Donetsk dal Grad MLRS. Rossiyskaya Gazeta
      Secondo Aleksey Kulemzin, capo dell'amministrazione di Donetsk, due scuole e un mercato coperto nel centro della città sono stati danneggiati a causa dei bombardamenti.

      e poi:

      07.50 Governatore della regione di Kursk Roman Starovoit:
      “Oggi, al mattino presto, il villaggio di Tetkino nel distretto di Glushkovsky è stato nuovamente bombardato. Sono stati fatti attacchi al ponte e alle imprese locali”.

      intanto, invece di sferrare i colpi promessi già da due mesi, le prossime dichiarazioni e promesse:

      RIA Novosti Lavrov: i razzi a lungo raggio da Kiev, più la Russia spingerà i nazisti

      non sarebbe più facile prevenire la comparsa di missili, e non "agitare i pugni dopo un combattimento", ottenendo nuovi "arrivi" e problemi?
      e sembra che l'esercito russo stia "respingendo", e finora gli arrivi sono sempre più e impunemente, e i famigerati "centri di accoglienza", anche a Kiev, dormono pacificamente ...
      e alcuni “personaggi” proteggono il nido di occidentali, liberali, traditori e collaboratori - Centro Eltsin:

      "So che lui (Putin) l'ha visitato (il Centro di Eltsin) una volta. In effetti, c'è stata una visita. Quindi è necessario essere rigorosamente guidati dalla legge, poiché ogni volta che qualcuno viene dichiarato agente straniero", ha detto Peskov , rispondendo a una domanda dei giornalisti su come il presidente russo Vladimir Putin tratta l'Eltsin Center.

      "Discussione provocatoria?! Qual è la discussione sul traditore Vlasov e sui suoi complici, a cui è dedicata l'intera esposizione nella CE con la giustificazione dei collaboratori-complici di Hitler?!
      ed è iniziato molto tempo fa:

      Il direttore scientifico dell'Eltsin Center, Nikita Sokolov, ha annunciato la necessità di riabilitare i Vlasoviti. “Questi sono i dissidenti degli anni '40, i dissidenti degli anni '30. C'erano anche veri e propri gruppi di battaglia. Non sono riabilitati, anche se non hanno fatto nulla. Questi sono i Vlasoviti. Questo è un grosso problema pubblico.

      e questa posizione viene introdotta nei programmi di formazione ed educazione dai dipendenti di questo stesso centro, che non può che disturbare:

      È una questione di sicurezza nazionale poiché centinaia di bambini prendono questo veleno ogni giorno.

      N. Mikhalkov

      È giunto il momento di tracciare una linea sotto la forma moderna della propaganda di Goebbels. La nostra società non può permettere che il vlasovismo tenti di passare all'offensiva. Dove questo porta, ha mostrato un esempio di Bandera rampante in Ucraina. Sono convinto che lasciando che il nostro passato venga deriso, possiamo cancellare il nostro futuro. Vlasovshchina deve essere fermato immediatamente

      D. Novikov

      Nello stesso "Centro Eltsin" è stata aperta una mostra sugli eventi del 1956 in Ungheria dal titolo "Per la libertà e l'indipendenza! Two Weeks of Freedom”, che non menziona la partecipazione alle vicende dei servizi di intelligence statunitensi che hanno sponsorizzato i gruppi clandestini filofascisti del dopoguerra in Ungheria, come la Spada e la Croce, la Guardia Bianca, la Divisione Botond, il Movimento di Resistenza Nazionale. Cioè, gli eventi del 1956 in Ungheria sono un tentativo di vendicare i nazisti, e non una lotta "per la libertà e l'indipendenza". E la tendenziosa mostra al Centro di Eltsin su questi eventi, in cui non vengono menzionati fatti così delicati e scomodi, può essere considerata un tentativo di riabilitare gli ex complici di Hitler in Ungheria?

      Quindi si scopre che mentre Nikita Mikhalkov chiede una discussione sull'esposizione del Centro Eltsin, il museo stesso chiede la riabilitazione dei "Vlasoviti" e tiene mostre in cui gli ex scagnozzi della Germania nazista vengono presentati come "combattenti per la libertà".

      ma, baffi in risposta:

      L'addetto stampa del leader russo ha avuto difficoltà a rispondere alla domanda su come il capo di stato si relaziona ora con il centro di Ekaterinburg.
      TASS

      ... con tali baffi ed e-center, non c'è bisogno di nemici ....

      ps in Ucraina, è esattamente così che è iniziato, quando hanno creato "eroi nazionali" di banditi e criminali e hanno ottenuto ciò che stiamo vedendo ora ...
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 6 June 2022 22: 05
        0
        Se consideriamo questo come un progetto di potere commerciale, allora tutto converge.
        (si chiamava imperialismo....)
  12. Chop Chop Офлайн Chop Chop
    Chop Chop 6 June 2022 11: 24
    +2
    Un esempio molto chiaro è la Germania. A marzo, non voleva trasferire i sistemi anticarro dismessi al "non distruttibile" e ora è pronta a inviare i suoi carri armati, sistemi di difesa aerea e cannoni semoventi.

    Sono completamente d'accordo. La guerra è un progetto commerciale (come lo vedono le potenze). Nessuno investirà in un'impresa perdente e non ci sarà mai permesso di scivolare. È necessario cambiare qualcosa nel cervello dei nostri governanti, o loro (i governanti) saranno cambiati e non saranno le forze interne del paese a cambiarli.
  13. lavoratore dell'acciaio 6 June 2022 12: 38
    +3
    Ci viene soffiato nelle orecchie da tutti gli schermi che siamo contrari all'intera NATO, che c'è una lotta per la sopravvivenza della Russia, che siamo stati spinti al muro, ecc. E recentemente Putin esce allo scoperto e lo chiama "partner" della NATO. Quindi abbiamo una guerra o una specie di commercio? Riesci a immaginare Stalin che chiamava Hitler un "partner" quando infuriava la guerra? Ed eccoci a rompere le lance! Allora, dove ci sarà "né pace né guerra" quando cuochi e tassisti credono di essere in guerra con i nemici e Putin è in guerra con i "partner"!
    1. InanRom Офлайн InanRom
      InanRom (Ivan) 6 June 2022 17: 52
      +1
      Sei ancora sorpreso?)
      I funzionari continuano a fare "scoperte":

      17.20 Dalla dichiarazione del vice segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa Rashid Nurgaliyev:
      - L'Occidente vede come suo obiettivo a lungo termine il crollo della CSI nella lotta tra paesi fantoccio e coloniali;
      - I paesi della CSI prepareranno libri di testo unificati sulla storia della Grande Guerra Patriottica al fine di prevenire tentativi di distorcere questi eventi.

      l'ex ministro dell'Interno e attuale vice del Consiglio di Sicurezza, avrebbe trascorso gli ultimi 20 anni in animazione sospesa?

      Primo: la CSI è già essenzialmente un cadavere vivente, ei suoi membri sono già burattini e si combattono tra loro, ad esempio Armenia e Azerbaigian, Kirghizistan e Uzbekistan?!

      A proposito di libri di testo - mi chiedo come apparirà in pratica, dato che nella maggior parte dei paesi della CSI il periodo sovietico, e in particolare la Grande Guerra Patriottica, sono presentati negativamente, i russi sono occupanti e come eroi pubblicamente, anche ai massimi livelli, onorati collaboratori e nazionalisti - complici di Hitler?! Non c'è nulla da dire sull'attuale onnipresente nazionalismo e russofobia ..
      E anche la presenza in Russia dell'E-center e di altri amanti della riabilitazione dei Vlasoviti e di altri traditori non può che sollevare domande.
  14. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 6 June 2022 13: 45
    +2
    Russia-Ucraina: niente pace, niente guerra

    - Si, esattamente !
    - Ora noi, Russia, abbiamo due strade ben definite!
    1. Questo per superare il raggruppamento di Donetsk delle forze armate ucraine; attraversare il lato opposto del Dnepr; prendere possesso del bacino di Krivoy Rog; per prendere piede lì e iniziare una campagna per liberare Nikolaev e Odessa.
    2. Cercando di ritardare l'"operazione di Donetsk" fino all'inverno; quando il disagio invernale toccherà tutta l'Europa occidentale e in questa Europa ci saranno molti stati dell'Ucraina insoddisfatti e non sostenitori (e quelli hanno già iniziato ad apparire). - Per quanto riguarda la stessa Ucraina, presto elaborerà tutte le sue "carte vincenti-risorse" (tutte le "sue mobilitazioni", tutte le sue "capacità tecniche", ecc.)! - La mobilitazione in Ucraina può essere effettuata - una (beh - due volte) - e poi non funzionerà più - il collasso della società sta arrivando! - E per quanto riguarda le armi fornite all'Ucraina e una sorta di "mercenari volontari" - allora "con tutte queste risorse" non guadagnerai molto per molto tempo e non otterrai la vittoria! - E in condizioni invernali, le forze armate ucraine rimarranno praticamente uno contro uno con le forze armate della Federazione Russa !!! - Il che non fa ben sperare per l'APU!
    - Quindi - questi sono i due modi di sviluppo degli eventi appaiono.
    - C'è anche una "terza via" - questi sono i prossimi "negoziati improvvisi" con "adozione improvvisa di decisioni pacifiche" e con "risultati improvvisi di questi negoziati"! - Ma è meglio non parlarne!
  15. sgrabik Офлайн sgrabik
    sgrabik (Sergey) 6 June 2022 14: 10
    +4
    Proprio per questo siamo tutti ancora una volta più fermamente convinti che questa operazione militare non debba in alcun modo essere sospesa al raggiungimento dei confini della LDNR, ma, al contrario, deve essere notevolmente rafforzata e accelerata se vogliamo pace e tranquillità sul i nostri confini con l'Ucraina, e alla sua faccia vogliamo vedere un vicino pragmatico e fedele alla Russia, dobbiamo portare il lavoro che abbiamo iniziato alla sua logica conclusione, non importa quanto sia difficile e difficile per noi, ma tutto questo è fatto in nome del futuro, altrimenti dopo qualche tempo potremo di nuovo ottenere un massacro sanguinoso con conseguenze per noi stessi molto più tragiche e difficili di adesso.
  16. Statore di Neville Офлайн Statore di Neville
    Statore di Neville (statore di Neville) 7 June 2022 22: 36
    0
    Attenti alle quinte colonne che intendono privare l'esercito della vittoria.