È possibile collegare un aereo da attacco leggero con un UAV d'attacco come "fedele gregario"


In continuazione del tema delle possibili direzioni per l'ulteriore sviluppo dell'aviazione russa, sulla base delle lezioni dell'operazione militare speciale in Ucraina. Pochi giorni fa, il Reporter ha pubblicato un articolo in cui noi motivata sul fatto che oggi sul campo di battaglia aereo ci sia posto per un aereo da attacco leggero come il brasiliano Embraer EMB-314 Super Tucano. Il feedback ricevuto dai nostri lettori onniscienti ci fa rivelare questo problema in modo più approfondito.


Auspicabile e reale


Prima di tutto, vorrei rispondere ai commenti nello spirito di "abbiamo buoni UAV d'attacco, quindi perché produrre nuove entità". Cari amici, il problema è che il nostro Paese è appena entrato nella corsa alla produzione di droni ed è in grado di recuperare terreno, di cui parleremo in dettaglio detto in precedenza. Gli UAV da ricognizione nazionali "Orlan-10", ad esempio, sono completamente assemblati da componenti civili stranieri a causa della mancanza di una propria base di componenti. La ricognizione e lo sciopero Altius-U hanno completato i test solo nel 2021 e il Ministero della Difesa russo ha firmato un accordo sull'inizio della sua produzione di massa. Quando effettivamente entrerà nell'esercito, non si sa. Il super pesante UAV S-70 Okhotnik dovrebbe iniziare le consegne non prima del 2023. La produzione in serie dei droni da ricognizione e d'attacco Orion nello stabilimento di Kronstadt, costruito lo scorso anno, è appena iniziata.

Perché ci viene ricordato tutto questo? Oltre a dire "attraverso la bocca" che "abbiamo dei buoni UAV" ne vale la pena solo quando saranno effettivamente in servizio con le truppe in decine, e preferibilmente centinaia di unità. Nel frattempo, le forze armate RF sembrano avere i droni come un tipo di armamento di massa, ma, per così dire, no.

Guerra dei droni


Nel frattempo, il nostro nemico, rappresentato dalle Forze armate dell'Ucraina, sostenuto dall'Occidente collettivo con la sua potenza tecnologica e il suo mostruoso complesso militare-industriale, ha un ordine completo con velivoli senza pilota. Questi sono gli UAV d'attacco turchi Bayraktar, i droni kamikaze americani Switchblade e gli UAV da ricognizione e attacco MQ-1C Grey Eagle dovrebbero presto arrivare. Quindi, con tutti i mezzi, verrà lanciato qualcos'altro a Kiev per vedere come l'esercito russo può resistere all'attacco dei droni. Il problema è un gioco da ragazzi.

I droni d'attacco si sono mostrati perfettamente prima in Siria, poi in Libia, poi nel Nagorno-Karabakh. I "Bayraktar" turchi hanno bruciato impunemente veicoli corazzati e hanno persino distrutto il sistema missilistico di difesa aerea Pantsir, che, in teoria, dovrebbe resistergli efficacemente. Sì, sono stati catturati i turchi e gli azeri tecnica in marcia, in uno stato non di combattimento, hanno utilizzato i difetti di progettazione dello ZRPK e la scarsa preparazione dei calcoli. Quando i "Shells" hanno difeso la base aerea russa di Khmeimim dagli attacchi aerei degli UAV lanciati dai terroristi, si sono comportati bene. I "Bayraktars" stanno cadendo oggi in Ucraina, motivo per cui sono molto preoccupati in Turchia, che stanno rovinando la loro reputazione. Tuttavia, questo confronto tra droni e sistemi antiaerei ha messo in luce molti seri problemi di questi ultimi.

L'esercito russo ha complessi 3PK "Top-M1" e "Top-2E", "Buk-M2E" e "Buk-MZ", "Vityaz" e ZRPK "Pantsir-S1". Sono in grado di abbattere i droni, ma hanno anche i loro colli di bottiglia, che sono apparsi in Siria. Questo è, in primo luogo, l'alto costo di uno scatto e, in secondo luogo, la difficoltà nel rilevare UAV di piccole dimensioni. I piccoli UAV sono quelli che hanno una massa fino a 25 chilogrammi, un'altezza di volo fino a 3 chilometri e un'autonomia fino a 40 chilometri. Se utilizzati in grandi sciami, sono in grado di sovraccaricare anche il miglior sistema missilistico antiaereo.

Il più grande danno per noi nei cieli dell'Ucraina viene dai piccoli osservatori UAV che le forze armate ucraine usano per guidare la loro artiglieria verso il bersaglio. Inoltre, grandi problemi delle forze armate RF brillano dopo che il nemico ha ricevuto droni kamikaze Switchblade di fabbricazione americana. Con una massa di 23 kg, un'autonomia di 40 km, una durata del volo di 40 minuti e una velocità massima di 185 km/h, queste munizioni vaganti rappresentano una minaccia mortale per i veicoli corazzati russi. L'attacco di tali droni usa e getta in uno "sciame" è in grado di creare grossi guai. Quale delle precedenti si può concludere?

In modo tale che la prevenzione della malattia è molto più economica ed efficace del suo costoso trattamento. È ovvio che ora ci saranno sempre più UAV sul campo di battaglia e loro stessi diventeranno più compatti e più intelligenti. Non sarà possibile coprire tutti con un ombrello di difesa aerea affidabile, quindi è meglio abbattere i droni mentre sono ancora in aria, su una linea distante, e ciò richiede l'aviazione. Ma cosa?

Naturalmente, i caccia a reazione possono essere usati contro i droni Bayraktars o Switchblade kamikaze che si muovono relativamente lentamente, ma ci sono soluzioni più razionali. Come notato in precedenza, sarebbe del tutto possibile adattare un velivolo da attacco leggero basato sul velivolo da addestramento Yak-52B come "caccia con droni". Questo analogo domestico dell'Embraer EMB-314 Super Tucano avrà un costo eccezionalmente basso di un'ora di volo e una velocità massima del pilota di 360 km/h. Per un aereo brasiliano, questo è 590 km / h - massimo e crociera - 520 km / h. Anche con caratteristiche prestazionali così modeste, nessuno degli UAV utilizzati in Ucraina sarà in grado di sfuggire all'aereo da attacco leggero russo. Ricordiamo che Bayraktar ha una velocità di volo massima di 222 km / h, in crociera - 130 km / h, le munizioni oscillanti Switchblade hanno una velocità massima di 185 km / h.

Un aereo semplice, facile da pilotare ed economico da mantenere sarà in grado di condurre pattugliamenti aerei e fornire difesa aerea, abbattendo preventivamente i droni nemici con mitragliatrici o missili aria-aria. In futuro, puoi considerare un altro uso di un aereo da attacco leggero. Avendo un equipaggio di due persone, può condurre ricognizioni e controllare altri droni, puntando gli stessi Orioni sul bersaglio. Agendo insieme, il "caccia con droni" e i droni d'attacco mentre i suoi "fedeli gregari" sono in grado di liberare il cielo dagli UAV nemici e garantire il predominio degli aerei senza pilota russi nell'aria.

L'idea di creare un drone da combattimento in grado di condurre da solo il combattimento aereo è sicuramente interessante, ma incontrerà molti problemi tecnici con la base dei componenti e complessi algoritmi di sviluppo dell'intelligenza artificiale. Un aereo da addestramento semplice ed economico può effettivamente risolvere molti problemi.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. scettico Офлайн scettico
    scettico 4 June 2022 15: 57
    0
    + Buona idea, in assenza di aerei nemici e difesa aerea.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 18 luglio 2022 18: 54
      0
      La robotica, inclusi droni e altri quadricotteri, deve essere sconfitta SOLO con una robotica più potente (droni). Non dovrebbe esserci confronto tra droni e umani, perché i droni dovrebbero essere sconfitti, anche a un costo inferiore ... Pertanto, la competizione per l'avanzamento dei mezzi robotici è ovvia ...
  2. Abile Офлайн Abile
    Abile (Abilitato) 4 June 2022 17: 25
    0
    Sì, i missili aria-aria saranno particolarmente "economici", anche i più economici. Inseguono piccoli quadricotteri che volano a velocità fino a 300 km/h a una velocità di 100 km/h e non è nemmeno molto bello sparare loro con un cannone. Il tempo massimo di servizio in aria per questo aereo sarà di tre o quattro ore, è necessario decollare da qualche parte e volare verso il luogo della missione. Per i MANPADS nemici, un aereo d'attacco o un intercettore di droni saranno estremamente vulnerabili.
    Allora Orion sta meglio con un negozio di droni mini-kamikaze a bordo. Questi mini-droni (peso fino a 1 kg) potrebbero attaccare altri droni con un attacco cinetico e/o un piccolo HE o accendino.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 4 June 2022 22: 35
    0
    Infatti. A differenza delle idee passate, questa è una vera idea.
    E le velocità sono più vicine, il costo e la funzionalità.

    Il problema è che gli UAV esistenti volano ancora lentamente e l'LSh Yak 130 esistente è abbastanza veloce. (Hunter e simili sono eccezioni, ma sono rari)
    O non raggiungeranno il ritardo o Yaku dovrà rallentare artificialmente.

    Semplicemente non abbiamo LShs leggeri a vite, e ce ne sono pochi altri: vengono venduti, scritti, quasi singolarmente, da vecchi spesso messi fuori servizio, per pattugliare e affrontare poveri ribelli.
    E i ribelli più ricchi lo metteranno fuori combattimento rapidamente.
  4. doc8673 Офлайн doc8673
    doc8673 (Vyacheslav) 5 June 2022 10: 01
    0
    il nostro Ministero della Difesa dovrebbe reindirizzare le finanze dai veicoli blindati agli UAV di tutti i tipi, in modo che ce ne siano abbastanza per la ricognizione e gli attacchi di precisione .......