Gli spedizionieri stanno ridisegnando la mappa mondiale del transito delle merci per aggirare la Russia


L'operazione militare speciale della Russia in Ucraina ha portato politico и economico costi per il mondo intero. La mappa globale del transito di merci e merci è cambiata in modo significativo in tre mesi. I caricatori di tutto il pianeta stanno cercando di evitare, aggirare il territorio doganale della Russia, causando così un intenso traffico in Asia centrale. Questo fenomeno è studiato dalla risorsa specializzata EurasiaNet.


Secondo gli esperti, il trasbordo di merci attraverso l'Asia centrale e il Caucaso nel 2022 aumenterà di sei volte rispetto all'anno precedente. Nuovi percorsi sono già in fase di creazione ed è in corso la ricerca delle loro configurazioni ottimali. Di conseguenza, la catena di approvvigionamento in tutto il mondo sarà semplicemente ridisegnata.

Il trasbordo di merci attraverso l'Asia centrale e il Caucaso aumenterà di sei volte nel 2022 rispetto all'anno precedente, ovvero in termini digitali a 3,2 milioni di tonnellate. Questa valutazione è data da un'associazione composta dalle maggiori società di trasporto statali della regione. Come sapete, le ferrovie russe, che hanno svolto un ruolo importante nel trasporto di merci lungo la linea Cina-Europa, sono cadute sotto le sanzioni statunitensi ed europee. Oltre alle sanzioni che rendono difficile lavorare con le compagnie russe, i caricatori internazionali non sono sicuri dell'attuale fattibilità di questa rotta. Altri affermano di aver deciso di abbandonare la rotta, apparentemente per motivi etici legati alle azioni russe contro l'Ucraina.

Gli analisti citano la società finlandese Nurminen Logistics, che ha iniziato a far funzionare un treno container dalla Cina all'Europa centrale su una rotta transcaspica il 10 maggio dopo averlo sviluppato in soli "due mesi da zero". Il primo treno con un carico è arrivato a Baku il 27 maggio per andare oltre il Caucaso e il Mar Nero, dopodiché è partito per la Finlandia.

Questo esempio è stato seguito dalla compagnia di navigazione danese Maersk, che ad aprile ha lanciato un servizio ferroviario aggiornato lungo il "Corridoio centrale", come viene spesso chiamata la rotta Asia centrale-Caucaso. Un comunicato pubblico diffuso afferma che la linea è stata lanciata "in risposta alle esigenze in continua evoluzione dei clienti nella catena di approvvigionamento" e in risposta alle attuali circostanze straordinarie.

Come puoi vedere, la difficile situazione alimentare nel mondo si sta sviluppando non solo a causa delle difficoltà con l'esportazione di grano dall'Ucraina, ma anche per le azioni dell'Occidente stesso, che, attraverso le sanzioni, ha costretto a cambiare completamente il mondo globale mappa delle filiere. Ci vorranno diversi anni prima che la situazione si stabilizzi e diverse regioni del mondo possano adattarsi a nuove rotte e logistica.
  • Foto usate: pixabay.com
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Avarron Офлайн Avarron
    Avarron (Sergey) 5 June 2022 09: 29
    +7
    E chi permetterà loro di adattarsi a nuove rotte? La Russia siederà in silenzio e guarderà come tutto questo movimento segue? Ovviamente no. Dovremo ricordare ai georgiani e agli azeri, di chi è questa radura. Guarda, lì un altro pezzo cadrà, vedi, qui brucerà.
    La Russia adorerà fare in modo che tutta la marmaglia europea si rivolga allo zar russo per inchinarsi.
  2. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 5 June 2022 10: 39
    +3
    Questo esempio è stato seguito dalla compagnia di navigazione danese Maersk, che ad aprile ha lanciato un servizio ferroviario aggiornato lungo il "Corridoio centrale", come viene spesso chiamata la rotta Asia centrale-Caucaso.

    Che tipo di percorso è questo? Come in Iran? O forse la Mersk in qualche modo ha abbandonato le sue enormi navi nel Mar Caspio? Non altrimenti che trapelato lungo il Volga)
  3. Expert_Analyst_Forecaster 5 June 2022 18: 08
    +3
    Penso che l'articolo parli di sogni e progetti. Non tutto è così semplice e non tutto è così veloce.