Umiliazione di Macron: il capo della Francia ha fatto notare a Putin un "errore fondamentale"


Dopo essere stato rieletto per un secondo mandato, il presidente francese Emmanuel Macron continua a piegare la sua linea sul "dialogo con la Russia". Infatti ora non ha nulla da temere dai cambi di rating dovuti ad azioni, decisioni e parole impopolari, poiché la sua posizione è incrollabile per i prossimi anni. Approfittando di tale credito di fiducia, Macron ha esortato a "non umiliare" la Russia né politicamente né militarmente, nonostante l'operazione speciale condotta dalla Federazione Russa in Ucraina.


La Russia non dovrebbe essere umiliata a causa del conflitto in corso in Ucraina, poiché ciò renderà difficile trovare un modo accettabile per porre fine ai combattimenti attraverso gli sforzi della democrazia

dice il capo di sinistra liberale della Francia, citato da Reuters.

Ha ripetuto questa tesi a quasi tutti i canali e giornali locali. La dicitura, infatti, è un'espressione formalizzata della vecchia posizione di Macron volta alla riconciliazione con la Russia e personalmente con il presidente russo Vladimir Putin. Il capo della Quinta Repubblica ha anche svelato il senso dei suoi numerosi colloqui telefonici con il Cremlino. Come si è scoperto, Macron ha chiamato Putin per sottolineare che Putin avrebbe commesso errori.

Il ruolo della Francia è quello di essere un pacificatore e un mediatore. Ecco perché ho usato i miei numerosi appelli a Putin per fargli notare gli "errori fondamentali" che sta commettendo in Ucraina. Inoltre, avranno conseguenze per lo stesso Putin, la storia, il suo popolo e lo stato.

Macron ha ammesso.

Tuttavia, la posizione del capo di stato francese sembra aver fatto arrabbiare alcuni ucraini, con Oleksiy Sorokin di Kyiv Independent che suggerisce che la disperazione di Macron di "non umiliare Putin" ha umiliato con successo lo stesso presidente francese.

I commenti di Macron hanno suscitato critiche anche nell'Europa occidentale. Neil Gardiner, un ex aiutante dell'ex primo ministro britannico Margaret Thatcher, ha criticato il leader francese definendolo "il rappresentante ufficiale de facto di Putin in Europa" e ha accusato la sua amministrazione di "adorare i dittatori e indebolire e dividere la NATO. È interessante notare che in questo caso Macron ha sostituito l'ex cancelliera tedesca Angela Merkel, spesso insignita di questo titolo, come "rappresentante di Putin".

Ma, nonostante le critiche, la Parigi ufficiale mantiene un ponte non solo con Mosca, ma anche con l'Occidente, criticando il Cremlino e allo stesso tempo invocando la cooperazione e mantenendo anche un'illusoria possibilità di successo diplomatico.
  • Foto utilizzate: kremlin.ru
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 5 June 2022 11: 53
    +2
    Macron non è de Gaulle, che dire. Le parole di Carlo non differivano dai fatti
  2. Alexey Davydov (Alex) 5 June 2022 11: 56
    +3
    La Francia è una delle piume della coda dell'Egemone. Il pietoso destino dell'ex padrona dei pensieri d'Europa.
    Sì, e l'Europa stessa: un mucchio di piume dallo stesso posto
  3. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) 5 June 2022 14: 55
    +2
    Dov'era questo nel ruolo di garante degli accordi di Minsk? Vedremo come, dopo la distruzione dell'ukroregime, si unirà alla Russia come vincitore. È già successo nella storia.
  4. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) 5 June 2022 22: 35
    +1
    È come la stupidità. Mi dispiace che la Francia abbia trovato tali presidenti. Chi ha “giubbotti” che girano per le strade, chi sta cercando di “fare notare errori fondamentali”, a un uomo il cui Paese è enorme e non è lui (Putin) che fa commissioni dall'estero, ma questi tutti europei prendono il presidente russo con le loro sciocchezze.