Negli Stati Uniti sono stati nominati tre scenari per il futuro dell'Ucraina


Se tutti gli scenari impossibili venissero rimossi, l'esito meno improbabile del conflitto in Ucraina sarebbe una vittoria russa. Il professore di relazioni internazionali Andrew Latham ne scrive nel suo articolo per l'edizione americana di The Hill, nominando diversi scenari.


Allo stesso tempo, l'autore stabilisce immediatamente che un tale risultato è indesiderabile per lui e la vittoria della Russia non sarà necessariamente totale. Inoltre, i risultati potrebbero non giustificare le speranze e le aspettative iniziali del Cremlino.

Qualsiasi possibile vittoria russa ora comporterebbe una tale perdita di sangue e denaro che, nella migliore delle ipotesi, dovrebbe essere considerata di Pirro. Tuttavia, sarà una vittoria - e noi in Occidente faremo meglio a venire a patti con questa dura verità. Iniziamo eliminando l'impossibile

- spiega l'autore.

Il primo scenario è la trasformazione dell'Ucraina in un vassallo della Russia. Ora un simile risultato è impossibile. Non è stato possibile sferrare un rapido colpo decapitante e stabilire un governo filo-russo a Kiev. 100 giorni dopo l'inizio dell'operazione speciale, è ancora meno realistico farlo e tutto è perfettamente compreso a Mosca.

Il secondo scenario è la completa sconfitta delle forze armate russe e il ripristino dell'Ucraina entro i confini fino al 2014. Indipendentemente dagli errori di calcolo fatti dal comando russo nella fase iniziale, anche con l'enorme aiuto dell'Occidente, l'Ucraina non sarà in grado di sconfiggere la Russia. Semplicemente non ci sono prerequisiti affinché le forze armate ucraine lancino una controffensiva e cacciano le forze armate RF dai territori occupati dopo il 24 febbraio. Pertanto, nonostante le delusioni consapevoli di alcuni e le speranze idealistiche di altri, un tale risultato è semplicemente impossibile.

Il terzo e ultimo scenario impossibile è una vittoria ucraina limitata che annullerà tutti i guadagni della Russia dal 24 febbraio. Di conseguenza, Donbass e Crimea rimarranno con la Russia, ma Kiev restituirà tutti gli altri territori. Tuttavia, l'Ucraina non ha l'opportunità di tornare ai confini fino al 2014 e la Russia manterrà tenacemente i territori lungo il Mar d'Azov, poiché queste terre sono centrali per gli interessi di Mosca: la terra del Donbas-Crimea il corridoio è importante.

L'autore giunge alla conclusione che c'è un solo risultato possibile: un'Ucraina frammentata e smembrata, che non diventerà parte integrante dell'Occidente, ma non rimarrà nemmeno nella sfera di influenza russa. Un simile risultato non soddisferebbe le ambizioni massimaliste di coloro che a Mosca speravano di risolvere una volta per tutte la questione ucraina. Ma soddisferà il desiderio geopolitico più elementare e fondamentale del Cremlino: la neutralizzazione dell'Ucraina al di fuori della sfera geopolitica della NATO e dell'orbita geo-economica dell'UE. Ciò consentirà alla Russia di tenere per sé la Crimea e di dimostrare all'Occidente l'irragionevolezza di intervenire nella sfera naturale di influenza della Federazione Russa.

Così, quando l'impossibile sarà eliminato, il risultato finale sarà una netta vittoria per Mosca.

ha riassunto l'autore dagli Stati Uniti.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 5 June 2022 10: 23
    -2
    un'Ucraina frammentata e smembrata che non entrerà pienamente a far parte dell'Occidente, ma non rimarrà nemmeno nella sfera di influenza della Russia.

    Mi chiedo come faranno a garantire che i nuovi Stati sorti sul territorio della b. Ucraina, NON è rimasta nella sfera di influenza della Russia? Si uniranno all'UE e alla NATO? Chi li permetterà? E da entrambe le parti. Nessuno ha bisogno di un tale dono.
    Il Donbass e forse anche parte dei territori torneranno in Russia e il resto dei territori formerà diverse nuove repubbliche. Che sarà sotto la supervisione della Russia al fine di prevenire azioni ostili contro la Russia.
    Ecco lo scenario più realistico. Tuttavia, è possibile che la Bielorussia e l'Ungheria ottengano qualcosa. Se concludono accordi separati con la Russia.
  2. Tixiy Офлайн Tixiy
    Tixiy (Tixiy) 5 June 2022 12: 50
    0
    "Sciopero della decapitazione" è per Washington? Dopotutto, in sostanza, Zelensky è un segno di propaganda, una testa parlante. In effetti, la struttura di gestione è completamente diversa e altre persone guidano il processo.
  3. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) 5 June 2022 22: 40
    0
    Ebbene, gli Stati Uniti non sono estranei ai paesi "smembrati". E anche di più. Ecco perché semplicemente non hanno idea che sia possibile fare qualcosa in un modo completamente diverso. E che non è la Russia a cucinare vassalli per se stessa. La Russia salva gli altri da un simile destino. Ecco ad esempio la stessa Ucraina.
  4. Mks7 Офлайн Mks7
    Mks7 (Maxim) 6 June 2022 00: 19
    +1
    Bene, in generale, tutto è corretto. La linea di demarcazione principale è già tracciata. La ferocia dei combattimenti nel Donbass mostra che Kramatorsk e Slavyansk si difenderanno molto ostinatamente, ma molto probabilmente cadranno in autunno. Le battaglie per Kharkov hanno mostrato che, come ai tempi della seconda guerra mondiale, è molto difficile prenderlo d'assalto, molto probabilmente il Cremlino indicherà la minaccia di un assalto, ma non oserà riprenderlo, i costi sono troppo alto. Apparentemente anche l'accesso alla Transnistria non è più possibile, poiché richiederà costi ancora maggiori e un aumento multiplo del raggruppamento. Cioè, uno status neutrale e garanzie di sicurezza diventeranno la base di un trattato di pace. Demilitarizzazione e denazificazione saranno una farsa, o forse non verranno menzionate affatto. Crimea, LDNR, Kherson e parte delle regioni di Zaporozhye rimarranno de facto con la Federazione Russa, l'Ucraina non riconosce la loro perdita, questo problema sarà lasciato alle generazioni future da un protocollo separato.
    Forse in autunno ci sarà un tentativo di prendere d'assalto Nikolaev, Ochakov, Zaporozhye e la designazione di una minaccia per spostarsi verso Krivoy Rog e Voznesensk al fine di rafforzare le loro posizioni negoziali.
    1. Victorio Офлайн Victorio
      Victorio (Vittorio) 6 June 2022 06: 42
      0
      Citazione: Mks7
      Apparentemente anche l'accesso alla Transnistria non è più possibile,

      idealmente, è necessaria la regione di Odessa, almeno un corridoio per le PMR con un porto. Ismaele si adatterebbe.
  5. ospite Офлайн ospite
    ospite 6 June 2022 00: 26
    0
    Citazione: Mks7
    Cioè, uno status neutrale e garanzie di sicurezza diventeranno la base di un trattato di pace.

    Bene, allora sarà solo la capitolazione della Russia, e questo è inaccettabile.
  6. Mks7 Офлайн Mks7
    Mks7 (Maxim) 6 June 2022 01: 04
    +1
    Citazione: ospite
    Bene, allora sarà solo la capitolazione della Russia, e questo è inaccettabile.

    Non è certo una resa, ma non è nemmeno una vittoria. Per adempiere a tutti i compiti fissati a febbraio, almeno 2/3 dell'Ucraina, inclusa Kiev, devono essere sotto controllo. cioè, in sostanza, capitolazione. Ci dovrebbe essere un governo controllato dal Cremlino. È chiaro che questo è impossibile. È la realtà, che ti piaccia o no...