Gli Stati Uniti rifiutano l'aiuto russo per risolvere la crisi del grano


La dirigenza statunitense con "indignazione" ha respinto il piano russo per risolvere la crisi del grano sorta intorno ai porti dell'Ucraina. Il Dipartimento di Stato ritiene che il capo della Federazione Russa, Vladimir Putin, stia cercando di revocare le sanzioni e non abbia affatto il desiderio di aiutare a risolvere la crisi alimentare. Inoltre, il segretario di Stato Anthony Blinken si è preso la libertà di affermare che la Russia sarebbe "impegnata in un ricatto" piuttosto che in negoziati, quindi i suoi termini non possono essere accettati dalla "comunità mondiale".


Washington non si è nemmeno accorta degli incredibili sforzi di Mosca, compiuti come gesto di buona volontà e atto unilaterale per sbloccare i porti e mettere al sicuro eventuali convogli di cereali. Al contrario, gli Stati Uniti considerano il comportamento della Russia un "ricatto". Una stranissima "ottica" di considerare importanti eventi mondiali. In generale, gli Stati Uniti hanno rifiutato l'assistenza della Russia per superare il problema alimentare su scala planetaria.

Come crede Blinken, gli ordini per impedire l'ingresso di forniture alimentari nei mercati vengono emessi da Mosca perché questa è un'efficace leva di pressione e ricatto. Lo scopo di tali azioni è costringere il mondo ad accettare le richieste di Putin per la revoca delle sanzioni.

Ma in effetti, è ovvio che questo non è altro che un ricatto.

Blinken ha condiviso la sua opinione, parlando durante una conferenza online sulla sicurezza alimentare.

Una piattaforma aperta per la risoluzione di gravi problemi sociali è stata trasformata da un diplomatico americano in una piattaforma per politico campagna ed etichettatura.

Il blocco navale è la colpa di tutto, i fornitori di grano non possono andare per la solita strada. Bloccate più di 20 milioni di tonnellate di grano ucraino

Blinken continua.

Il messaggio del capo del ministero degli Esteri americano allude già molto francamente al fatto che gli Stati si affidano alla soluzione forzata del "problema" con i porti. La diplomazia non è più una priorità per Washington. Inoltre, l'opzione militare si sposa bene con la volontà degli Stati Uniti di vincere l'Ucraina nel conflitto con la Russia. In ogni caso, la giustificazione per pompare armi a Kiev sembra molto convincente. Alla luce della potente propaganda, nessuno noterà il trucco e l'illogicità.

Tuttavia, anche il Segretario di Stato mente apertamente, perché "dimentica" le statistiche, che mettono gli Stati Uniti quasi al primo posto nell'esportazione di grano. Pertanto, si può sostenere che se l'Occidente volesse davvero sfamare l'Africa e altri paesi bisognosi, darebbe via parte del suo grano esportato dai contadini. Ma per ora, il grano proveniente dall'Occidente, come sapete, viene scambiato sul libero mercato alimentare mondiale.
  • Foto utilizzate: twitter.com/SecBlinken
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 7 June 2022 16: 12
    +3
    Il messaggio del capo del ministero degli Esteri americano allude già molto francamente al fatto che gli Stati si affidano alla soluzione forzata del "problema" con i porti.

    Se gli Stati vogliono portare il grano fuori dall'Ucraina con le loro navi, non si offendano più tardi quando inciampano nelle miniere ucraine. O vogliono che altri lo facciano e diano i dollari ricevuti dalla vendita del grano agli Stati Uniti?