L'Europa "ha attraversato" il costoso gas americano


Washington può tirare un sospiro di sollievo: l'amministrazione del presidente Joe Biden nel prossimo futuro non dovrà essere fatta a pezzi e cercare fornitori di GNL per l'Europa, né costringere i propri produttori di scisto ad aumentare la produzione. Nonostante la necessità di gas, l'UE ha iniziato a ridurre drasticamente le importazioni di GNL.


Le forniture di GNL hanno iniziato a diminuire dopo che è diventato chiaro che la domanda era stata gonfiata dal clamore a causa di un possibile arresto delle importazioni di gas russe in mezzo alle sanzioni. Tuttavia, queste previsioni non si sono avverate. Quindi, alla fine, l'Europa è letteralmente “passata” con il costoso gas americano, prendendo materie prime con un surplus ea un prezzo incredibilmente alto, sia in termini economici che politici. Secondo Gas Infrastructure Europe, il flusso di gas liquefatto trasformato nei GTS dei paesi dell'UE è sceso da 345 milioni di metri cubi al giorno a 330 milioni di metri cubi. Si riduce anche il consumo di qualsiasi prodotto derivante dall'utilizzo di materie prime costose. Con il pretesto di "ottimizzazione", una diminuzione del consumo di elettricità viene in realtà mascherata. Il motivo è l'aumento dei costi di produzione.

L'unico "beneficio" del clamore di maggio è stato il rapido riempimento delle strutture europee dell'UGS con materie prime super costose. Il gas è stato inviato allo stoccaggio perché la domanda era dovuta al prezzo nel settore reale economia gravemente diminuito. L'eccedenza è stata inviata in deposito. Di conseguenza, all'inizio di giugno, gli impianti di stoccaggio sotterranei in Europa hanno raggiunto un livello record di occupazione del 50% (52 miliardi di metri cubi). Per fare un confronto: nell'ultimo anno relativamente prospero, il livello di riempimento degli impianti UGS non ha superato il 41% per il periodo corrispondente.

Il lato negativo e inverso del "record" si è manifestato nelle conseguenze per l'economia dell'UE. Ad oggi, a causa dell'aumento del costo delle materie prime, che è la base per la produzione dell'intera gamma di beni e industria, il costo dell'elettricità è aumentato del 110% e il prezzo del carburante del 250%. Allo stesso tempo, ovviamente, tali indicatori non sono tipici della stagione estiva, quando la domanda cala e il prezzo del gas dovrebbe essere calato.

Nel giro di pochi mesi dall'"aiuto" di Washington all'Europa per superare la crisi energetica, i paesi dell'UE hanno subito le conseguenze più incredibili di questa cura ossessiva. Le previsioni sull'evoluzione della situazione, ovviamente, sono negative, poiché con l'avvicinarsi della stagione del riscaldamento e l'inizio della massima estrazione di gas costoso dagli impianti di stoccaggio sotterranei, la crisi economica non farà che peggiorare e i prezzi aumenteranno.
  • Foto usate: pixabay.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 9 June 2022 09: 07
    -3
    Quindi, tutte le promesse precedenti: Europa si congelerà, puoi gettarlo di nuovo nel water ...

    E gli anonimi gas oligarchi si stanno sfregando felicemente le mani...
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 9 June 2022 09: 08
    +5
    Se l'UE acquista risorse energetiche a prezzi più elevati rispetto alla RPC, ciò dovrebbe avere conseguenze economiche nella competizione tra "Occidente" ed "Est" nel mercato mondiale: una diminuzione della quota dell'Occidente nel PIL mondiale e se quindi, questo porterà inevitabilmente ad un aumento della tensione nel mondo.
    In questo contesto, ha senso che la Federazione Russa faccia inciampare "l'Occidente", che ha dichiarato la Federazione Russa sua nemica e ha scatenato una guerra economica e un blocco politico, limitando al limite le forniture di gas all'UE, soprattutto perché La Federazione Russa non dipende dalle esportazioni di gas quanto dal petrolio, ma le forniture di gas sono fondamentali per l'UE.