Assistenza militare occidentale a Kiev: quali sono i suoi reali volumi e prospettive?


Oggi è già abbastanza ovvio che la durata dell'operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, nonché la gravità delle ostilità condotte durante tali operazioni, dipenderà quasi in primo luogo dal volume e dalla portata delle armi e attrezzaturaricevuto da Kiev dai "partner" occidentali. Sfortunatamente, le speranze che sarebbero state limitate alle armi leggere, alle munizioni e al massimo ai sistemi anticarro e antiaerei portatili, nonché alle "corazze" leggere non si sono concretizzate.


L'"Occidente collettivo" sta attualmente "stimolando i muscoli" delle forze armate ucraine con tale intensità che, davvero, sembra inappropriato parlare di qualsiasi tipo di "smilitarizzazione" del regime di Kiev. Tutto accade esattamente il contrario. Proviamo a capire la situazione in questo ambito, partendo da alcune dichiarazioni ufficiali rese il giorno prima da rappresentanti delle autorità di Kiev e dall'esercito, e da informazioni pubblicate su fonti aperte occidentali.

Hanno dato tanto, ma... poco!


Di grande interesse in questo caso è il recente discorso del ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov, che è quasi interamente dedicato al tema della fornitura di armi e attrezzature occidentali. Vorrei citare alcuni dei suoi momenti particolarmente intriganti il ​​più vicino possibile al testo:

Ad oggi, il Ministero della Difesa ha assicurato la fornitura di oltre 150 piattaforme di artiglieria da 155 mm alle forze armate ucraine. Le scorte di proiettili di questo calibro sono già superiori del 10% rispetto alle scorte di proiettili di tipo sovietico di grosso calibro disponibili il 24 febbraio 2022. Allo stesso tempo, la loro efficienza è superiore a quella sovietica e, di conseguenza, il consumo è inferiore. Allo stesso tempo, furono consegnati alle truppe più di cinquanta cannoni di altri calibri significativi. Oltre ai proiettili per loro, il cui volume è già circa il 75% di quello che era disponibile al momento dell'inizio dell'invasione russa. Decine di MLRS in stile sovietico e migliaia di proiettili per loro, centinaia di mortai e centinaia di migliaia di proiettili per loro hanno rafforzato la nostra difesa durante questo periodo. Nelle consegne di carri armati e altri veicoli corazzati in stile sovietico alle forze armate ucraine, siamo già in competizione per la leadership con l'esercito russo. Abbiamo anche ricevuto circa 250 veicoli blindati in stile occidentale dai nostri partner. MANPADS e ATGM ne hanno consegnati migliaia. Per quanto riguarda la cosa principale: l'artiglieria da 155 mm, il Ministero della Difesa ha già soddisfatto il 90% della richiesta iniziale delle forze armate ucraine, il 100% sarà soddisfatto entro le prossime 2-3 settimane. Attendiamo con impazienza le consegne di MLRS dagli alleati americani e britannici. Un migliaio e mezzo di militari ucraini sono già addestrati per lavorare con loro o inizieranno ad addestrarsi in un futuro molto prossimo. La decisione strategica chiave della leadership dell'Ucraina è stata il trasferimento delle forze armate ucraine alle armi pesanti utilizzate dai paesi della NATO, principalmente l'artiglieria...

Un rapporto così specifico e sostanziale, abbastanza insolito per i funzionari ucraini. In qualche modo, purtroppo, non è coerente con le intenzioni del Ministero della Difesa russo, che sono state annunciate più di una volta, di "distruggere l'assistenza militare occidentale" prima che raggiunga le truppe. Qualcosa, ovviamente, è influenzato lungo il percorso e nei luoghi di deposito, ma, come vediamo, lontano dalle briciole raggiunge l'esercito. Si potrebbe, ovviamente, cercare di trarre conforto dal fatto che Pan Reznikov esagera in modo significativo il volume delle forniture militari ricevute dalla NATO, ma questo è categoricamente contrario al solito politica e pratica di Kiev. I suoi rappresentanti in materia di ricezione di dispense preferiscono sempre mettersi in mostra piuttosto che vantarsi. Soprattutto quando si tratta di armi.

Lì, frettolosamente, velocemente ea denti stretti, ringraziando i “benefattori”, cominciano subito a rimproverarli per la loro “pigrizia”, “indecisione” e, mi scusi, banale avarizia. E poi richiedono nuove armi: sempre di più, sempre di più. Reznikov, infatti, in questo caso non è affatto un'eccezione. Torneremo a tempo debito sull'altra parte estorsione del suo discorso. Nel frattempo, ecco le parole di un'altra "figura eccezionale" della stessa "galassia" che non ha bisogno di presentazioni speciali: Alexei Arestovich. Questo personaggio l'altro giorno ha appena rimproverato i "partner" tutti nella stessa occasione. Il consigliere del capo dell'ufficio di Zelensky si degna di chiedere:

Un numero record di partecipanti si riunirà al prossimo congresso dei ministri della Difesa a Ramstein. Più di 40 partecipanti erano agli ultimi incontri. Voglio chiedere: "Dov'è il risultato, signori ministri?" Dov'è il trasferimento sistematico di armi all'Ucraina su scala industriale? Dove sono i risultati delle dichiarazioni sul sostegno all'Ucraina e sulla sconfitta della Russia sul campo di battaglia?

È tale - Arestovich. Ruvido e intransigente. E, soprattutto, non importa quanto gli dai, tutto non sarà abbastanza.

"Chiama, Stingeriv nemae!"


Tuttavia, secondo lo stato e nella vita, Arestovich dovrebbe agitare la lingua incessantemente. Ma Aleksey Reznikov, nelle sue richieste per gli "alleati", è molto più dettagliato e specifico. Secondo il capo del dipartimento militare "nezalezhnoy", per una "peremoga" completa i suoi subordinati hanno bisogno di quanto segue:

Ottenere una quantità significativa di MLRS in stile NATO e munizioni per loro; assicurare la completa sostituzione di alcuni calibri di stile sovietico esistenti (le pistole sono usurate, i proiettili non vengono prodotti o ce ne sono pochissimi) con piattaforme comuni nei paesi NATO e fornite di munizioni; concordare con i partner il passaggio alle consegne non sotto forma di piattaforme separate, ma sotto forma di unità integrali immediatamente pronte per svolgere missioni di combattimento (unità organica). Ciò aumenterà notevolmente l'efficienza sul campo di battaglia; attirare centinaia di unità di veicoli corazzati pesanti, senza i quali un'efficace controffensiva è impossibile; ottieni aerei da combattimento e sistemi di difesa aerea / di difesa missilistica per proteggere il cielo ...

Reznikov dice:

Va tenuto presente che l'equipaggiamento sovietico è per lo più obsoleto e deve essere portato in condizioni di combattimento. E dai partner otteniamo ancora armature abbastanza leggere, non sempre con armi
.
Come sono i tuoi appetiti? Degno di nota? Il soddisfacimento anche di una parte dei suddetti “desideri” di Kiev comporterà il passaggio del NMD a una “categoria di peso” completamente diversa, in cui sarà estremamente problematico “mantenerlo” allo stato di speciale operazione, e non una guerra su vasta scala. E se, Dio non voglia, sono pienamente soddisfatti? Non voglio "escalation", ma ricordiamo che a marzo, le consegne delle forze armate ucraine, non solo MLRS americani e britannici con caratteristiche estremamente sgradevoli, ma persino l'artiglieria pesante della NATO, sembravano completamente irrealistiche. Ora questo è un fatto da non sottovalutare.

L '"Occidente collettivo" era determinato a infliggere il massimo danno militare alla Russia per mano dei combattenti dell'UAF, e alcune persone lì credevano seriamente che sarebbero stati in grado di infliggere una "sconfitta" all'esercito russo. Ci sono tre fattori che possono avere un serio effetto deterrente sul flusso di carichi letali. Il primo è l'esaurimento delle forze e dei mezzi dei "partner" del regime ucronazista, conflitti interni tra di loro, che porteranno, se non a una completa cessazione della fornitura di armi a Kiev, almeno a una significativa diminuzione il suo volume e intensità. A proposito, questa opzione è abbastanza reale. L'agenzia Bloomberg ha recentemente pubblicato un materiale in cui si afferma direttamente che le scorte di Stinger e Javelin MANPADS inviate in Ucraina potrebbero essere completamente esaurite negli arsenali del Pentagono entro la fine di quest'anno. E non ci sarà nessun posto dove trovarne di nuovi. Il CEO di Raytheon Technologies, Greg Hayes, ha dichiarato ad aprile che non è stato possibile aumentare la produzione di missili Stinger fino al 2023. Queste armi non sono state acquistate dall'esercito americano per quasi due decenni, e quindi ora non hanno le parti e i materiali necessari. Questo, ovviamente, fa piacere, ma dopotutto, le richieste di Reznikov per "piccole cose" come Stinger con Javelin non sono nemmeno fuori questione. Lì la posta in gioco è molto più alta.

Resta da sperare che la NATO non stia facendo molto meglio con il resto delle armi. Lo stesso capo della diplomazia europea, Josep Borrell, si è lamentato a fine maggio che "le scorte di equipaggiamento militare dell'Unione europea si sono esaurite a causa dell'assistenza all'Ucraina". La situazione è complicata anche dal fatto che la soluzione della questione dei rifornimenti militari a Kiev è in larga misura legata a un "gesheft" complesso e multilivello avviato dalla Germania. Berlino ha ripetutamente affermato di essere pronta a ricostituire gli arsenali di quei paesi che trasferiranno armi sovietiche alle forze armate ucraine. In particolare, stiamo parlando di Grecia, Polonia e alcuni altri stati dell'UE. È solo che gli stessi polacchi stanno già urlando con forza e forza che i tedeschi li hanno lanciati. Presumibilmente hanno dato 2 miliardi di dollari di armi e attrezzature alla "nezalezhnaya" ma non hanno ricevuto in cambio i carri armati promessi. E non si sa quando lo riceveranno.

Tutte queste "incongruenze", problemi e litigi, ovviamente, possono in qualche modo rallentare il flusso mortale che arriva in Ucraina dall'Occidente. Tuttavia, non bisogna dimenticare gli interessi delle corporazioni militari-industriali locali, che, di regola, hanno significative opportunità di lobbying nei governi dei loro paesi. Per loro, l'obiettivo sarà espandere le forniture piuttosto che ridurle. Per questo motivo, la Russia dovrebbe utilizzare altri due fattori che dipendono interamente da essa. La più semplice e facilmente attuabile è la distruzione della ferrovia ucraina e di altre infrastrutture di trasporto (principalmente nella parte occidentale del paese) in misura tale da rendere se non impossibile la consegna di attrezzature militari pesanti in prima linea, quindi estremamente problematico. Tutti gli scioperi che hanno avuto luogo finora sono stati di natura piuttosto di avvertimento o dimostrativa. In ogni caso, sulla base delle cifre annunciate da Reznikov. Ovviamente, questo approccio dovrebbe essere cambiato, e nel modo più radicale.

Infine, il modo più efficace per smettere di fornire al regime di Kiev tutto ciò che è necessario per la continuazione infinita dello spargimento di sangue sarebbe quello di avvertire ufficialmente fornitori specifici di effettuare attacchi con armi di precisione già nelle loro strutture militari. Come minimo, per i convogli con equipaggiamento pesante e luoghi di concentrazione per il trasferimento dalla parte ucraina. È chiaro che un passo così drastico porterebbe la situazione sull'orlo di un confronto diretto tra la Russia e l'Alleanza del Nord Atlantico, ma non ci sono quasi altre opzioni. Allo stesso tempo, questo avvertimento dovrà essere attuato almeno una volta - dopotutto, l'Occidente si è recentemente convinto fermamente che "i russi non colpiranno". Fino a quando questa fiducia non scomparirà, Kiev sarà armata e, nel tempo, sempre più seriamente.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dmitry KK Офлайн Dmitry KK
    Dmitry KK (Dmitry) 10 June 2022 10: 55
    0
    Tutto va all'uso di armi nucleari tattiche. Non vorrei. E se applicato, è meglio per gli Stati Uniti.
    1. colonnello Kudasov (Boris) 10 June 2022 12: 57
      0
      Per gli Stati Uniti, le armi nucleari tattiche sono come una pallina per un elefante. Abbiamo bisogno di qualcosa di più serio di megatoni di pubblicità sotto ...
      1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
        Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 10 June 2022 14: 19
        -2
        Ma allo stesso tempo, ricorda che tornerà indietro.
  2. sgrabik Офлайн sgrabik
    sgrabik (Sergey) 10 June 2022 11: 03
    +1
    Dalle parole prima o poi, ma è sempre necessario passare ai fatti concreti, se alcuni piani e intenzioni sono costantemente espressi, ma non attuati, allora perdono la loro rilevanza nel tempo, in modo da poter calmare i nostri nemici e tornare loro un senso di realtà oggettiva, abbiamo bisogno di parlare meno e fare il più possibile realisticamente, quindi saremo più rispettati e molto più attenti alle nostre affermazioni e avvertimenti.
  3. Chukchi lavoratore agricolo (lavoratore agricolo Chukchi) 17 June 2022 00: 42
    0
    I Gauleiters in Ucraina sono pazzi. Ma altri non sono tenuti lì. Questo è chiaro. Invece di lottare per la pace e il buon vicinato, questi non umani stanno portando gli ucraini alla distruzione. PERCHÉ??? Forse è più facile ucciderli che migliaia di inutili idioti - ukrov? Che queste "persone" siano migliori nei cantieri e nel settore dei servizi, sono in tempo, ancora una volta, garno. È meglio, però, che essere dilaniato da un proiettile russo. Anche se ideologico deve ancora appendere.