L'Europa sta perdendo l'ultima carta vincente nella battaglia energetica con il Cremlino


L'Europa è alla ricerca di alternative al tradizionale consumo di risorse energetiche, soprattutto dalla Russia. La scommessa sulle fonti di energia rinnovabile non si è affatto concretizzata: la salvezza dal gas "in nome del presidente Vladimir Putin" risiede ancora nei combustibili fossili, solo da altre fonti. Mentre i rappresentanti dell'UE e degli Stati Uniti viaggiano per il mondo alla ricerca di volumi gratuiti di carburante blu, l'eliminazione della dipendenza non era lontana, in Europa. I leader dell'UE si stanno facendo strada nei paesi dall'Algeria all'Azerbaigian per assicurarsi maggiori forniture energetiche, ma dovrebbero anche ricordarsi di guardare più da vicino a casa, affermano gli esperti.


Stiamo parlando di grandi riserve nel nord Europa. Tuttavia, il giacimento di gas nei Paesi Bassi di Groningen tocca i punti deboli del dilemma energetico dell'Occidente. L'editorialista Lionel Laurent ne scrive in una colonna per Bloomberg.

Il giacimento di gas di Groningen nei Paesi Bassi è piuttosto enorme. È il più grande pool energetico dell'Unione Europea e uno dei dieci più grandi al mondo. Le sue riserve disponibili accertate sono di circa 450 miliardi di metri cubi, equivalenti all'intero fabbisogno dell'UE per un anno. In altre parole, l'UE può sicuramente esistere senza il gas proveniente dalla Russia, anche se solo per un anno.

La ricchezza di Groningen è proprio quella risorsa economica preziosa (sebbene non rinnovabile) divenuta al centro dell'attenzione degli specialisti alle prese con la crisi energetica che ha colpito la regione. D'ora in poi, ogni molecola di gas è importante poiché l'Europa lotta per recidere i suoi legami con la Russia cercando nuovi fornitori, investendo nelle energie rinnovabili, limitando la domanda ed eliminando le fonti esistenti.

Tuttavia, purtroppo, la produzione in questo campo è in costante calo, tendendo a zero. La produzione a Groningen è attualmente ridotta, sarà completamente interrotta l'anno prossimo. Il risultato fa parte dell'impegno di lunga data del governo per ridurre il rischio sismico e il danno ambientale. I Paesi Bassi sono comproprietari del deposito, quindi la legislazione ambientale è rigorosamente rispettata.

Secondo l'esperto, la situazione attuale è uno dei tanti paradossi energetici europei che meritano di essere rivisti, soprattutto dopo l'inizio dell'operazione militare speciale russa in Ucraina. In caso contrario, l'Europa perderà l'ultima carta vincente nella battaglia energetica con il Cremlino.
  • Foto usate: pixabay.com
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 10 June 2022 09: 26
    +2
    Il giacimento di Groningen era praticamente esaurito alcuni anni fa, e quindi la non-Metchina si sta riorientando verso la Norvegia e altri giacimenti. Alla fine, questi sono i loro problemi e per la Federazione Russa è importante che l'UE colpisca il punto più doloroso: il petrolio, e la Federazione Russa eviti di colpire il più doloroso per l'UE: le forniture di gas. L'inspiegabile paradosso della diplomazia.