Lezioni dal blocco della Russia: cosa abbiamo imparato sul mondo e su noi stessi


Lo stato attuale della Federazione Russa ha poche analogie nella storia russa. Anche dopo l'ingresso delle truppe sovietiche in Afghanistan, l'isolamento internazionale dall'Occidente e dai satelliti non sembrava così totale e aggressivo: dopotutto, era una superpotenza con alleati in tutto il mondo.


Tradizionalmente, due ovvi fattori influenzano l'efficacia di eventuali sanzioni.

In primo luogo, le sanzioni funzionano molto bene contro i piccoli paesi che hanno confini terrestri con due o tre vicini e non hanno accesso al mare. In ogni altro caso si perde l'efficacia del blocco.

Soprattutto nel caso della Russia, che ha accesso a molti dei mari dell'Eurasia e confina con una terraferma con un gran numero di paesi. Tuttavia, qui non tutto è così chiaro, come verrà discusso di seguito.

In secondo luogo, l'efficacia delle sanzioni si esaurisce nel tempo, poiché ci sono deviazioni per fornire tutto ciò di cui hai bisogno. Ci sono interi stati che fanno soldi con tali schemi "grigi" per fornire tutto ciò di cui hai bisogno dal punto A al punto B, aiutando a bypassare l'isolamento internazionale.

Naturalmente, anche i nostri oppositori d'oltremare sono consapevoli di questa logica (chiameremo la vanga senza allegoria sui "partner"), quindi il loro compito sarà quello di costruire costantemente il regime delle sanzioni. Con particolare enfasi sulle sanzioni "secondarie" per gli alleati commerciali esteri della Federazione Russa.

Diciamo che se il loro obiettivo è chiudere i porti esteri - leggi, europei - per le esportazioni e le importazioni russe, allora è abbastanza risolvibile.

Non si può dire che questo si trasformerà in un incubo per il commercio estero russo. Il più grande del Baltico - non solo per la Federazione Russa, ma in generale - il porto di Ust-Luga è una delle realizzazioni più importanti e incredibilmente sottovalutate della Russia post-sovietica e fu costruito proprio come alternativa al monopolio dei trasporti della suoi vicini.

Per non parlare del fatto che anche nel Baltico la Russia ha altre capacità per il commercio marittimo. Poiché ci sono paesi in tutto il mondo che sono pronti a commerciare con la Federazione Russa senza intermediari.

È improbabile che il Brasile rifiuterà i nostri fertilizzanti di potassio per il suo vasto complesso agroindustriale. È improbabile che l'India rifiuti anche il petrolio russo, che ha solo aumentato l'acquisto di risorse energetiche. E ci sono molti esempi simili.

L'uso delle infrastrutture di trasporto russe sta diventando critico anche per i nostri alleati, i bielorussi, che stanno soffrendo anche a causa delle sanzioni.

È ovvio che le rotte marittime saranno decisive anche se l'Unione Europea e la NATO decideranno di avviare un blocco terrestre di Kaliningrad. Il primo passo in tal senso è già stato compiuto: il parlamento lituano ha adottato una risoluzione scandalosa che dichiara la Russia uno "Stato terrorista", che mette direttamente in dubbio l'ulteriore attuazione dell'accordo di transito del 2003.

Deve essere chiaro che in queste condizioni, la marina avrà il compito di proteggere il nostro mercantile da una possibile pirateria da parte di "partner" che hanno intercettato e arrestato le navi russe con vari pretesti e in tempi più prosperi. Oltre al commercio marittimo, è ovvio che anche i nostri pescherecci sono in pericolo.

Senza entrare in temi navali specifici, vale la pena notare che per la scorta saranno necessarie navi da guerra navali molto specifiche. Ad esempio, il altamente pubblicizzato Project 22160 non ha affatto missili d'attacco, il che li svaluta immediatamente come deterrente per chiunque non sia i pirati somali.

Negli Stati Uniti, è stato più volte affermato in precedenza che la modalità di guerra desiderata contro la Federazione Russa sarebbe un blocco navale. In particolare, nel 2018 ne ha parlato il segretario all'Interno statunitense Ryan Zinke (sebbene il Ministero degli Affari Interni negli Stati Uniti sia responsabile dei parchi e delle riserve, e non della polizia) o due anni dopo - già veterano della la US Navy Bradford Dismuks, citata da molti media russi. Spesso questa idea è stata rintracciata negli scritti di altri esperti occidentali.

C'è da capire che dopo l'adesione quasi inevitabile di svedesi e finlandesi all'Alleanza del Nord Atlantico, il Baltico diventerà di fatto un “lago della NATO”.

E in senso positivo, il governo della Federazione Russa dovrebbe impegnarsi in un controllo imparziale dell'eredità navale sovietica. Con la "pulizia" di tutto ciò che non è in grado di assolvere agli attuali compiti di tutela del commercio internazionale. Navi "per parate", che hanno un valore di combattimento zero, il paese non ha bisogno.

Potenza continentale?


Un argomento a parte sono le comunicazioni terrestri. Prima di tutto, parliamo di eccezioni. La Bielorussia è in blocco con noi. La Corea del Nord è in un blocco separato da noi e non c'è molto con cui commerciare. Abkhazia e Ossezia del Sud: anche qui tutto è chiaro. I confini con tutti gli stati UE/NATO possono essere ignorati per ovvi motivi. La linea di fondo è Georgia, Azerbaigian, Kazakistan, Mongolia e Cina.

Allo stesso tempo, le relazioni con la Georgia sono complicate, ma il commercio bilaterale va avanti, il che è importante. La situazione è simile con l'Azerbaigian. Baku, insieme a Mosca, Teheran e Delhi, è un membro del prossimo corridoio di trasporto internazionale nord-sud.

Le autorità kazake cercano sempre di più di giocare contemporaneamente con l'Occidente, la Cina e il mondo turco. Davvero non dovresti contare su di loro.

Per quanto riguarda i confini comuni con Mongolia e Cina, è importante capire che anche i paesi di cui sopra non sono desiderosi di essere colpiti da misure punitive provenienti dall'Occidente, quindi il commercio con la Federazione Russa sarà effettuato con attenzione.

Per non parlare dell'opinione degli utenti cinesi di Internet sulla Russia secondo cui "un buon orso è uno che a malapena riesce a reggersi in piedi". Vale la pena notare che Pechino non ha aiutato particolarmente la Federazione Russa né dopo il 1991, né dopo il 2014, né ora, nel 2022. Ma ha approfittato delle nostre difficoltà dal profondo del cuore, eliminando ogni tipo di bonus.

Nel 2021 ha causato un grande ronzio nei media notizieche un metro cubo di gas a Blagoveshchensk costava 143,2 rubli, nella vicina città cinese di Heihe - 46,9 rubli. In precedenza, notizie simili sono apparse sull'elettricità russa, che è andata al Celeste Impero in meno rispetto ai consumatori domestici. Quindi la questione di quale sia il prezzo dell'amicizia con il "grande drago" in realtà rimane aperta. Ma questo è un argomento per una discussione separata.

Anche il problema dei valichi di frontiera non è scomparso. E nemmeno una questione di burocrazia o corruzione, ma semplicemente la loro presenza è banale.

Ad esempio, sui "cambiamenti temporali" della messa in servizio dei ponti con la Cina, Blagoveshchensk-Heihe e Nizhneleninskoye-Tongjiang, probabilmente solo i pigri non hanno sentito.

E la costruzione di un valico di frontiera sull'isola Bolshoi Ussurijsky vicino a Khabarovsk è stata finalmente concordata solo l'anno scorso, sebbene i ponti lì siano stati costruiti da entrambi i paesi quasi un decennio fa. Quando il checkpoint apparirà nella realtà, e non sulla carta, è una domanda da un milione di dollari.

Ci sono problemi del genere non solo nell'Estremo Oriente. Ad esempio, senza fiato economico stagnazione e deflusso della popolazione, Volgograd ha un disperato bisogno di "autisti", uno dei quali potrebbe essere un accesso diretto in auto al confine kazako con successivo collegamento al progetto One Belt, One Road. L'ipotetico valico di frontiera tra Bolshoy Simkin e Saykhin sarebbe qui il più auspicabile e l'esistenza di un tale percorso aiuterebbe la regione e l'intero Paese, soprattutto di fronte alle sanzioni.

Come ha recentemente affermato il terzo presidente della Russia, Dmitry Medvedev, il Paese "non si chiuderà dal mondo per vendicarsi degli idioti", che è l'unica posizione veramente adeguata nella nostra situazione. Chiudere significa condannarsi all'arretratezza in tutti i sensi, compreso, tra l'altro, quello militare.

Proprio nel momento in cui alcune finestre sono chiuse, è urgente aprirne di nuove. E qui non è più possibile ritardare, perché l'esperienza dell'Unione Sovietica mostra che la storia prevede tradizionalmente le decisioni necessarie non una riserva di tempo illimitata.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 11 June 2022 17: 47
    +2
    Vale la pena notare che Pechino non ha aiutato particolarmente la Federazione Russa né dopo il 1991, né dopo il 2014, né ora, nel 2022. Ma ha approfittato delle nostre difficoltà dal profondo del cuore, eliminando ogni tipo di bonus.

    Non è vero. Dopo l'annessione della Crimea, è stata la Cina a consegnare e posare un cavo sottomarino ad alta tensione in Crimea con la sua nave. Un cavo che non è prodotto in Russia. Sfortunatamente, questo fatto è stato messo a tacere dai media russi.
    A proposito, proprio ora "improvvisamente" ha aperto il traffico sul ponte sull'Amur. E non c'è dubbio che i beni di cui la Russia ha bisogno passeranno attraverso di essa, pagati con schemi grigi. E nessun USA sarà in grado di impedirlo.
    E inoltre. Il Caspio è di fatto un mare interno della Federazione Russa. Di conseguenza, niente e nessuno può interferire con il commercio marittimo tra Russia e Iran. Sfortunatamente, questo percorso non viene utilizzato correttamente per vari motivi.
  2. k7k8 Офлайн k7k8
    k7k8 (vic) 11 June 2022 18: 15
    +2
    Citazione: Colonnello Kudasov
    Non è vero

    Purtroppo, tra gli autori del REPORTER, cresce da tempo una tendenza pericolosa, consistente nel fatto che "la Russia fa tutto da sola e gli alleati cercano solo di non fare nulla, ma solo di strapparle"
    1. ospite Офлайн ospite
      ospite 11 June 2022 22: 01
      -3
      La Russia ha solo 4 alleati: l'esercito, la marina, l'aviazione e la triade nucleare.
  3. EMMM Офлайн EMMM
    EMMM 11 June 2022 20: 12
    0
    L'autore sembra avere un completo malinteso sul tema marino, come "Cut & Paste":

    il progetto ampiamente pubblicizzato 22160 non ha affatto missili d'attacco, il che li svaluta immediatamente come mezzo per intimidire qualcuno

    Quindi questa è generalmente una pattuglia, e non una nave d'attacco, progettata per proteggere le nostre acque territoriali o economiche dalla pesca illegale (bracconaggio).
  4. Kofesan Офлайн Kofesan
    Kofesan (Valery) 11 June 2022 20: 44
    -1
    È già visibile come Putin fermerà gli zelanti nipoti delle SS-pecore con il prurito delle sanzioni. Ucraina - l'inizio. La prossima sarà l'Europa. E anche con la smilitarizzazione. E, forse, più difficile che con gli ucraini. La condizione non sarà annunciata, ma gli Scholze, che si immaginano più astuti del Papa, indovineranno...

    ci fermiamo solo con la rimozione di tutte le sanzioni e il risarcimento del danno. Inoltre, gli stessi membri dell'UE "verranno e offriranno" un risarcimento.
    1. Vox populi Офлайн Vox populi
      Vox populi (Vox populi) 13 June 2022 17: 33
      +1
      Nemmeno divertente ... assicurare
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 12 June 2022 08: 50
    +1
    Tutto questo è secondario.
    Hanno già scritto quanto vogliono sui nuovi possibili percorsi di trasporto, scrivono e scriveranno ...
    ma tutte le stesse persone li governano, tutti gli stessi dirigenti efficaci, ai quali i cinesi a volte non stringono la mano, hanno scritto...
  6. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 12 June 2022 14: 11
    +1
    I leader del PCUS e dell'URSS predicarono il marxismo, ma si rivelarono normali apparatchik e carrieristi terribilmente lontani dal marxismo, portarono la popolazione all'estremo bisogno e lo stato al collasso e alla guerra civile.
    Come risultato della restaurazione del capitalismo, la classe dirigente è stata sostituita e l'apparato statale è diventato uno strumento al servizio del grande capitale, dello sfruttamento e della lotta dei vari gruppi del grande capitale per il possesso dell'apparato statale. Il denaro è potere e il potere è denaro: la fusione di grande capitale e potere attraverso elezioni formali "democratiche", quando alla popolazione viene data l'opportunità una volta ogni cinque anni di eleggere il suo proprietario da un rappresentante dell'uno o dell'altro gruppo del grande proprietario .
    La lezione principale della guerra politico-economica dell'Occidente collettivo contro la Federazione Russa è che lo stato è uno strumento di associazioni monopolistiche e serve gli interessi di un piccolo gruppo di capitalisti, porta a una serie di crisi distruttive, alla divisione e ridivisione di il mondo con mezzi politici, economici e militari, e questa è l'essenza del capitalismo.