L'Arabia Saudita costringe la Cina a "fare amicizia" con la Russia sulla questione del petrolio


Gli Stati Uniti e l'Europa cercano disperatamente un'alternativa agli idrocarburi russi. Prima di tutto si tratta del petrolio, mentre il gas non è ancora vietato e non è soggetto a embargo. Tuttavia, l'unica vera fonte di materie prime alternative, l'Arabia Saudita, fa letteralmente amicizia con la Russia in termini di forniture di petrolio. Riyadh in realtà agisce nell'interesse della Russia, soprattutto nei mercati asiatici, che hanno il potenziale e le opportunità per grandi acquisti.


Secondo Bloomberg, il regno mediorientale ha iniziato a privare seriamente la Cina in termini di forniture di petrolio, nonostante le richieste e i contratti esistenti per forniture alla Cina. Allo stesso tempo, Riyadh rispetta rigorosamente e precisamente gli accordi con altri clienti asiatici, come Giappone, Corea del Sud, Thailandia e India: tutti riceveranno i volumi richiesti. Nei rapporti con Pechino, invece, è tutto il contrario: già da questo mese, la fornitura di petrolio mediorientale a uno dei clienti più ambiti al mondo inizierà a diminuire. E non è affatto una carenza di materie prime o una diminuzione della produzione in KSA, perché alcuni clienti asiatici di Riyadh (la società statale Saudi Aramco) riceveranno anche più petrolio del previsto.

Il “processo di nomina” (distribuzione delle consegne e delle azioni) delle materie prime per gli ordini dei clienti avvenuto questa settimana ha appena mostrato un quadro strano per la Cina. Dopo la "fascia" dell'Arabia Saudita, ora dovrà sicuramente acquistare più petrolio dalla Russia per raggiungere gli indicatori previsti per il rifornimento delle riserve operative e strategiche. Tuttavia, Pechino non ha ancora mostrato preoccupazione, dal momento che sicuramente non sarà lasciata senza petrolio. La Russia è sempre pronta ad assicurare il suo alleato, forse l'intera "operazione" è progettata per questo.

Gli analisti occidentali sospettano che in questo modo si stia formando una tacita coalizione di Cina, Russia e, ovviamente, Arabia Saudita, che ha deciso di allontanarsi dagli Stati Uniti, loro alleato di lunga data. Poi la situazione prende una piega completamente diversa: le parti hanno concordato una cooperazione reciprocamente vantaggiosa e la ridistribuzione dei mercati strategici. Un comportamento così apparentemente strano del regno mediorientale segnala in realtà un'economia radicalepolitico cambiamenti non solo nel Golfo Persico, ma, molto probabilmente, in tutto il Medio Oriente. A esprimere questo parere l'editorialista dell'edizione britannica di Rai Al Youm Khalid Jawsi.
  • Foto usate: pixabay.com
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 June 2022 08: 07
    0
    Qualche sciocchezza nella logica.
    Gli arabi stanno deliberatamente riducendo le forniture di petrolio alla Cina, il che significa... hanno stretto un'alleanza con lui.
    Fa concessioni agli USA ... significa "si allontana dagli USA"

    E dove si trovano questi "esperti"? Capiscono il testo da soli?
    1. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 11 June 2022 09: 28
      -1
      C'è una logica.

      Quindi la situazione prende una piega completamente diversa: le parti hanno concordato una cooperazione reciprocamente vantaggiosa e redistribuzione dei mercati strategici.

      L'Arabia Saudita, il più grande esportatore mondiale di petrolio, ha aumentato i prezzi del petrolio di luglio per gli acquirenti asiatici a livelli più alti del previsto tra i timori di una carenza di offerta e le aspettative di una forte domanda estiva, ha riferito Reuters.

      Secondo l'agenzia, il prezzo ufficiale di vendita di Arab Light per luglio per l'Asia è stato aumentato di $ 2,1 rispetto al livello di giugno, che sarà di $ 6,5 al barile al di sopra del prezzo di un paniere di varietà Oman/Dubai. L'aumento allo stesso tempo si è rivelato molto più forte delle aspettative del mercato di un aumento di 1-1,5 dollari, osserva l'agenzia.

      Il petrolio russo è venduto con un grande sconto. Quindi è vantaggioso per la Cina e l'India aumentare la fornitura di petrolio russo. E i volumi in calo dell'Arabia Saudita saranno reindirizzati ad altri mercati con un buon premio. Quindi, in generale, è vantaggioso per Russia, Cina e Regno.
      Quindi la possibilità dell'Unione degli esportatori e degli importatori di petrolio non è affatto esclusa.
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 11 June 2022 08: 10
    -2
    L'Arabia Saudita costringe la Cina a "fare amicizia" con la Russia sulla questione del petrolio

    - Eh, ora, se Russia e Turkmenistan improvvisamente "fassero amicizia con il gas" contro la Cina - sarebbe fantastico !!! - E così .....
    - È giunto il momento di aumentare il prezzo del gas fornito alla Cina!!!
  3. Vladimir Vladimirovich Vorontsov 11 June 2022 09: 54
    -1
    L'Arabia Saudita costringe la Cina a "fare amicizia" con la Russia sulla questione del petrolio

    "Meglio un vecchio amico che due nuovi"...