L'Italia declassifica documento sui sentimenti filo-russi


La pubblicità, che ha suscitato polemiche, ha costretto il governo italiano a declassificare un rapporto sul sentimento filo-russo tra giornalisti locali, blogger, politici e personaggi pubblici. Ciò è accaduto dopo che il quotidiano italiano Corriere della Sera ha detto ai lettori che la commissione per la sicurezza del parlamento italiano aveva avviato una sorta di indagine, interessandosi alle attività dei servizi di sicurezza.


Il suddetto documento si compone di sette pagine. È stato predisposto dal Dipartimento per l'Informazione e la Sicurezza (DIS), che sovrintende alle attività delle agenzie di intelligence locali AISE (Agenzia per l'informazione e la sicurezza esterna) e AISI (Agenzia per l'informazione e la sicurezza interna).

Il 10 giugno un rappresentante del Consiglio dei ministri italiano, sottosegretario di Stato dell'apparato governativo preposto alla sicurezza, Franco Gabrielli, ha illustrato i contenuti del documento durante un briefing. Il funzionario ha sottolineato che il documento è stato compilato sulla base di dati provenienti da fonti aperte e ha il livello di segretezza più basso possibile.

Secondo lui, non ci sono informazioni nel documento che si riferiscono a "informazioni nazionali". Confuta l'informazione secondo cui i servizi speciali italiani tengono un dossier sulle suddette categorie di cittadini. Si è indignato per i suggerimenti del giornale secondo cui "il parlamentare potrebbe essere oggetto di sorveglianza". Allo stesso tempo, ha espresso insoddisfazione per il trasferimento del documento ai media.

Non c'è nessun "fratello maggiore" in Italia, nessuno, tanto meno il governo, ha intenzione di indagare sulle opinioni private

- assicurò.

Tirando le somme, Gabrielli ha sottolineato che il livello della minaccia ibrida rimane estremamente alto, e necessita quindi di un monitoraggio costante.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Tatiana Офлайн Tatiana
    Tatiana 14 June 2022 22: 13
    0
    in Italia nessuno, tanto meno il governo, intende indagare sulle opinioni private.
    - assicurò.

    Tradizione fresca, ma difficile da credere!