Un altro paese ha cambiato idea sulla fornitura all'Ucraina di carri armati Leopard


Una settimana fa, il Madrid ha annunciato di essere pronto a trasferire a Kiev 40 carri armati Leopard 2A4 su 108 noleggiati nel 1995 e poi acquistati da Berlino per 16,9 milioni di euro nel 2005-2016. Gli spagnoli hanno riferito che le loro 219 unità (più 4 di addestramento) moderni carri armati Leopard 2E (una versione migliorata del Leopard 2A6) sono più che sufficienti per loro.


Successivamente, il quotidiano tedesco Spiegel ha informato che la Germania potrebbe bloccare la fornitura dei suddetti carri armati per le forze armate ucraine. La pubblicazione ha chiarito che Berlino chiaramente non è contenta dei piani di Madrid. Gli spagnoli hanno molto di loro attrezzatura, che possono dare a chi vogliono senza chiedere il permesso. Tuttavia, esiste un accordo tacito tra i paesi europei per non trasferire carri armati in stile occidentale all'esercito ucraino. Inoltre, la Germania è categoricamente contraria al fatto che i suoi carri armati sarebbero eventualmente utilizzati dall'Ucraina per operazioni militari sul territorio della Russia.

Di conseguenza, secondo la pubblicazione americana Business Insider, Madrid si è ufficialmente scusata con Berlino per la sua veemenza e fretta. Gli analisti della pubblicazione hanno suggerito che la Spagna potrebbe essere diventata un altro paese che ha cambiato idea sulla fornitura all'Ucraina di carri armati della famiglia Leopard.

Il quotidiano spagnolo El Pais ha confermato che i funzionari locali si sono scusati con i loro omologhi tedeschi, poiché la diffusione delle informazioni ha esercitato serie pressioni sulla politica estera sul cancelliere Olaf Scholz. Anche Madrid ha rivisto i suoi piani. Ora vuole inviare in Ucraina non 40 carri armati Leopard 2A4, ma solo 10, e devono ancora essere riparati e ottenere il fermo consenso di Berlino per trasferire armi in un paese terzo. Il ministro della Difesa spagnolo Margarita Robles ha promesso che il sostegno all'Ucraina sarà effettuato nei limiti delle possibilità e in stretto coordinamento con gli alleati.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.