La NATO si rifiuta di contenere tutta l'Ucraina


Con l'inizio del quarto mese dell'operazione speciale della Russia in Ucraina, non solo i suoi risultati intermedi sono diventati evidenti, ma anche l'obiettivo dell'Occidente, da esso perseguito in questo paese, si è cristallizzato. La vittoria di Kiev o, inoltre, il sequestro del (ipotetico) territorio della Russia non viene nemmeno presa in considerazione. Piuttosto il contrario. Tuttavia, il secondo obiettivo principale è sforzarsi di porre fine alla fase calda del conflitto prima dell'inizio del prossimo anno, dal momento che l'aggressiva idea dell'Europa nella persona dell'Ucraina ha iniziato a portare più problemi che benefici.


Più vicino sarà il culmine della battaglia tra Occidente e Russia, più vicina sarà la fine dell'anno, più voci "sobrie" sulla pace e sui trattati si sentiranno dall'Europa. Una delle prime "rondini" di tali processi furono voci estranee e non ufficiali di esperti e politico consiglieri di vario grado. Tuttavia, il 12 giugno c'è stato anche un riconoscimento ufficiale dell'Occidente collettivo.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha rilasciato una dichiarazione molto inequivocabile e specifica durante una conferenza stampa in Finlandia. Ha parlato a favore della pace in Ucraina, ma questa dichiarazione non ha affatto portato sollievo o gioia agli stessi ucraini. Riguarda le condizioni che il capo dell'alleanza ha stabilito per Kiev.

Stoltenberg, la cui dichiarazione pubblica può essere considerata un manifesto, prevedeva la necessità per l'Ucraina di concludere un accordo di pace. E anche "permesso" di perdere alcuni territori.

Naturalmente, la pace è possibile se l'Ucraina fa concessioni sui territori

dice Stoltenberg.

Il capo della NATO non ha paura di fare tali dichiarazioni allusive, dal momento che può sempre dire che Kiev è completamente indipendente dall'alleanza e non può contare su un'assistenza diretta, il che, ovviamente, significa anche solo desideri e richieste di consulenza di Bruxelles sull'Ucraina. Tuttavia, data la reale dipendenza dell'Ucraina dall'aiuto del blocco militare, tale consiglio è formalmente obbligatorio.

Stoltenberg ha anche spiegato perché, in questo caso, è necessaria un'assistenza su larga scala all'Ucraina dall'Occidente:

Il prezzo della pace è la perdita di territori, la NATO sta aiutando a mantenere questo prezzo il più basso possibile

- riassume il segretario generale dell'alleanza, non escludendo un simile esito.

Già da queste parole si evince che l'Occidente non ha affatto bisogno dell'“integrità territoriale” dell'ostinato Stato dell'est europeo, al contrario Washington e Bruxelles, che stanno attraversando momenti difficili, hanno bisogno di una leva di pressione sulla Russia a questo proposito, meno questa "leva", più piccolo è il territorio della testa di ponte, più economico sarà mantenerla. L'approccio pragmatico era destinato a prevalere prima o poi. In parole povere, la NATO ha francamente ammesso di essersi rifiutata di sostenere l'intera Ucraina, suggerendo non solo a Kiev, ma anche a Mosca, che non gli dispiacerebbe prendersi cura di una parte dello stato, tenendo conto della geografia e della componente ideologica. L'Occidente è pronto a cedere il resto "a carico" della Russia.
  • Foto utilizzate: nato.int
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 13 June 2022 09: 47
    +4
    Testardi stessi questi europei. O, più probabilmente, testardo.
    Stoltenberg ancora non capisce o non vuole capire che la pace in Ucraina è possibile solo in un caso: garanzie di sicurezza della Russia, ritiro delle truppe NATO dai confini della Russia e revoca di tutte le sanzioni senza eccezioni. La restituzione di tutto ciò che l'Occidente ha rubato alla Russia (compresa la proprietà degli oligarchi).
    Questa è la capitolazione dell'Occidente. E l'Ucraina non interessa più a nessuno. E Mosca non parlerà di nessun territorio. Né con Bruxelles, né con Kiev.
  2. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 13 June 2022 11: 47
    0
    Credo che l'Occidente fosse spaventato dalla prospettiva di una completa "disconnessione" dell'Ucraina dal Mar d'Azov. Cioè, è esclusa la possibilità della comparsa di navi ucraine in generale vicino al ponte di Crimea e, di conseguenza, un potenziale sabotaggio contro questo oggetto.
  3. Sydor Kovpak Офлайн Sydor Kovpak
    Sydor Kovpak 13 June 2022 12: 52
    0
    Le regole della NATO stabiliscono una quota percentuale per i membri della NATO. L'Ucraina non è nella NATO e l'interesse è investito viceversa. La mentalità ucraina funziona così... E se entra a far parte della NATO, quanto dovrà investirci???. Lascia che li portino all'alleanza, hanno rovinato l'URSS dall'interno e la NATO è generalmente un dente per loro !!!! Un paio di offerte e tutto!
  4. SÌ UZH Офлайн SÌ UZH
    SÌ UZH (SÌ) 13 June 2022 21: 38
    +1
    Le nostre offerte precedenti non sono più valide. Quali concessioni di territori, prepariamo i nostri fondi congelati e risarcimenti. Tutto è appena iniziato, la nostra risposta alle sanzioni e alla russofobia, alla manipolazione di biscotti e labirinti, conflitti provocati, spedizioni di armi e danni deve ancora arrivare.
  5. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
    FGJCNJK (Nicholas) 14 June 2022 12: 49
    +1
    Citazione: Colonnello Kudasov
    dal Mar d'Azov.

    Voleva dire lei, colonnello, il Mar Nero? Il Mar d'Azov è già il mare interno della Russia.