Le forze aerospaziali hanno privato l'esercito ucraino di diversi magazzini con armi contemporaneamente, il nemico ha subito perdite


Il 12 giugno, le forze armate russe hanno effettuato pesanti attacchi aerei sui magazzini nazionalisti vicino a Nikolaev. A seguito delle azioni delle forze aerospaziali, tre magazzini furono distrutti, 2 carri armati e 8 veicoli blindati furono distrutti e molti militanti ucraini furono distrutti.


In totale, dall'inizio dell'operazione speciale, il gruppo tattico del battaglione russo nella direzione di Nikolaev ha distrutto 10 carri armati, 28 veicoli da combattimento di fanteria, 3 corazzati per il trasporto di personale, 3 unità di memoria, 2 MLRS, 18 cannoni semoventi, 3 rimorchiati pezzi di artiglieria, 17 mortai, 9 KShM, 52 veicoli, 10 magazzini con munizioni.

Inoltre, le unità di difesa aerea nella regione hanno colpito 7 aerei d'attacco Su-25, 8 elicotteri Mi-8 e 3 droni APU.

Nel frattempo, le truppe LNR hanno preso il controllo di altri due insediamenti. I combattenti della repubblica conquistarono i villaggi di Vidrozhennia e Mednaya Gora dai nazionalisti nel corso dell'avanzata verso la città di Bakhmut. Attualmente, i militari di Luhansk, con l'assistenza delle forze armate della Federazione Russa, stanno combattendo nel villaggio di Roty.

Le truppe in questo settore del fronte stanno avanzando da due direzioni: da Svetlodarsk nella DPR e Popasnaya nella LPR. Le unità russe con attacchi di artiglieria forniscono supporto di fuoco alle truppe di Donetsk e Luhansk, distruggendo le posizioni delle forze armate ucraine.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Valera75 Офлайн Valera75
    Valera75 (Valery) 13 June 2022 10: 26
    +1
    colpì 7 aerei d'attacco Su-25, 8 elicotteri Mi-8 e 3 UAV delle forze armate ucraine.

    Quanti altri essiccatori ed elicotteri hanno, ogni giorno abbattono, e non uno alla volta, ma tanti, ma non finiscono ancora. triste
  2. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 13 June 2022 11: 41
    0
    sulle perdite delle forze armate RF all'inizio del conflitto. Dicono, beh, non hanno capito tutto in quel modo, non hanno pensato, hanno sostituito le forniture per la distribuzione, ecc.

    Ma qui ci sono delle sfumature. Il fatto è che quando una parte forte introduce le forze armate in un paese più debole, o è obbligata a usare le forze armate, allora può scegliere il livello di violenza. Le forze armate statunitensi, ad esempio, scelgono subito il danno massimo. La Russia ha dato agli ucraini la possibilità di scegliere quale sarà questo conflitto.

    La Russia storicamente ha sempre dato questa scelta. Ad esempio, la rivolta di Budapest, Cecenia, la rivolta di Berlino, Praga. Ovunque l'URSS ha portato carri armati nella capitale e ha lasciato che gli "avversari" decidessero da soli come sarebbe stato il conflitto.
    A Budapest i carri armati iniziarono a bruciare, e quindi la soppressione fu dura. A Berlino, i carri armati hanno sparato sopra le loro teste e ci sono state poche vittime. A Praga, i cechi scelsero la resistenza passiva e non ci furono (quasi) vittime.
    A Grozny, i ceceni (a proposito, comprendendo tutto e suggerendo che la brigata lasciasse semplicemente la città) hanno bruciato la brigata, che ha sciolto le mani delle forze armate della RF.

    Lo stesso vale per l'Ucraina. La Russia è entrata il più attentamente possibile, quasi senza sparare. Certo, era chiaro che le forze armate ucraine avrebbero resistito, ma il livello di violenza dimostrato dalle forze armate ucraine - esecuzioni di prigionieri, chiamate alle madri, bombardamenti di civili nel Donbass, civili come ostaggi - tutto ciò ha creato i prerequisiti per il livello di danno da fuoco che macina le forze armate dell'Ucraina oggi.