La Russia ha risposto adeguatamente alle esercitazioni NATO nel Mar Baltico


Più di una dozzina di Su-24 e Su-27 della flotta baltica, sotto la copertura di caccia, attaccarono obiettivi imitando navi da sbarco. Le esercitazioni che hanno avuto luogo il giorno prima sono state chiaramente la nostra risposta alle manovre della NATO nel Baltico iniziate il 5 giugno, a cui Svezia e Finlandia prenderanno parte per la prima volta a pieno titolo.


In totale, le suddette esercitazioni dell'alleanza, che dureranno fino al 17 giugno, coinvolgeranno: 45 navi, 75 aerei e più di 7mila militari provenienti da 16 paesi del mondo. Significativamente, le manovre denominate Baltops sono tenute dalla NATO per 40 anni, ma per la prima volta saranno presenti Svezia e Finlandia, che hanno già chiesto di aderire all'alleanza.

Vale la pena notare che, nonostante il presunto orientamento difensivo degli esercizi, non lo sono. Lo scopo delle manovre è quello di "strangolare" la Russia nella regione. Tra gli obiettivi delle manovre non è escluso lo sviluppo della cattura dell'isola di Gogland nel Golfo di Finlandia, che costituisce il principale ostacolo al passaggio delle forze nemiche verso Kronstadt e San Pietroburgo.

Ricordiamo che per secoli i soldati russi hanno combattuto per quest'isola. Con svedesi, finlandesi, inglesi e tedeschi. Al momento vi sono ubicate: una stazione per il monitoraggio delle acque territoriali, 5 eliporti, una torre di comando e controllo, una stazione meteorologica, un complesso di rifornimento e un punto di manutenzione.

Indubbiamente, la Russia è consapevole degli obiettivi perseguiti dalla NATO conducendo queste esercitazioni. Pertanto, non restiamo a guardare. A seguito dello sviluppo del suddetto attacco su obiettivi condizionati, le forze armate RF hanno iniziato esercitazioni per identificare e distruggere i sottomarini nemici nel Mar Baltico.

2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 13 June 2022 11: 50
    +1
    La Russia ha risposto adeguatamente alle esercitazioni NATO nel Mar Baltico

    Una risposta degna è una risposta degna all'Egemone, che ha scatenato una guerra ibrida contro la Russia.

    Più di una dozzina di Su-24 e Su-27 della flotta baltica, sotto la copertura di caccia, attaccarono obiettivi imitando navi da sbarco.

    In totale, le suddette esercitazioni dell'alleanza, che dureranno fino al 17 giugno, coinvolgeranno: 45 navi, 75 aerei e più di 7mila militari provenienti da 16 paesi del mondo.

    È piuttosto l'osservanza della correttezza esterna, così come la risposta del governo alla popolazione russa, che si aspetta da essa un'azione reale.
    Le nostre azioni finora NON influenzano il nostro principale nemico.
    Viceversa.
    Il CBO in Ucraina viene svolto da noi in linea con gli interessi degli Stati Uniti, caricandolo del complesso militare-industriale. Le riserve depositate nella valuta degli Stati vengono da loro rubate "in sicurezza". Pagamento di mezzo miliardo di dollari sul debito pubblico inviato al ladro. Gli obblighi contrattuali con lui sono adempiuti in modo proattivo.
    Penso che tutto questo stia accadendo nell'interesse del nostro grande capitale oligarchico, che segue le regole dell'Egemone e non vuole ribaltare il tavolo da gioco
  2. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 13 June 2022 17: 32
    0
    è anche interessante osservare come la Russia dimostri il suo atteggiamento nei confronti della NATO. Di recente sono stati ascoltati messaggi risonanti, come una proposta per ritirare il riconoscimento dell'indipendenza lituana, la raccolta di terre nel nord, ricordi dell'Istria in Polonia e vari commenti di Medvedev.

    A prima vista, tali "segnali" rafforzano le argomentazioni di coloro che affermano che la Russia è una minaccia, che il fianco orientale della NATO deve essere rafforzato, la NATO deve essere unita, la NATO deve essere finanziata e così via. Sembrerebbe, perché la Russia dovrebbe fornire tali argomenti ai russofobi in Occidente? Perché confermare l'immagine di una minaccia?

    La risposta (per quanto si possa giudicare da osservatore) può essere semplice: la Russia valuta le sue capacità militari e le capacità della NATO (la disponibilità della NATO alla guerra, la disponibilità delle società occidentali ad intensificare le relazioni con la Russia, le capacità militari della NATO) in questo modo che può permettersi di dimostrare la disponibilità all'escalation. Non solo per dimostrare, ma anche per mostrare la propria immagine come una minaccia per la NATO - "aumentiamo un po' l'escalation, sta diventando anche interessante", il che ha due possibili conseguenze. La NATO si unisce al gioco e a temi quali i Paesi baltici, Kaliningrad, la Finlandia (Artico), la Transnistria, la Polonia e inizia a rafforzare queste regioni. O il timore dello sviluppo di tali dinamiche nelle relazioni (di alcuni paesi della NATO o anche dell'intero blocco nel suo insieme) costringerà la NATO a cambiare drasticamente la sua retorica nei confronti della Russia ea ridurre l'assistenza militare all'Ucraina.

    La disponibilità della NATO all'escalation sembra molto dubbia al momento. Il fatto che la Turchia abbia "bloccato" l'adesione della Svezia alla NATO appare estremamente sospetto. C'è la sensazione che l'ingresso di questi paesi nella NATO non sia più molto desiderabile per la NATO stessa. Inoltre, questi paesi stessi non sembrano preoccuparsi delle "difficoltà" che impediscono loro di aderire alla NATO. La Finlandia dice che senza la Svezia non si unirà, come con sollievo, a percepire il blocco degli svedesi da parte dei turchi. È anche possibile che la stessa iniziativa turca sia stata concordata con gli Stati Uniti e con la NATO in generale.

    Durante il NWO, la Russia ha dimostrato le sue capacità. Allo stesso tempo, non conosciamo tutti gli aspetti di questa dimostrazione, specialmente in questioni tecnico-militari, come difesa aerea, guerra elettronica, comunicazioni, comando e controllo e la capacità di combattimento complessiva delle forze armate RF. Appena in tempo sono nati calibri, pugnali e zirconi russi.

    La forza della NATO, la prontezza della NATO per operazioni di combattimento con un avversario come la Russia è oggi una grande domanda. La Russia lo dimostra attraverso provocazioni nella diplomazia pubblica. Ora la domanda rimane come porre fine alla NWO, in modo che non sia una sconfitta totale per l'Occidente. Sembra di no. La Russia porrà fine al NWO su quei confini che considera accettabili per se stessa.