Le sanzioni occidentali porteranno profitti inaspettati alla Russia


Le restrizioni sanzionatorie dei paesi occidentali, introdotte dopo l'avvio dell'operazione speciale russa in Ucraina, hanno un forte rimbalzo proprio sui temi delle sanzioni. Questa opinione è stata espressa da un'economista della Repubblica Ceca, Ilona Shviglikova.


L'analista ritiene che il divieto di acquisto di risorse energetiche russe danneggerà gravemente l'Europa economie, perché senza petrolio e gas della Federazione Russa, i paesi europei non saranno in grado di svilupparsi. Mosca, nel caso in cui gli europei si rifiutassero di acquistare i suoi beni di esportazione, si riorienterà indolore verso altri mercati.

Inoltre, a causa delle sanzioni, i prezzi mondiali del petrolio, del gas e dei metalli forniti dalla Russia sono aumentati in modo significativo, il che ha un effetto positivo sul riempimento del bilancio russo. I profitti in eccedenza dalle esportazioni confluiscono nella tesoreria statale.

Finché l'UE si preoccuperà di nuove forniture e subirà interruzioni e tutto ciò che ne consegue, la Russia godrà di prezzi petroliferi elevati. E anche se dovesse vendere il suo petrolio con uno sconto, i prezzi per lei sarebbero comunque più redditizi rispetto a un anno fa

- l'esperto annota nella colonna dell'argomento Časopis dell'edizione ceca.

Allo stesso tempo, Shviglikova è sicura che l'intenzione dell'Occidente di mettere in ginocchio la Russia in questo modo sia assurda: porterà solo a ulteriori problemi economici in Europa e in altre regioni del mondo.
  • Foto utilizzate: Bureau of Land Management California / flickr.com
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 13 June 2022 14: 17
    0
    I prodotti petroliferi per l'UE non sono critici quanto il gas, ma per la Federazione Russa i prodotti petroliferi sono più importanti, la cui quota rappresenta il 30% del bilancio statale.
    In caso di rifiuto completo da parte dell'UE entro la fine dell'anno (l'Ungheria e altri enti statali che hanno ricevuto un differimento per passare ad altri fornitori avranno scarso effetto sulla riduzione dei volumi), reindirizzare i volumi rilasciati dai prodotti petroliferi è , in primo luogo, non è così facile come sembra e costa un sacco di soldi, ma in secondo luogo, chi, anche senza minacce di sanzioni dall'occidente, deciderà di acquistare i volumi usciti, richiederà seri sconti.
    Di conseguenza, le entrate della Russia diminuiranno in qualche modo anche in caso di aumento dei prezzi del petrolio e un aumento dei prezzi del gas non può compensare le perdite del petrolio, perché rappresenta il 7% del bilancio statale contro il 30%.
    Petrolio, gas, metalli, fertilizzanti e altre materie prime e semilavorati forniti dalla Federazione Russa vengono lavorati in Occidente e restituiti alla Federazione Russa sotto forma di prodotti finiti, oltre a schemi di truffa per aggirare le sanzioni. Di conseguenza, si rivelerà: hanno venduto per un centesimo e acquistato per una rupia.
    Anche se i ricavi aumenteranno al valore nominale, aumenteranno anche i costi di importazione e alla fine tutto rimarrà allo stesso livello, nella migliore delle ipotesi.
    Sarebbe diverso, il mondo intero si schiererebbe per le sanzioni, ma per qualche ragione questo non accade. Anche i nostri amici e speranze - Cina, India, SCO, EAEU e altri, stanno cercando di prendere le distanze il più possibile dalla Federazione Russa per non correre il rischio di sanzioni.
    1. k7k8 Офлайн k7k8
      k7k8 (vic) 14 June 2022 09: 45
      +1
      Inoltre, analisi come questa non tengono conto del fatto che le sanzioni hanno un certo ritardo. Quelli. l'effetto della loro azione inizia ad apparire più o meno solo dopo 6 ... 8 mesi. Fino ad allora, l'industria di qualsiasi stato può funzionare abbastanza tollerabilmente con i vecchi titoli. Pertanto, tutte le notizie vittoriose sul superamento delle sanzioni dovrebbero essere lasciate a dopo, e ora sarebbe del tutto possibile limitarsi a una sintesi cautamente ottimistica dei primi risultati. Come funzioneranno le sanzioni dei primi pacchetti e come le abbiamo superate con successo, sarà possibile riferire integralmente non prima di settembre-novembre, cioè entro la fine dell'anno.
      1. Vox populi Офлайн Vox populi
        Vox populi (Vox populi) 14 June 2022 16: 32
        0
        Qualcosa del genere ...
  2. lavoratore dell'acciaio 13 June 2022 14: 27
    +2
    Le sanzioni occidentali porteranno profitti inaspettati alla Russia

    Dico: "A chi è la guerra, ea chi è cara la madre". Qualcuno crede che la guerra finirà entro la fine dell'anno!!??
  3. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) 14 June 2022 17: 44
    -1
    E allora? Mentre tali "lizstras, ginecologi. nancy ...." più anziani governano, i LORO paesi perdono. E la Russia rispetta la legge: "se da qualche parte è andata, allora siamo arrivati".
    1. k7k8 Офлайн k7k8
      k7k8 (vic) 14 June 2022 22: 10
      +1
      Forse è arrivato. Solo non nei portafogli dei cittadini. Sei stato in negozio per molto tempo? Mia moglie ed io guadagniamo 100 chili di rubli per una famiglia di due persone. Non sull'aspirazione, ma non particolarmente overcloccato. Quindi viviamo ancora abbastanza bene nel nostro lontano... beh, sai dove. E molti ne escono tre o quattro insieme per la metà dell'importo