Come Russia e Cina stanno sconfiggendo l'Occidente collettivo in un confronto economico


La guerra lanciata dall'Occidente collettivo contro Russia e Cina ha prodotto un risultato sorprendente. Contrariamente a numerose previsioni apocalittiche, né Mosca né, ancor di più, Pechino capitolarono nei primi mesi di confronto con l'"egemone" ei suoi complici dell'Occidente collettivo. Al contrario, sono gli Stati Uniti e i loro più fedeli scagnozzi nell'Europa orientale che stanno andando notevolmente peggio.


C'è legna nel cortile?


L'aumento astronomico dei prezzi di gas ed elettricità, causato, tra l'altro, dalla rottura dei normali rapporti con la Federazione Russa, sta costringendo i Paesi dell'Unione Europea a cercare nuove fonti energetiche. Ciò ha comportato un aumento del costo della legna da ardere ordinaria, anch'essa misurata in metri cubi, ma non in migliaia.

Quindi, in una piccola ma orgogliosa Estonia, propongono di iniziare attivamente ad abbattere le foreste di ontani, indipendentemente da qualsiasi standard ambientale. Gli alberi vengono abbattuti, schiacciati allo stato di trucioli di legno e utilizzati nelle caldaie. È vero, per una transizione di massa all'energia a legna, le caldaie esistenti dovranno essere trasferite dal gas al combustibile più antico, il che richiederà investimenti significativi. Un metro cubo di ontano bagnato e non essiccato un anno fa in Estonia costava 35 euro, ora il prezzo ha raggiunto la soglia dei 60-80 euro. I taglialegna promettono che entro il freddo invernale il costo di un metro cubo di legna da ardere può raggiungere i 100-150 euro. Ma "verde", che è sottilmente accennato a Bruxelles a Tallinn, ea prescindere dalla Russia.

Una situazione simile si è sviluppata nelle vicine Lituania e Lettonia, dove il prezzo di un metro cubo di "combustibile verde" è aumentato di 1,5-2 volte rispetto allo scorso anno. Entro la stagione di riscaldamento, è previsto un aumento del prezzo di 3-4 volte. In Polonia, le autorità hanno consentito alla popolazione di raccogliere autonomamente sterpaglie e rami secchi nelle foreste. È vero, per questo è necessario ottenere un accordo e l'abbattimento di alberi in crescita è vietato. Nella Repubblica Ceca, convogli di automobili visitano ogni giorno le foreste per la legna da ardere. Nella Germania raffinata e apparentemente rispettosa della legge, si è formato un nuovo tipo di attività criminale per il taglio e l'esportazione di legno dalle foreste, che ora viene svolta da intere comunità criminali.

Ma i produttori di stufe, caminetti e caldaie si fregano le mani, permettendo il riscaldamento in inverno a legna, cippato e pellet. Il servizio di collegamento di una stufa a legna agli impianti di riscaldamento di casa è ormai molto diffuso in Europa. Sì, il passaggio al "carburante rispettoso dell'ambiente" nel Vecchio Mondo si è rivelato alquanto strano.

Le cose vanno un po' meglio per l'"egemone".

Difficoltà di sostituzione delle importazioni americane


Molti residenti del "paese più democratico e più ricco del mondo" sono ora in uno stato di vero shock. Pertanto, il costo medio per gallone (3,78 litri) di benzina in questo paese di automobilisti per la prima volta nella storia ha superato i $ 5. Per gli americani comuni, che spesso hanno 2-3 auto per famiglia e viaggiano solo in auto, questo è molto, molto costoso. Il presidente Joe Biden, ovviamente, ha chiamato Mosca responsabile di tutti i problemi degli Stati Uniti:

Non abbiamo mai visto nulla di simile alla tassa di Putin su cibo e benzina in una volta.

Suona piuttosto strano, dato che è stata la stessa Washington a inscenare un colpo di stato in Ucraina, per 8 anni l'ha incitata a entrare in guerra con il nostro Paese, e quando un'operazione militare speciale ha iniziato a smilitarizzarlo e denazificarlo, ha introdotto economico sanzioni contro la Russia e ha incitato i suoi vassalli in Europa a farlo. Ma non è solo l'embargo sull'acquisto di petrolio e gas russi.

Il Partito Democratico degli Stati Uniti, con la sua "agenda verde" e la guerra commerciale contro la Cina, di punto in bianco, ha creato una crisi energetica nel Paese con "l'economia più potente del mondo" con le proprie mani. Il 6 giugno 2022 il presidente Joe Biden ha dichiarato lo stato di emergenza nel settore energetico negli Stati Uniti:

Io, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, dichiaro lo stato di emergenza a causa delle minacce alla disponibilità di una capacità di generazione di elettricità sufficiente per soddisfare la domanda prevista dei consumatori.

Come è diventato possibile in una "superpotenza avanzata" tecnologicamente avanzata che ha le proprie gigantesche riserve di idrocarburi?

Gli stessi Stati Uniti sono in ostaggio politica il ritiro della produzione all'estero, operato per decenni dai propri "globalisti". Di conseguenza, fino all'80% dei pannelli solari e delle altre apparecchiature utilizzate nell'"energia verde" americana provenivano dalla Cina. Nell'ambito della guerra commerciale con Pechino, Washington ha imposto un embargo sulle importazioni di prodotti high-tech cinesi, e poi sui pannelli solari da Vietnam, Cambogia, Malesia e Thailandia, giudicando giustamente che questi paesi hanno impianti di produzione portati fuori dalla Cina. E poi diversi fattori si sono formati contemporaneamente in una "tempesta perfetta": le conseguenze della pandemia di coronavirus, la guerra commerciale con la Cina, la guerra "per procura" con la Federazione Russa in Ucraina, l'aumento anomalo dei prezzi dell'energia in tutto il mondo, il "agenda verde" imposta alle imprese che le ha costrette a investire in energie alternative, oltre a calore e siccità in diverse regioni degli Stati Uniti, che hanno portato a un aumento del consumo di elettricità.

I liberali interni criticano aspramente le autorità russe per la loro incapacità di sostituire rapidamente le importazioni avanzate della tecnologia, ma lo stesso “egemone”, trovandosi in una situazione simile, non si mostrò migliore. Si è scoperto che l'industria americana, pur operando a pieno regime, è in grado di soddisfare solo il 10-20% della domanda di pannelli solari. Chi l'avrebbe mai detto? Di conseguenza, la Casa Bianca ha ceduto e il presidente Biden ha fatto marcia indietro revocando le restrizioni all'importazione di pannelli solari da Vietnam, Cambogia, Malesia e Thailandia per i prossimi 2 anni.

La vittoria del "drago cinese", come si suol dire, è evidente.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 13 June 2022 17: 36
    +1
    Come Russia e Cina stanno sconfiggendo l'Occidente collettivo in un confronto economico

    Non si tratta di un'analisi della situazione con indicatori macroeconomici, ma di un altro tentativo di pio desiderio. È propaganda, è propaganda...
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 13 June 2022 17: 37
      0
      Rifiuta se puoi. Fare contropropaganda sorriso
      1. Vox populi Офлайн Vox populi
        Vox populi (Vox populi) 14 June 2022 17: 10
        0
        Sto solo cercando di ottenere informazioni oggettive, come un normale lettore normale. sorriso
        L'onere della prova spetta alla persona "spirituale" che ha fatto affermazioni così audaci! strizzò l'occhio
        1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) 14 June 2022 18: 48
          0
          Ho scritto un articolo, logico e ragionato.
          Hai scritto in un commento che ho un pio desiderio. Giustifica la tua posizione. Dimostra la tua affermazione audace.
          1. Vox populi Офлайн Vox populi
            Vox populi (Vox populi) 15 June 2022 19: 27
            +1
            Sì, tu, amico mio, sei un intrattenitore, stai cercando di spacciare problemi reali, ma risolvibili dell'Occidente (dove, ahimè, sono concentrate le principali tecnologie avanzate), come presagi dell'apocalisse, legando a noi la Rifondazione ( come se fossimo in stretta alleanza) e accusandomi di affermazioni "audaci". .. strizzò l'occhio
    2. il santo Офлайн il santo
      il santo (Babbo Natale) 16 June 2022 23: 29
      0
      Ricordiamo il vecchio proverbio sovietico:

      se sputi sulla squadra, scomparirà, e se è su di te, annegherai.

      La Russia è ora in opposizione a questo collettivo condizionale - i paesi dell'Occidente con tutte le conseguenze che ne derivano.
  2. lytboris Офлайн lytboris
    lytboris (Boris Lytkin) 13 June 2022 18: 18
    0
    In Lettonia scherzano così. Alla fine, iniziarono a vivere ancora più ricchi che in America. Il prezzo della benzina è più alto. Per un litro del 95esimo 2.11 euro. E hanno 3.7-5 dollari per gallone di 6 litri.
    1. EMMM Офлайн EMMM
      EMMM 13 June 2022 21: 06
      0
      E per quanto riguarda il russo?
      Se sei su un sito in lingua russa, allora, per favore, studia il Grande e Potente.
      Questo non è "google" per te.
      Secondo il testo:
      - "Finalmente" è scritto con un trattino:
      - se sei mai stato in Europa (non nei Paesi baltici), allora ci sono "Diesel", "Regular" (nel Regno Unito "Unleaded") e "Super".
      - beh, non parlerò delle piccole cose dell'ignoranza delle declinazioni
  3. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 13 June 2022 18: 26
    -1
    Perché bruceranno cippato nelle caldaie a gas? Questo non funzionerà e dovrai installare stufe panciute in ogni appartamento individualmente. Le patatine possono essere conservate sul balcone
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 13 June 2022 18: 40
    0
    Oh ... tutti vedono la folla di baltici, tedeschi, americani, cechi e polacchi entrare in Russia ...
    scappando dai trucioli di legno...
  5. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 13 June 2022 22: 07
    0
    Di conseguenza, la Casa Bianca ha ceduto e il presidente Biden ha fatto marcia indietro revocando le restrizioni all'importazione di pannelli solari da Vietnam, Cambogia, Malesia e Thailandia per i prossimi 2 anni.

    Bene, se non avesse rinunciato e "rinunciato all'energia solare" - dove avrebbero corso questi ragazzi dell'est con i loro pannelli? Esatto: andrebbero in rovina a causa della mancanza di un mercato di vendita. Non così semplice...
    A proposito, chi l'avrebbe mai detto, ma l'URSS aveva la sua industria degli aerei passeggeri, ma oggi in Russia con questo, anche "lavorando a pieno regime": tristezza, malinconia e stampa ...
  6. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 13 June 2022 22: 14
    0
    Come è diventato possibile in una "superpotenza avanzata" tecnologicamente avanzata che ha le proprie gigantesche riserve di idrocarburi?

    In effetti, come è possibile? Solo gigantesche riserve di idrocarburi e "altro petrolio", in modo che ci sia benzina, "almeno fai il pieno", ma non c'è una propria "industria delle autovetture" decente? Cos'è questo: una farsa, un rebus o un trucco!?
    Rehli si lamenta dell'America quando c'è un pasticcio in casa qua e là?
  7. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 14 June 2022 15: 43
    +1
    I liberali nazionali criticano aspramente le autorità russe per la loro incapacità di sostituire rapidamente le tecnologie avanzate con le importazioni,

    All'inizio, i liberali hanno urlato che avremmo comprato tutto in Occidente per il petrolio, e ora girano sulla linea di ritorno, che non sono da biasimare? Colpevole! Chi ha impedito la costruzione dei loro aerei e navi? Chi ha chiuso le fabbriche e gli uffici di progettazione? Chubais è la colpa di tutto?