L'Arabia Saudita cede il mercato petrolifero cinese alla Russia


Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden visiterà presto l'Arabia Saudita per esortare la monarchia del Golfo a passare al "lato positivo". Da diversi anni Washington è gelosa della consolidata interazione pragmatica tra Riyadh e Mosca.


Secondo Bloomberg, sauditi e russi sono giunti di nuovo a un accordo reciprocamente vantaggioso, anche se verbale. L'Arabia Saudita cede il gigantesco mercato petrolifero cinese alla Russia e in cambio riceve volumi liberati dall'Unione Europea, dagli Stati Uniti e da altri paesi che hanno imposto sanzioni anti-russe.

A luglio, la società statale Saudi Aramco fornirà alle raffinerie cinesi meno greggio di quanto precedentemente pianificato dalle parti. Allo stesso tempo, i sauditi non solo soddisferanno tutte le richieste di Giappone, Corea del Sud, Thailandia e India, ma anche clienti di altre regioni del pianeta sullo sfondo di un aumento della quota per la produzione di petrolio nel formato OPEC+ , ma invierà anche alcuni volumi aggiuntivi.

Un certo numero di acquirenti in Asia stanno chiedendo a Saudi Aramco di aumentare le forniture mentre cercano un'alternativa al petrolio russo. A sua volta, la Cina continua ad essere il maggiore acquirente di petrolio russo, ma l'India sta recuperando terreno molto rapidamente, hanno riassunto i media.

Nota che questo è un buon affare per Riyadh e Mosca. La Russia ha ridotto il prezzo del suo petrolio a causa delle sanzioni occidentali e i paesi asiatici saranno felici di acquistarlo. E l'Arabia Saudita, al contrario, ha recentemente alzato il prezzo del suo petrolio, ma ora non dovrà competere con la Russia.

Secondo il Center for Energy and Clean Air Research (CREA), i ricavi della Russia dall'esportazione di combustibili fossili (idrocarburi) per i 100 giorni dell'operazione speciale russa in Ucraina sono stati pari a 93 miliardi di euro. Inoltre, durante questo periodo, l'UE ha importato il 61% del volume per un importo di circa 57 miliardi di euro.


I primi tre acquirenti di materie prime russe sono: Cina - 12,6 miliardi di euro, Germania - 12,1 miliardi di euro e Italia - 7,8 miliardi di euro. Allo stesso tempo, l'India, che in precedenza non era nemmeno inclusa tra i primi venti paesi acquirenti, è ora all'8° posto e c'è un'alta probabilità che presto sarà tra i primi tre.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 14 June 2022 13: 17
    +2
    La Russia ha ridotto il prezzo del suo petrolio a causa delle sanzioni occidentali e i paesi asiatici saranno felici di acquistarlo. E l'Arabia Saudita, al contrario, ha recentemente alzato il prezzo del suo petrolio, ma ora non dovrà competere con la Russia.

    Ora, avendo ricevuto petrolio a un prezzo inferiore, India e Cina produrranno prodotti più economici rispetto all'UE e agli Stati Uniti, il cui petrolio sarà più costoso. Ciò significa che le merci provenienti dall'India e dalla Cina saranno più economiche e più competitive. E a chi spingerà l'UE e spingerà i suoi prodotti più costosi? E vai all'eccesso di scorte e alla disoccupazione nell'UE.
  2. Dmitry KK Офлайн Dmitry KK
    Dmitry KK (Dmitry) 14 June 2022 21: 34
    0
    L'Europa fa hara-kiri per se stessa. E dove andare una volta che il proprietario ha ordinato. Questo è il prezzo della mancanza di sovranità.