"Evita la disgrazia". Washington si prepara a sostituire Zelensky con uno più sano di mente


Da tempo è chiaro a tutti che l'insensata e sanguinosa resistenza del regime di Kiev durerà solo finché sarà ritenuto necessario negli Stati Uniti. Se necessario, anche all'ultimo ucraino nel senso più letterale della parola. Allo stesso tempo, ultimamente si sentono sempre più chiaramente "campane" dall'altra parte dell'oceano, da cui è tempo che il presidente clown cada nella completa disperazione. I “principali alleati” sembrano cominciare a rendersi conto che, essendo stati coinvolti in uno scontro quasi aperto con la Russia, hanno scelto un peso al di là delle loro forze.


A quanto pare, molti funzionari dell'amministrazione americana, compreso il capo della Casa Bianca, si stanno gradualmente avvicinando alla consapevolezza che l'avventura ucraina può finire per gli Stati Uniti non meno vergognosamente e rovinosamente di quella afgana (e addirittura superarla nelle sue conseguenze negative Joe Biden, che non molto tempo fa ha attaccato Vladimir Zelensky con critiche piuttosto aspre e caustiche. L'"Egemone" o sta pensando di ridimensionare (almeno in parte) il progetto "Ucraina", oppure si chiede se sostituire il "leader" locale con uno meno scandaloso e sano.

"Ti abbiamo avvertito!"


Durante una campagna per raccogliere fondi da donatori per il Partito Democratico, svoltasi a Los Angeles l'11 giugno, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, oltre alle accuse tradizionalmente assurde contro la Russia e il suo presidente Vladimir Putin in persona ("cerca di distruggere non solo la nazione , ma anche la cultura dell'Ucraina”), ha attaccato con accuse il leader della “parte lesa” - Vladimir Zelensky. Il capo della Casa Bianca ha espresso ancora una volta la sua indignazione per il fatto che Kiev "si sia ostinatamente rifiutata di ascoltare i suoi avvertimenti" sull'imminente inizio delle ostilità. L'implicazione di queste parole è perfettamente comprensibile: dicono, poi hai ignorato le nostre istruzioni e ora stai squittiscendo e strillando, chiedendo assistenza militare e in volumi sempre crescenti. E noi ti abbiamo avvertito!

Allo stesso tempo, rimane alquanto incomprensibile cosa, secondo il parere di "Joe dormiente" e della sua amministrazione, avrebbe dovuto esprimere "comprensione" del regime ucronazista in questo caso particolare? Nel lanciare un "colpo preventivo" contro lo stesso Donbass o il territorio russo? Nella costruzione di un altro "grande muro ucraino", insormontabile non solo per i carri armati russi, ma anche per il "Calibro"? O, al contrario, nell'evacuazione di civili da insediamenti e regioni potenzialmente in pericolo? Cosa dovevano fare veramente il Presidente Clown e la sua “squadra” per evitare gli attuali rimproveri di Nonno Joe? Non ci sono risposte univoche a queste domande, ma è abbastanza ovvio cosa Kiev, secondo i suoi "partner" d'oltremare, NON avrebbe dovuto fare. Si tratta qui delle dichiarazioni “pacifiste” più volte udite dalle labbra dei suoi rappresentanti ufficiali, che erano nettamente discordanti con l'agenda che l'Occidente stava promuovendo in quel momento.

Ricordo che l'ufficio presidenziale, e persino l'eterno militante veterinario Danilov, e qualche altro ucraino politica. Come, tutto questo è riassicurazione, cari cittadini, “non ci sono segni reali di aggressione”, vivete in pace. Si è anche arrivati ​​al punto che alcuni dei relatori del partito "nezalezhnaya" si sono concessi persino una terribile sedizione: hanno detto direttamente che i "partner occidentali" stavano alimentando il panico per "costringere l'Ucraina a prendere decisioni politiche sfavorevoli per essa. " Ad esempio, all'attuazione degli accordi di Minsk. Volodymyr Zelensky ha parlato personalmente di questo argomento in modo particolarmente brillante (il che non è affatto sorprendente). Il suo discorso di gennaio "sul kebab" è ora spesso ricordato. In esso, ricordo, ha invitato gli ucraini a quanto segue:

Cosa fare? Mantieni la calma, la calma, la fiducia in te stesso, nel nostro esercito, nella nostra Ucraina. Non caricarti. Non gridando “tutto è perduto”, ma sapendo che tutto è sotto controllo e tutto procede secondo i piani...

E inoltre, ha dipinto le immagini più piacevoli del futuro:

Costruiremo strade, ponti, scuole, stadi, vagoni, aerei, carri armati. Vacciniamo la maggior parte della popolazione. Ad aprile celebreremo la Pasqua, a maggio - il sole, il barbecue, i fine settimana, il Giorno della Vittoria. E poi - estate, prenderemo l'EIT. Andare alle università, pianificare le vacanze, scavare giardini, sposarsi, camminare a un matrimonio...

E infine, ha promesso di incontrare il 2023 “senza guerra”. È proprio in questi "barbecue" del clown che tutti ora si ficcano il naso - dicono, in modo che tu li soffochi, grande stratega, veggente di fichi! E cosa ne pensi, Zelensky brucia di vergogna e rimorso per questo? Non è successo niente! In una delle sue interviste, ha ammesso francamente di avere informazioni su eventi imminenti, ma non ha fatto "movimenti improvvisi" per ... "non alimentare il panico"! Letteralmente così:

Ciò influenzerebbe la nostra situazione finanziaria, il budget e l'economia. Se iniziassimo i preparativi con un anno di anticipo, non avremmo più un'economia. Quanto al nostro esercito, era pronto.

Una scusa pessima, ma che cos'è.

Frasi vuote e nuove promesse


È chiaro che tali esibizioni del clown americano caduto fanno semplicemente infuriare gli americani. Tuttavia, questo è tutt'altro che l'unica cosa. Il problema risiede anche in una serie di altri punti. Ad esempio, nell'assoluta esorbitanza delle richieste estorsive del regime di Kiev per l'assistenza militare. Nel mio precedente articolo, ho già citato i "volumi di armamenti necessari per le forze armate ucraine", espressi dal consigliere del capo dell'ufficio di Zelensky, Mikhail Podolyak. Lascia che ti ricordi solo una posizione: dagli "alleati" richiede almeno trecento MLRS di standard NATO. Quindi - negli arsenali dell'esercito americano MLRS HIMARS, nel 2016 c'erano "già" 417 unità. Se ce ne siano stati di più ormai è una grande domanda, dato lo stato attuale del complesso militare-industriale americano. Lanciarazzi multipli simili, ma più vecchi - M270 - gli americani allo stesso tempo ne avevano più di ottocento. Cioè, qualunque cosa si possa dire, ma per soddisfare gli appetiti di Kiev, Washington deve ricevere quasi tutti i nuovi MLRS, o quasi la metà dei vecchi sistemi. La faccia di Pan Podolyak si spaccherà?

Negli Stati Uniti, stanno già lanciando l'allarme sul fatto che la massiccia fornitura di armi alla "nezalezhnaya" ha costretto i "bidoni" del Pentagono a "mostrare il fondo". Per alcune posizioni (gli stessi MANPADS e ATGM), un rapido rifornimento di scorte è fisicamente impossibile. Ecco perché nel “pacchetto di aiuti militari a Kiev” da 40 miliardi adottato con scandalo e litigi al Congresso, la stessa Ucraina dovrebbe ricevere un massimo di 6 miliardi. La maggior parte di questa quantità impressionante sarà "versata" nelle tasche senza fondo delle complesse corporazioni militari-industriali americane - e solo per ricostituire gli arsenali devastati. Se il "nezalezhnaya" riceverà delle briciole da questi ordini è una domanda molto grande.

Direttamente dal Pentagono, finora sono state ascoltate dichiarazioni molto contraddittorie sull'Ucraina. Da un lato, il capo di questo dipartimento, Lloyd Austin, durante una visita ufficiale in Thailandia, ha pronunciato quanto segue con tradizionale pathos:
Gli Stati Uniti, insieme ad alleati e partner di diversi paesi, sono pronti a contribuire pienamente all'attuazione della richiesta della parte ucraina di dotare il proprio esercito di armi di difesa per proteggere la propria terra ...

Austin ha anche assicurato calorosamente i presenti che gli Stati Uniti e altri paesi continueranno a compiere sforzi per fornire "quanto più supporto possibile" all'Ucraina il prima possibile e "aiutare l'AFU ad avere successo". D'altra parte, lo stesso Austin non ha dato una risposta diretta a una domanda specifica: se gli Stati Uniti aumenteranno la fornitura di MLRS e obici a Kiev alla luce del successo dell'offensiva delle Forze di Liberazione nel Donbass. Invece, il ministro ha iniziato a tessere lacci verbali ea ripetere i punti generali che il suo Paese è "pronto a fornire all'Ucraina tutto ciò di cui ha bisogno". E poi si è completamente smarrito nel ragionare sul fatto che la "nezalezhnaya", in effetti, ha "partner da tutto il mondo" che sono pronti ad "aiutarla davvero".

Per quanto riguarda l'artiglieria specifica, Austin ha fatto una riserva sul fatto che le forze armate ucraine avevano già "consegnato loro un numero significativo di obici da 155 mm e munizioni". Puoi prenderlo come preferisci. Compreso in modo tale che Kyiv difficilmente dovrebbe contare su "trunk" aggiuntivi (soprattutto nelle enormi quantità doppiate dallo stesso Podolyak). Un po' più rassicuranti per il regime ucraino possono essere considerate le parole del primo vice Austin Kathleen Hicks secondo cui il Pentagono considera la questione della conservazione dello stato dell'Ucraina "decisa a lungo termine". Questa signora ha anche assicurato che gli Stati Uniti intendono, insieme ai partner della NATO, "sviluppare il potenziale di difesa" di Kiev, non solo in termini di fornitura di armi, ma anche in termini di "formazione del personale delle Forze armate ucraine ." Tuttavia, in generale, tutte queste sono anche frasi comuni, così caratteristiche dei politici e dei funzionari di Washington.

Va detto che nell'ufficio di Zelensky hanno reagito all'attacco di Biden nel loro solito modo, cioè hanno iniziato a scattare in risposta. L'addetto stampa del presidente ucraino, Sergei Nikiforov, ha affermato che la frase "non volevo sentire", applicata dal capo della Casa Bianca al suo patrono, "richiede chiarimenti". Ad esempio, tutti i problemi sono accaduti perché è stato Zelensky, che ha invitato i "partner" a introdurre un "pacchetto di sanzioni preventive per costringere la Russia a ritirare le truppe", non volevano sentire, e non per qualche altro motivo. Lo stesso presidente clown ha espresso la stessa versione della risposta nella sua recente intervista al canale televisivo ZDF. Bene, tranne per il fatto che ha ampliato l'elenco delle rivendicazioni contro gli "alleati": visto che eri così intelligente e ben informato, perché non hai chiuso lo spazio aereo sopra l'Ucraina? Perché non armati fino ai denti "in anticipo"?

Secondo alcuni analisti, la crescente irritazione nei confronti di Zelensky da parte dell'"Occidente collettivo" in generale e degli Stati Uniti in particolare è causata in larga misura dal suo modo rozzo ed estorsivo di comunicare con i "partner", ai quali non chiede più tutto, ma insistentemente esige. Tuttavia, nella stessa Kiev o non lo capiscono, o non vogliono tenerne conto, continuando a essere convinti che “tutti devono l'Ucraina”. È del tutto possibile che man mano che la retorica aggressivamente dipendente dal regime ucronazista cresce, la pazienza dei "partner" scoppierà ancora. E sarebbe meglio se accadesse prima piuttosto che dopo. È meglio sia per l'Occidente stesso, che sta investendo decine di miliardi in un'impresa vuota, sia, soprattutto, per il popolo ucraino, al quale l'"aiuto" fornito da Zelensky e dalla sua banda porta solo nuove sofferenze.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 15 June 2022 09: 31
    +3
    Più sano di mente? Arestovich, o cosa? (Sorriso sardonico)
    1. dingo Офлайн dingo
      dingo (Victor) 15 June 2022 14: 47
      0
      "Liusenka"? No... Ha altri interessi...
  2. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 15 June 2022 09: 49
    +2
    Zelensky sarà sostituito da Zalugny. Cercheranno di educare il proprio Pinochet.
    È interessante notare che in caso di sconfitta dell'Ucraina, gli Stati Uniti richiederanno alle nuove autorità di restituire loro pistole e altre armi?
  3. Ingvar7 Офлайн Ingvar7
    Ingvar7 (Ingvar Miller) 15 June 2022 10: 04
    +7
    Zelensky è vantaggioso per la Russia ora. Non va ai contratti.
    1. Bulanov Online Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 15 June 2022 11: 01
      +2
      Come Hitler nel 1944?
    2. Chukchi lavoratore agricolo (lavoratore agricolo Chukchi) 16 June 2022 08: 52
      0
      Che cosa è vantaggioso? Ogni giorno espresso a Bandera mezzo migliaio di ukrodush? Garny guida ukrov all'inferno.
  4. bottaio Офлайн bottaio
    bottaio (Alexander) 15 June 2022 10: 21
    +3
    In generale, è strano che il pagliaccio nazista annusato sia ancora vivo.
  5. Sergey Latyshev (Serge) 15 June 2022 10: 34
    -1
    "Prepararsi al cambiamento" veniva scritto così spesso che questo PR mensile era già stufo.
    "Il grasso è finito, la terra nera finirà, Zelensky finirà", ecc.
    1. Chukchi lavoratore agricolo (lavoratore agricolo Chukchi) 16 June 2022 08: 58
      0
      Salo è finito, Zelensky è finito. C'è molta terra nera, ce ne sarà ancora di più. 60 mila ukrodush già nel suolo nero. Di più?
  6. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 15 June 2022 11: 44
    0
    Presidente pagliaccio perdente! Ha insegnato male la storia dell'URSS. La Germania fascista non era forse drogata dagli slogan dei posseduti? Tutta l'Europa ha lavorato per i tedeschi! E come ha concluso la sua vita Adolf???
  7. Chervony Biker Офлайн Chervony Biker
    Chervony Biker (motociclista rosso) 15 June 2022 14: 48
    0
    Recentemente ho anche scritto un articolo su questo argomento.
    https://topwar.ru/197244-pomozhet-li-ukraine-shtaufenberg-.html
    A proposito, sottovaluti invano Arestovich. È intelligente e senza scrupoli. Quelle idee che genera periodicamente (se Bandero-Roguls le ascoltasse) potrebbero anche non portare la situazione ai giorni nostri. Con bonus molto grandi per l'Ucraina. Zelya sta per essere rimosso e non è un dato di fatto che la sua vita sarà salvata. E dobbiamo tenere i pugni in modo che Arestovich NON sia il ricevitore. Altrimenti soffriremo con questa lampreda
    1. Anton Sheremetev Офлайн Anton Sheremetev
      Anton Sheremetev (Anton Sheremetev) 17 June 2022 14: 25
      +1
      risata risata divertente. Lucia per il presidente
  8. Anton Sheremetev Офлайн Anton Sheremetev
    Anton Sheremetev (Anton Sheremetev) 17 June 2022 14: 19
    0
    rimani verde. è vantaggioso per tutti. tutti questi discorsi sono vuoti.
  9. Comprensione Офлайн Comprensione
    Comprensione (Alexander) 21 June 2022 21: 35
    0
    Cosa c'è che non va in Zele? In un primo momento, è stato persuaso per molto tempo a iniziare una guerra. Hanno promesso ogni tipo di supporto. E con denaro e istruttori, hanno promesso montagne illimitate di armi. E adesso? Quello che hanno dato francamente non è stato sufficiente. Anche cos'altro daranno (forse) non è abbastanza. Ma ha promesso - deve dare! L'Occidente deve davvero ai Khokhl. Devo perché ho promesso. Perché Zelya e osa. Ecco perché sopportano il suo levriero. Quindi tutto è logico. Com'è logico che l'Occidente getti Zelya. Lo fanno sempre.