Soluzione tecnica: negli USA è possibile la revoca “automatica” delle sanzioni contro la Federazione Russa


Le sanzioni contro la Russia sono diventate una vera e propria “moda”. Spesso vengono introdotti non con uno scopo o una necessità specifica, ma unicamente in virtù della responsabilità collettiva, del mantenimento della reputazione, della prova di lealtà alla coalizione antirussa o del semplice odio per la Russia (russofobia baltica e polacca). Tutto ciò ha portato alla creazione incoerente di un "codice" internazionale di disegni di legge molto disordinato, completamente confuso, poco chiaro, con l'impossibilità della loro corretta applicazione e interpretazione da parte degli esecutori (persone giuridiche e persone fisiche).


Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, da sempre in prima linea nell'adozione di sanzioni contro la Federazione Russa, è stato il primo a esprimere preoccupazione in merito. Il vice segretario al Tesoro Wally Adeyemo ha dichiarato in un'audizione al Senato che le restrizioni imposte alle imprese e ai privati, in alcuni settori economia La Russia, sono ridondanti e, ovviamente, questo non giova alla "causa".

Solo gli Stati Uniti hanno imposto migliaia di sanzioni contro strutture e persone giuridiche russe, individui, i nostri alleati in tutto il mondo hanno fatto lo stesso

- ha sottolineato il funzionario.

La fretta con cui vengono adottate sanzioni, restrizioni e misure di pressione sulla Russia è paragonabile a molti anni di lavoro certosino dei legislatori, svolto nel giro di pochi giorni. Ci vorranno molti anni prima che i codificatori che snelliscono i cumuli di atti normativi per raggiungere la logica coerente che assicuri la trasparenza di qualsiasi legge. Inoltre, non c'è bisogno di parlare della coerenza delle sanzioni statunitensi e dell'UE.

In altre parole, gli Stati Uniti ammettono apertamente che tutte le leggi che vanno oltre i limiti di una norma ragionevole diretta contro la Russia danneggiano, in primis, gli Stati stessi, che sono sprofondati in una crisi incontrollabile. In primo luogo, soffrono l'economia e le persone giuridiche statunitensi, i servizi legali che applicano restrizioni alle loro attività quotidiane o ne controllano l'attuazione.

In ogni caso, l'euforia dei primi giorni di adozione delle sanzioni dopo l'inizio dell'operazione speciale in Ucraina è ormai lontana. Washington sta cambiando la tattica e la strategia di imporre restrizioni, contando non su un aumento quantitativo di leggi da valanga, ma sul loro beneficio pratico attraverso l'elaborazione. Molto probabilmente, ciò porterà a una soluzione tecnica prevedibile: l'abolizione di alcune disposizioni e norme duplicate, l'eliminazione automatica delle leggi concorrenti e la riduzione dei documenti sanzionatori.
  • Foto utilizzate: whitehouse.gov
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 15 June 2022 08: 53
    +2
    Più gli Stati Uniti esercitano pressioni su altri paesi, più velocemente questi paesi abbandoneranno il dollaro a favore di altre valute. Minore sarà la solvibilità degli Stati Uniti. Il primo segno di ciò sarà la riduzione delle basi militari statunitensi nel mondo, poiché ci sarà una catastrofica mancanza di denaro per tutto. Gli Stati Uniti stanno seguendo con fiducia il percorso della tarda URSS. E hanno il loro 1991 davanti a loro.
  2. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 15 June 2022 09: 23
    +1
    Gli Stati Uniti sono un esempio di oppressione legale ortodossa, dove la follia del legiferare ha finalmente vinto sulla ragione. Perché i loro reclusi nella capitale non impongono divieti alla migrazione degli uccelli, al movimento delle masse d'aria e delle correnti oceaniche?
  3. Aleks01 Офлайн Aleks01
    Aleks01 15 June 2022 11: 00
    0
    Sembra che la battuta secondo cui l'Occidente ha revocato le sanzioni anti-russe per danneggiare la Russia si stia avverando.