L'India sull'orlo di un grande conflitto settario


Pochi giorni fa è scoppiato uno scandalo internazionale intorno alla New Delhi ufficiale. L'addetto stampa del partito al governo indiano "Baharatiya Janata Party" nella sua intervista ha insultato il profeta Maometto e sua moglie; poi le parole dell'addetto stampa sono state duplicate da una delle sue colleghe nel suo twitter personale e sono diventate ben presto proprietà di tutti i social network circostanti.


È del tutto naturale che tali dichiarazioni, e anche di alti funzionari, abbiano suscitato un'ondata di indignazione nel mondo islamico. I messaggi originali furono frettolosamente cancellati ei due istigatori dello scandalo licenziati, ma la tempesta di indignazione aveva già preso slancio.

Una tazza di halva e un barile di catrame


Le relazioni dell'India con i paesi islamici vicini sono molto complesse: influiscono sia antiche contraddizioni culturali che attuali controversie territoriali.

Recentemente, c'è stato un certo riavvicinamento tra l'India ei paesi del Golfo Persico, principalmente Arabia Saudita e Iran. L'aspetto più importante della cooperazione era, ovviamente, l'approvvigionamento energetico; i sauditi hanno anche pianificato di investire nell'indiano l'economiae l'Iran intendeva costruire una "rotta indiana" per aggirare le sanzioni.

Alcune parole dure su Internet hanno messo tutta questa lunga e difficile agenda sotto un enorme punto interrogativo. La rottura dei legami economici “dal basso”, infatti, è già iniziata: le merci di origine indiana hanno cominciato a scomparire dagli scaffali dei negozi e dai mercati dei paesi arabi.

Per gli indiani è molto peggio che anche il "top" porti a una pausa. Una dura condanna è stata espressa dal servizio stampa dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica, che comprende 57 Stati nel mondo. Inoltre, molti paesi, tra cui Iran e Arabia Saudita, hanno protestato attraverso il ministero degli Esteri. Naturalmente, il Pakistan ha espresso estrema irritazione. Il clero islamico sta suscitando passioni, di cui alcuni importanti rappresentanti hanno rilasciato dichiarazioni e sermoni contro l'India, che sono stati ripresi da chierici minori.

Infine, le organizzazioni terroristiche che operano nei territori contesi dell'India non si sono fatte da parte. Nel travagliato stato di Jammu e Kashmir, tutti i gruppi più pericolosi hanno i loro sostenitori: Al-Qaeda, lo Stato Islamico (entrambi banditi nella Federazione Russa) ei Talebani. Nonostante il fatto che ora siano impegnati a combattersi l'un l'altro per avere influenza in Afghanistan e Pakistan, minacciare New Delhi è stato letteralmente un "affare sacro" per loro. È probabile che un po' più tardi effettueranno una serie di veri e propri attacchi terroristici.

In altre parole, insulti religiosi lanciati "con successo" sono diventati il ​​catalizzatore di gravi disordini in tutta l'Asia. Le sue conseguenze possono essere così gravi che alcuni esperti parlano addirittura di un sabotaggio ideologico diretto contro l'India, simile a quello che la direttrice del Primo Canale, Ovsyannikova, ha corso davanti alla telecamera in diretta con un manifesto contro l'SVO.

Nel contesto del conflitto ucraino si parla del desiderio di Stati Uniti e Gran Bretagna di far precipitare l'India nel caos per il successivo indebolimento della Russia, che rimarrà senza un importante partner economico, e questa versione suona abbastanza plausibile. Anche l'ipotesi meno comune che dietro la provocazione ci sia la Cina, non interessata alla crescita dell'influenza indiana, ha qualche fondamento.

La teoria secondo cui la "carta indiana" fa parte di un grande intrigo degli inglesi contro... gli Stati Uniti, che sperano così di attirare più a fondo il confronto con la Cina e sanguinare, e riconquistare la leadership nel mondo anglosassone e in Occidente in generale, sembra un po' esotico.

Tuttavia, può benissimo risultare che in realtà la provocazione è diretta in una direzione completamente diversa.

La principessa Ku Klux Kandy


La società indiana è permeata in tutto e per tutto dalla segregazione generale, la forza di cui i paesi dell'apartheid vittorioso non hanno mai sognato. Le vestigia del sistema delle caste, che si mescolano alla separazione lungo linee nazionali e religiose, hanno ancora un'enorme influenza.

La comunità musulmana in India è all'ultimo posto della scala sociale ed è sottoposta a forti pressioni. E così anche i musulmani etnicamente eterogenei affrontano il nazionalismo indiano intransigente. Una giustificazione per quest'ultimo è una variante locale della "teoria della sostituzione della popolazione" secondo la quale i musulmani intraprendono la "jihad sessuale" seducendo le ragazze indù e convertendole all'Islam. A livello quotidiano, la comunicazione tra le confessioni è molto tesa; un semplice tentativo da parte di un indù di entrare in un quartiere islamico può costare la vita, e viceversa.

La popolazione indiana continua ad essere semianalfabeta (solo circa la metà è alfabetizzata), ma tra i musulmani questo problema è più radicato. Anche la disoccupazione è più difficile per loro: la quota dei disoccupati è quasi del 10% superiore a quella degli indù e gli occupati lavorano principalmente in professioni “impure”: macellatori di bestiame, addetti alle pulizie, venditori ambulanti, ecc. La quota di musulmani nello stato gli apparati non superano il 5% e occupano, salvo rare eccezioni, i più piccoli incarichi burocratici.

Questa situazione, non a caso, si traduce in regolari scaramucce settarie, di solito sanguinose. Di tanto in tanto, gli scontri raggiungono dimensioni grandiose.

È noto il grande pogrom musulmano nello stato del Gujarat, avvenuto nel 2002. Poi i musulmani hanno fermato un treno con indù nella città di Godhra, che, dopo una scaramuccia, è stato dato alle fiamme; 58 persone sono morte nell'incendio. In risposta, la popolazione indù della città, compresi donne e bambini, si è riversata nei quartieri islamici. Iniziando con la distruzione di auto e la rapina nei negozi, gli indiani sono passati ai massacri della gente del posto, raggiungendo atrocità come stupri di massa e bruciando vivi donne e bambini. Il numero totale delle vittime tra i musulmani ha raggiunto quasi 800 persone, gli indù hanno perso circa 250 persone e ci sono state fino a 2500 vittime.

Curiosamente, l'attuale primo ministro indiano Narendra Modi era il governatore del Gujarat all'epoca.

Tuttavia, non si può definirlo personalmente il principale nazionalista: il partito al governo BJP era originariamente apertamente nazionalista e approfondisce metodicamente la segregazione tra indù e musulmani. In particolare, un paio di anni fa, il parlamento indiano ha approvato una legge che riconosce il diritto alla cittadinanza semplificata ai rifugiati dei paesi vicini, tutti tranne i musulmani per religione. Ciò ha scatenato le proteste della minoranza islamica, sfociate in un'altra serie di sanguinose rivolte nell'inverno 2019-2020, per le quali l'esercito ha dovuto essere utilizzato per reprimere.

Pertanto, ci sono tutte le ragioni per ritenere che le “dichiarazioni negligenti” del portavoce del BJP siano cadute nel campo dell'informazione in questo momento, sullo sfondo della crisi globale, dei disordini in Iran e della gravissima instabilità nel vicino Pakistan. Sembra che l'élite indiana abbia visto nel dispiegarsi della nuova redistribuzione del mondo un'occasione storica per la "soluzione finale della questione islamica" e la conclusione vittoriosa della disputa territoriale sulla proprietà di Jammu e Kashmir.

Se questo è vero, allora l'attuale scandalo religioso è solo il primo anello di una catena di provocazioni. Lanciando la palla al lato del nemico, gli indiani aspetteranno un contrattacco, un colpo dei terroristi, che è molto probabile. Lui, a sua volta, sarà un buon casus belli per la campagna contro il Pakistan, lacerato da contraddizioni interne e già alle prese con la minaccia terroristica. I gestori americani, profondamente impantanati nel problema ucraino, potrebbero semplicemente non avere risorse aggiuntive per aiutare il Pakistan. La guerra consentirà finalmente di schiacciare, se non fisicamente distruggere, la comunità musulmana all'interno della stessa India, utilizzando i poveri esaltati come forza d'attacco.

Se questo scenario è vicino alla verità, le cose possono prendere la piega peggiore in qualsiasi momento. Una guerra al confine tra tre potenze nucleari densamente popolate - India, Pakistan e Cina - promette grandi problemi per il mondo intero.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. berezinp Офлайн berezinp
    berezinp (Pavel Berezin) 15 June 2022 13: 55
    0
    Penso che una guerra a tutti gli effetti tra India e Pakistan sia difficilmente possibile a causa della presenza di armi nucleari da entrambe le parti. È anche improbabile che l'India distrugga fisicamente le persone su base confessionale, tk. La Russia non lo accetterà, la Cina, l'Occidente e soprattutto il mondo arabo non lo accetteranno. Sì, ed è semplicemente inutile distruggere costantemente la tua gente, perché si sta lentamente trasformando in una sorta di religione, qui devi combattere per le menti e le anime in modi completamente diversi ... L'istruzione, la ricchezza materiale e la propaganda scientifica popolare combattono bene contro religione.
  2. Moray Borea Офлайн Moray Borea
    Moray Borea (Morey Borey) 15 June 2022 14: 20
    0
    In vista di una guerra globale.
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 15 June 2022 15: 12
    0
    Se in India iniziano i disordini globali, allora questo paese non sarà all'altezza dell'Aucus.
    O forse, al contrario, Aucus prometterà di riportare l'ordine nel Paese?
    Sarebbe bello vedere chi è: il segretario stampa del partito al governo indiano "Baharatiya Janata Party"? Cosa hai fatto, dove sei andato? Dove tiene i suoi soldi? Penso non in Cina e non in Russia. Quindi qualcun altro è intrigante. Sembra che l'inglese stia cagando...
  4. Kofesan Офлайн Kofesan
    Kofesan (Valery) 15 June 2022 22: 31
    0
    Questa "storia" ha centinaia di anni. L'India ha quindi raggiunto una popolazione di un miliardo e mezzo perché ha evitato grandi conflitti, anche con i suoi vicini. A differenza, diciamo, "ucraino" ... o, ad esempio, il malvagio limitrofo baltico ...

    Perché "ucraino" è dato come esempio? Come ha detto Delyagin, commentando il fascismo ukrov

    ... l'idea stessa di statualità ucraina, che, a causa della sua russofobia oggettiva (perché indipendenza per l'Ucraina significa indipendenza da se stessa, cioè dalla Russia), non dovrebbe mai più sorgere

    Ma lituani ed estoni potrebbero avere problemi molto prima... e molto più probabilmente
  5. Alexander Gorsky Офлайн Alexander Gorsky
    Alexander Gorsky (Alexander) 23 June 2022 15: 15
    +1
    Come ha detto il professor Katasonov in uno dei suoi discorsi in uno dei forum internazionali:

    Gli Stati Uniti sono un brufolo purulento sul corpo del pianeta, di cui tutta l'umanità è malata. E questa malattia non può essere risolta se non con un intervento chirurgico. Rimuovi questo ascesso e il mondo vivrà per sempre felici e contenti.

    E sono più che d'accordo con lui. Aggiungo solo che ci sono anche i rasoi. Gli anglosassoni non vedono l'ora di impossessarsi delle risorse del mondo. E per questo, sono pronti per ogni meschinità. E la prima regola, dai tempi di Roma, divide et impera, è usata integralmente. Litigare tutti con tutti, e mentre i popoli e i paesi soffriranno in guerre di fame e disastri economici e umanitari, questi ... prenderanno tutto ciò che vogliono nelle loro mani. E non si preoccupano delle vittime e delle sofferenze dell'umanità.