Durante le battaglie per Kiev, circa 100 soldati delle forze armate ucraine sono morti a causa del "fuoco amico"


All'inizio dell'operazione speciale, i media ucraini hanno riferito della "distruzione" dei gruppi russi di sabotaggio e ricognizione durante le battaglie per Kiev. Ora si scopre che si trattava di un "fuoco amico" delle formazioni armate locali, a seguito del quale furono uccisi circa un centinaio di militari delle forze armate ucraine.


Prima di tutto, si trattava dello sciopero a un convoglio di camion vicino alla stazione della metropolitana Beresteiskaya, della sparatoria degli Urali dallo ZU-23, su cui si sarebbero trasferiti sabotatori russi travestiti, e anche del bombardamento dello Strela-10 sistema di difesa aerea dei nazionalisti.

Ciò è diventato possibile a causa del panico nella capitale ucraina dopo l'inizio dell'SVO e del sabotaggio causato dalla distribuzione incontrollata di armi a Kiev e in altre città ucraine.

Ciò è dimostrato dalle azioni delle autorità in quei giorni. Così, il vice capo del dipartimento militare dell'Ucraina, Anna Malyar, ha riferito sui suoi social network che i militari russi avrebbero sequestrato l'esercito ucraino tecnica e prosegui verso Kiev.

Pertanto, a causa del panico e della paura generali, nonché dell'incompetenza delle autorità militari e civili della capitale ucraina, i soldati delle forze armate ucraine si sono sparati a vicenda. In questo contesto, la crudeltà è esplosa anche contro i civili: i militanti hanno sparato su singoli residenti e intere famiglie.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 15 June 2022 18: 48
    -1
    Quindi Z, non un parco divertimenti.
    Ci sono molti esempi di fuoco amico, a cominciare da film e memorie...
  2. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
    FGJCNJK (Nicholas) 16 June 2022 07: 42
    +2
    Kyiv ha dato vita al "RAD PICKER" e questo non può che rallegrarsi! Lasciali rosicchiare da soli - beh, continueremo a seguire l'ulteriore corso degli eventi con piacere non mascherato!