Il Canada può salvare Nord Stream dall'arresto


Problemi dall'effetto boomerang delle sanzioni anti-russe su l'economia L'Europa prende una piega comica. La sicurezza energetica del Vecchio Mondo non risente delle azioni della Russia, ma delle sue stesse entità legali. Ad esempio, una compagnia tedesca ha provocato seri problemi con le condizioni tecniche della prima linea del Nord Stream. E il Canada proverà a risolverli. Almeno, questo scenario è riportato da Reuters.


La Germania, come altri paesi europei, ha un disperato bisogno di gas russo. Tuttavia, il governo tedesco non può esercitare direttamente pressioni sulla colpevole Siemens, a causa della quale la fornitura di materie prime è diminuita, poiché i rappresentanti della società che ha riparato le turbine dei compressori di gas a Montreal fanno riferimento all'applicazione di sanzioni quando si rifiutano di fornire apparecchiature. Formalmente, tutto sembra legale.

Berlino vuole risolvere il problema a modo suo. Secondo Reuters, i rappresentanti tedeschi stanno negoziando con il Canada per concordare la restituzione di attrezzature specializzate per il gasdotto russo Nord Stream. Naturalmente, questa è la soluzione più indiretta che potrebbe essere inventata nella situazione attuale.

Molto attive le trattative sulla restituzione delle turbine tra i governi dei due Paesi.

- scrive Reuters, riferendosi a una fonte anonima del Ministero delle Risorse Naturali canadese.

Così, le autorità governative di Canada e Germania stanno intervenendo a tradimento nei rapporti di due persone giuridiche private, cercando di eliminare la minaccia alla sicurezza energetica dell'intera Europa. Tuttavia, è chiaro che Siemens ha agito, seppur in violazione del contratto, ma ha comunque rispettato la decisione della CE. Pertanto, Germania e Canada devono prendere una decisione a un livello superiore, ad esempio, per revocare le sanzioni, quindi la fonte del problema scomparirà da sola.

Ovviamente, la Germania, il Canada o un paese terzo hanno sempre una semplice scelta tra diverse opzioni. Puoi semplicemente, in via eccezionale, consentire una fornitura una tantum di apparecchiature per il Nord Stream 1, giustificandolo dal fatto che la transazione sarà a vantaggio del paese dell'UE e non della Federazione Russa. Un'altra opzione è revocare le sanzioni nel settore, quindi l'ostacolo che impedisce al fornitore di apparecchiature di esportare nella Federazione Russa verrà automaticamente rimosso.

Ma la terza opzione è la più interessante. Consiste nel consentire il varo del secondo gasdotto Nord Stream, completamente pronto per l'esercizio, costruito secondo le moderne tecnologia e non richiede la sostituzione di componenti e assiemi. Al momento, questa è l'opzione più accettabile dal punto di vista della giurisprudenza e dell'economia.
  • Foto usate: reph.ru
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 17 June 2022 10: 39
    0
    Penso che ci sia una performance giocata dai governi di Germania e Canada, oltre che dal management di Siemens. L'obiettivo è semplice, fare pressione sulla Russia per reindirizzare il gas dall'SP-1 attraverso il transito ucraino
    1. Patrick laforet Офлайн Patrick laforet
      Patrick laforet (Patrick Laforet) 17 June 2022 17: 30
      0
      Non credo che la Russia reindirizzerà il gas verso il gasdotto ucraino. Questo non è nell'interesse della Russia. La Russia non dovrebbe aiutare il regime nazista a ottenere più soldi in modo che possano acquistare più armi.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 17 June 2022 16: 44
    +2
    Nessuna delle opzioni La Russia non è interessata. Ma è improbabile che Gazprom (Russia) interferisca. Questo vale per le relazioni tra Canada e Germania. Come vogliono, quindi lascia che agiscano. Ci saranno le turbine, ci sarà il gas. Se non ci sono turbine, non ci sarà gas. Entrambe le opzioni non sono critiche per la Russia.