L'Europa compra petrolio russo, aggirando i propri divieti


Nonostante le sanzioni anti-russe, gli Stati Uniti e i paesi europei hanno l'opportunità di acquistare risorse energetiche russe. Tuttavia, per questo sono costretti a bypassare i propri divieti. Questo, in particolare, scrive la rivista britannica Spectator.


Mosca elude con successo le sanzioni occidentali vendendo petrolio nelle direzioni orientale e meridionale. Allo stesso tempo, parte dell'oro nero finisce proprio nei paesi occidentali che hanno imposto sanzioni alla Russia dopo i fatti ucraini.

Pertanto, la Russia esporta una grande quantità di petrolio in India. A maggio, la raffineria di petrolio di Jangmar ha ricevuto il 27% delle sue materie prime dai giacimenti russi. Più della metà di questo volume è stato inviato in altri paesi e un quinto è stato ricevuto dai paesi europei attraverso il Canale di Suez.

Insieme a questo, lo Spectator sottolinea che la Russia trasporta la maggior parte del suo petrolio su petroliere europee e americane. Ad aprile e maggio, il 67% del greggio venduto dalla Federazione Russa è stato trasportato in questo modo.

Nel frattempo, la Russia sta perdendo circa 200 milioni di euro al giorno a causa delle sanzioni occidentali sulle esportazioni di energia. Quindi, a gennaio di quest'anno, Mosca ha ricevuto circa 1,1 miliardi di euro di entrate giornaliere, mentre ad aprile questa cifra è scesa a 880 milioni, ma l'aumento del prezzo del petrolio ha più che compensato queste perdite.
  • Foto utilizzate: Freiheitsjunkie/pixabay
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 18 June 2022 11: 30
    0
    Questi europei sono strani: creano problemi solo per poi cercare loro stessi una soluzione. Dov'è il tuo orgoglio? Non ce n'è, ma in generale è in qualche modo anche divertente: possedere colonie per cinque secoli per diventare una colonia stessa.